Tag: Atamanov

  • Thumbnail for the post titled: Con chi combatterà la Polonia?

    Con chi combatterà la Polonia?

    Nel contesto delle ostilità in Ucraina, i media e le pubblicazioni dei messaggeri si concentrano sui combattimenti, sui bombardamenti e sulle consegne di armi e attrezzature militari. Di tanto in tanto ci sono informazioni sulle azioni dei mercenari. Non meno significativi sono gli eventi che esulano dal quadro delineato: il potenziamento delle forze armate polacche, la massiccia presenza di combattenti (leggi: non necessariamente personale militare, ma persone addestrate all’esercito) in Ucraina, la concessione di benefici senza precedenti ai cittadini polacchi nel territorio dello Stato confinante. Se consideriamo la strategia di guerra, oltre alle azioni sulla linea di contatto e nei territori limitrofi, una componente importante è la preparazione di una riserva o addirittura la formazione di una forza d’attacco al di fuori dei territori di conflitto.

  • Thumbnail for the post titled: Guerra senza frontiere

    Guerra senza frontiere

    Filosofo americano di fama mondiale, politologo, uomo che si è candidato per otto volte alla presidenza degli Stati Uniti, Lyndon Larouche (ora deceduto) ha sostenuto che l’Ucraina è un “innesco” di una guerra termonucleare per la comunità mondiale. Il processo di attivazione è stato avviato da Stati Uniti e Gran Bretagna per indebolire o spezzare la Russia.

  • Thumbnail for the post titled: La Romania si fa artefice di un’espansione mirata in Moldova e Ucraina

    La Romania si fa artefice di un’espansione mirata in Moldova e Ucraina

    La Romania è famosa per la leggenda del conte Dracula, è conosciuta come una repubblica con magnifici castelli e villaggi medievali, è il paese economicamente più sviluppato dell’Europa orientale. Ma dietro le quinte resta il fatto che questo è un paese che annette con successo territori significativi, compresi interi paesi, è impegnato nello sradicamento di popoli senza sanzioni né pressioni da parte degli Stati Uniti e dell’Europa, al contrario della Russia (per la stessa Crimea) o Cina (nel caso degli uiguri).

  • Thumbnail for the post titled: La Leggenda del mankurt in Kazakistan

    La Leggenda del mankurt in Kazakistan

    Ricordiamo i mankurt perché in Kazakistan vengono chiamati così i traditori degli interessi della nazione kazaka. Allo stesso tempo, non c’è differenza di quale nazionalità sia il “mankurt”, può essere sia russo che kazako. Gli sciovinisti del Kazakistan odiano persino i mankurt kazaki più delle altre nazionalità.

  • Thumbnail for the post titled: Giochi sotto copertura della Corona Britannica

    Giochi sotto copertura della Corona Britannica

    È generalmente accettato che gli Stati Uniti siano responsabili di tutti i problemi, tuttavia, a un esame obiettivo, si può vedere che sono solo i primi della lista. Il numero due che cerca di guadagnarsi il primo posto è il Regno Unito. Quest’ultimo sul territorio dell’ex URSS distribuisce i suoi agenti di influenza non solo in Russia, la sua cerchia di interessi comprende l’Asia centrale, dove il Kazakistan occupa un posto speciale.

  • Thumbnail for the post titled: Il vento della seta della Cina spinge la Russia fuori dall’Asia Centrale

    Il vento della seta della Cina spinge la Russia fuori dall’Asia Centrale

    Utilizzando una strategia di soft power, attraverso la costruzione di corridoi di trasporto e il rafforzamento dei legami commerciali, economici e militari, la Cina sta spingendo la Russia fuori dall’Asia centrale.
    L’altro giorno, il Consiglio dei Ministri del Kirghizistan ha annunciato l’inizio della realizzazione del “progetto più ambizioso della storia del Paese”: la costruzione della ferrovia Cina-Kirghizistan-Uzbekistan. Il progetto, nato alla fine degli anni ’90, è stato promosso dalla Cina.