Xi Jinping: “Affrontare le sfide e costruire un futuro luminoso attraverso la cooperazione”

image_pdfimage_print

di Giulio Chinappi

Tra il 20 e il 22 aprile si è tenuto il tradizionale appuntamento con il Forum di Boao per l’Asia, nella provincia cinese dello Hainan. Di seguito vi proponiamo la traduzione del messaggio video inviato dal presidente Xi Jinping per la cerimonia di apertura dell’evento.

 

Eccellenze Capi di Stato e di Governo,
Eccellenze Capi delle Organizzazioni Internazionali,
Eccellenze Membri del Consiglio di Amministrazione del Forum di Boao per l’Asia,
Illustri ospiti,
Signore e signori,
Cari amici,

È per me un grande piacere unirmi ancora una volta ad amici vecchi e nuovi online per la Conferenza annuale del Forum di Boao per l’Asia 2022. Voglio iniziare porgendo, a nome del governo e del popolo cinese e anche a mio nome, un cordiale benvenuto a tutti ospiti partecipanti e calorose congratulazioni per la convocazione della Conferenza annuale.

In questo momento, i cambiamenti del mondo, dei nostri tempi e della storia si stanno svolgendo in modi mai visti prima. Questi cambiamenti pongono sfide che devono essere prese sul serio dall’umanità. Dobbiamo ancora uscire dall’ombra di una pandemia che capita una volta ogni secolo, ma stanno già emergendo nuovi tradizionali rischi per la sicurezza. La debole e vacillante ripresa economica mondiale è aggravata da un crescente divario di sviluppo. Sebbene il deficit di governance in aree come il cambiamento climatico sia stato a malapena affrontato, anche nuove questioni come la governance digitale sono in lizza per l’attenzione. Visto in un tale contesto, il tema della conferenza annuale di quest’anno “Il mondo nel COVID-19 e oltre: lavorare insieme per lo sviluppo globale e il futuro condiviso” non può essere più rilevante.

Come recita un antico adagio cinese, “Non si deve cambiare il proprio impegno o rinunciare alla propria ricerca anche di fronte al pericolo e al rischio”. Una rassegna della storia umana ci insegna che più le cose diventano difficili, maggiore è il bisogno di mantenere la fiducia. I problemi non devono incutere paura, poiché è un problema dopo l’altro che ha guidato il progresso della società umana. Nessuna difficoltà potrà mai fermare la ruota della storia. Di fronte alle tante sfide, non dobbiamo perdere la fiducia, esitare o sussultare. Invece, dobbiamo rafforzare la fiducia e andare avanti contro ogni previsione.

Signore e signori,
Amici,

Affinché noi possiamo superare la nebbia e abbracciare un futuro luminoso, la forza più grande viene dalla cooperazione e il modo più efficace è attraverso la solidarietà. Negli ultimi due anni e più, la comunità internazionale ha lavorato duramente per rispondere alla sfida del COVID-19 e promuovere la ripresa e lo sviluppo globali. Le difficoltà e le sfide sono ancora un altro promemoria del fatto che l’umanità è una comunità con un futuro condiviso in cui tutti i popoli si levano in piedi o cadono insieme, e che tutti i Paesi devono seguire la tendenza dei tempi caratterizzati da pace, sviluppo e cooperazione vantaggiosa per tutti, muoversi nella direzione di costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità e affrontare le sfide e costruire un futuro luminoso attraverso la cooperazione.

Dobbiamo lavorare insieme per difendere la vita e la salute delle persone. La sicurezza e la salute sono il presupposto per lo sviluppo e il progresso umano. Affinché l’umanità ottenga una vittoria finale contro la pandemia di COVID-19, sono necessari sforzi più duri. È essenziale che i Paesi si sostengano a vicenda, coordinino meglio le misure di risposta e migliorino la governance globale della salute pubblica, in modo da formare una forte sinergia internazionale contro la pandemia. Dobbiamo rendere i vaccini contro il COVID un bene pubblico globale e garantire la loro accessibilità e convenienza nei Paesi in via di sviluppo. La Cina ha fornito oltre 2,1 miliardi di dosi di vaccini a più di 120 Paesi e organizzazioni internazionali. Che si tratti di fornire vaccini all’estero o di produrli all’estero, la Cina ha onorato i propri impegni con azioni concrete. La Cina seguirà la donazione promessa di 600 milioni e 150 milioni di dosi di vaccini rispettivamente all’Africa e ai paesi dell’ASEAN (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico, ndt), come parte del nostro sforzo per colmare il divario di immunizzazione.

Dobbiamo lavorare insieme per promuovere la ripresa economica. La pandemia di COVID-19 ha seriamente eroso i progressi che il mondo ha ottenuto nella riduzione della povertà negli ultimi dieci anni. La ripresa irregolare sta aggravando le disuguaglianze nel mondo, allargando ulteriormente il divario nord-sud. Dovremmo rimanere impegnati a costruire un’economia mondiale aperta, rimanere al passo con la tendenza dominante della globalizzazione economica, aumentare il coordinamento delle politiche macro, rivolgerci alla scienza e alla tecnologia per ulteriori fattori di crescita, mantenere stabili le catene industriali e di approvvigionamento globali e prevenire gravi ricadute negative dagli adeguamenti delle politiche in alcuni Paesi, il tutto nel tentativo di promuovere uno sviluppo globale equilibrato, coordinato e inclusivo. Dovremmo seguire un approccio centrato sulle persone, mettere lo sviluppo e il benessere delle persone in cima all’agenda e, quando le politiche vengono attuate, le misure adottate e le azioni intraprese, dare sempre la massima priorità al miglioramento della vita delle persone. Dovremmo prestare la dovuta attenzione alle pressanti esigenze dei Paesi in via di sviluppo e promuovere la cooperazione pratica in settori chiave come la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, il finanziamento dello sviluppo e l’industrializzazione, nel tentativo di affrontare lo sviluppo ineguale e inadeguato. L’Iniziativa di sviluppo globale (GDI, Global Development Initiative) che ho proposto l’anno scorso è stata ripresa e sostenuta dalle Nazioni Unite e da altre organizzazioni internazionali e da quasi 100 Paesi. La Cina sta lavorando con la comunità internazionale alla solida attuazione della GDI.

Dobbiamo lavorare insieme per mantenere la pace e la stabilità nel mondo. Un antico filosofo cinese ha osservato: “La stabilità porta prosperità a un Paese mentre l’instabilità porta un Paese alla povertà”. La sicurezza è il presupposto per lo sviluppo. Noi umanità viviamo in una comunità di sicurezza indivisibile. È stato dimostrato più e più volte che la mentalità della Guerra Fredda distruggerebbe solo il quadro della pace globale, che l’egemonismo e la politica di potere metterebbero solo in pericolo la pace mondiale e che il confronto tra blocchi non farebbe che esacerbare le sfide alla sicurezza nel 21° secolo. Per promuovere la sicurezza per tutti nel mondo, la Cina vorrebbe proporre una Global Security Initiative come segue:

È importante rimanere impegnati nella visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile e lavorare insieme per mantenere la pace e la sicurezza nel mondo; rimanere impegnati a rispettare la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi, sostenere la non interferenza negli affari interni e rispettare le scelte indipendenti dei percorsi di sviluppo e dei sistemi sociali fatte dai popoli nei diversi Paesi; rimanere impegnati a rispettare gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, rifiutare la mentalità della Guerra Fredda, opporci all’unilateralismo e dire no alla politica di gruppo e al confronto tra blocchi; impegnarci a prendere sul serio le legittime preoccupazioni in materia di sicurezza di tutti i Paesi, sostenere il principio della sicurezza indivisibile, costruire un’architettura di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile e opporci al perseguimento della propria sicurezza a scapito della sicurezza degli altri; rimanere impegnati a risolvere pacificamente le divergenze e le controversie tra Paesi attraverso il dialogo e la consultazione, sostenere tutti gli sforzi volti alla soluzione pacifica delle crisi, respingere i doppi standard e opporci all’uso sfrenato di sanzioni unilaterali e giurisdizione a braccio lungo; impegnarsi a mantenere la sicurezza in entrambi i settori tradizionali e non tradizionali e lavorare insieme su controversie regionali e sfide globali come il terrorismo, i cambiamenti climatici, la sicurezza informatica e la biosicurezza.

Dobbiamo lavorare insieme per affrontare le sfide della governance globale. I Paesi di tutto il mondo sono come passeggeri a bordo della stessa nave che condividono lo stesso destino. Affinché la nave possa navigare nella tempesta e salpare verso un futuro radioso, tutti i passeggeri devono unirsi. L’idea di gettare qualcuno in mare è semplicemente inaccettabile. Al giorno d’oggi, la comunità internazionale si è evoluta così tanto da diventare un apparato sofisticato e integrato. Agire per asportare qualsiasi singola parte causerà seri problemi al suo funzionamento. Quando ciò accadrà, sia le vittime che gli iniziatori di tali atti perderanno. Nel mondo di oggi, l’unilateralismo e l’eccessiva ricerca dell’interesse personale sono destinati a fallire; così sono le pratiche di disaccoppiamento, interruzione della fornitura e pressione massima; così sono i tentativi di creare “piccoli cerchi” o di alimentare conflitti e confronti lungo linee ideologiche. Invece, dobbiamo abbracciare una filosofia di governance globale che enfatizzi l’ampia consultazione, il contributo congiunto e i benefici condivisi, promuova i valori comuni dell’umanità e sostenga gli scambi e l’apprendimento reciproco tra le civiltà. Dobbiamo sostenere un vero multilateralismo e salvaguardare fermamente il sistema internazionale con l’ONU al centro e l’ordine internazionale sostenuto dal diritto internazionale. È particolarmente importante che i principali Paesi diano l’esempio nel rispetto dell’uguaglianza, della cooperazione, della buona fede e dello stato di diritto e agiscano in modo adeguato al loro status.

Signore e signori,
Amici,

Dopo aver attraversato guerre calde e fredde, difficoltà e tribolazioni, i popoli in Asia apprezzano profondamente il valore della pace e comprendono che i guadagni in termini di sviluppo non sono facili. Negli ultimi decenni, l’Asia ha goduto di una stabilità generale e di una rapida crescita sostenuta, rendendo possibile il miracolo asiatico. Quando l’Asia se la cava bene, il mondo intero ne trae vantaggio. Pertanto, dobbiamo continuare a sviluppare e rafforzare l’Asia, dimostrare la resilienza, la saggezza e la forza dell’Asia e fare dell’Asia un’ancora per la pace mondiale, un motore per la crescita globale e un nuovo passo avanti per la cooperazione internazionale.

In primo luogo, dobbiamo salvaguardare risolutamente la pace in Asia. La pace e la stabilità nella nostra regione non ci cadono automaticamente in grembo né arrivano come carità da nessun Paese. Piuttosto, sono il risultato degli sforzi congiunti dei Paesi della regione. I cinque principi della pacifica convivenza e dello spirito di Bandung, sostenuti per la prima volta dall’Asia, sono oggi tanto più rilevanti. Dovremmo onorare principi come il rispetto reciproco, l’uguaglianza, il vantaggio reciproco e la convivenza pacifica, seguire una politica di buon vicinato e amicizia e assicurarci di mantenere sempre il nostro futuro nelle nostre mani.

In secondo luogo, dovremmo promuovere con vigore la cooperazione asiatica. Molti proverbi asiatici descrivono il valore della solidarietà e della cooperazione, come “salire insieme la collina e scendere insieme il burrone” e “canna da zucchero e citronella crescono in fitti ciuffi”. La cooperazione vantaggiosa per tutti è un percorso sicuro per lo sviluppo asiatico. L’entrata in vigore del Partenariato Economico Comprensivo Regionale (RCEP, Regional Comprehensive Economic Partnership) e l’apertura al traffico della ferrovia Cina-Laos hanno efficacemente potenziato la connettività istituzionale e fisica nella nostra regione. Dovremmo cogliere queste opportunità per promuovere un mercato asiatico più aperto e fare nuovi passi avanti nella cooperazione reciprocamente vantaggiosa.

Terzo, dovremmo promuovere congiuntamente l’unità asiatica. Scegliere il dialogo e la cooperazione rispetto ai giochi a somma zero, l’apertura e l’inclusività rispetto a un approccio a porte chiuse ed esclusivo, e gli scambi e l’apprendimento reciproco rispetto al senso di superiorità: questa è l’unica scelta degna dell’apertura mentale degli asiatici. Dovremmo consolidare la centralità dell’ASEAN nell’architettura regionale e sostenere un ordine regionale che equilibri le aspirazioni e soddisfi gli interessi di tutte le parti. I Paesi, indipendentemente dalle loro dimensioni e forza, sia all’interno che all’esterno della regione, dovrebbero tutti aggiungere splendore piuttosto che problemi all’Asia. Tutti dovrebbero seguire la via della pace e dello sviluppo, cercare una cooperazione vantaggiosa per tutti e contribuire insieme a una famiglia asiatica di unità e progresso.

Signore e signori,
Amici,

Due mesi fa, la Cina ha presentato al mondo una snella, sicura e splendida edizione dei Giochi Olimpici e Paralimpici invernali, portando calore e speranza ai popoli di tutto il mondo. Nella seconda metà di quest’anno convocheremo il 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, che disegnerà il progetto per lo sviluppo futuro della Cina.

I fondamentali dell’economia cinese – la sua forte resilienza, l’enorme potenziale, l’ampio margine di manovra e la sostenibilità a lungo termine – rimangono invariati. Forniranno grande dinamismo per la stabilità e la ripresa dell’economia mondiale e più ampie opportunità di mercato per tutti i Paesi. La Cina applicherà pienamente la sua nuova filosofia di sviluppo, accelererà l’istituzione di un nuovo paradigma di sviluppo e raddoppierà gli sforzi per uno sviluppo di alta qualità. Non importa come cambierà il mondo, la fiducia della Cina e il suo impegno per le riforme e l’apertura non vacilleranno. La Cina amplierà l’apertura di standard elevati, attuerà completamente l’elenco negativo per gli investimenti esteri, amplierà il catalogo incoraggiato per gli IDE, migliorerà i servizi per la promozione degli investimenti e aggiungerà più città al programma pilota completo per l’apertura del settore dei servizi. La Cina adotterà misure concrete per sviluppare le sue zone di libero scambio pilota e il porto di libero scambio di Hainan, allinearsi con regole economiche e commerciali internazionali di alto livello e andare avanti con l’apertura istituzionale. La Cina attuerà pienamente l’RCEP, cercherà la conclusione di accordi di libero scambio di alto livello con più Paesi e regioni e lavorerà attivamente per aderire all’accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico (CPTPP) e all’accordo di partenariato per l’economia digitale (DEPA). La Cina andrà avanti con la cooperazione Belt and Road di alta qualità per renderla di alto livello, sostenibile e incentrata sui popoli. La Cina seguirà fermamente la via dello sviluppo pacifico e sarà sempre un costruttore di pace mondiale, un contributore allo sviluppo globale e un difensore dell’ordine internazionale.

Signore e signori,

Amici,

Consentitemi di concludere con un vecchio detto cinese: “Continua a camminare e non sarai intimidito da mille miglia; fai sforzi costanti e non sarai intimidito da mille compiti”. Finché ci uniamo per mano e non rallenteremo mai gli sforzi, costruiremo una grande sinergia attraverso una cooperazione vantaggiosa per tutti, supereremo le varie sfide lungo la strada e inaugureremo un futuro più luminoso e migliore per l’umanità.

Grazie.

Pubblicato su World Politics Blog

Foto: Ding Haitao, Xinhua, Afp / Agi.it

28 aprile 2022