• Roe vs. Wade, diritti vs. vita - Roberto Pecchioli

Recent Posts

  • Thumbnail for the post titled: Roe vs. Wade, diritti vs. vita

    Roe vs. Wade, diritti vs. vita

    Gli ultimi eventi ci hanno messo di fronte a scelte nette, decisive. L’epidemia, con il suo carico di autoritarismo, potere sulla vita, violazione del corpo con sostanze non conosciute, e la conseguente scelta tra zòe, l’esistenza esclusivamente biologica, e bìos, la vita di corpo, anima e spirito. Poi è arrivata la guerra, la messa di fronte al fatto primordiale: amico o nemico. Il pacifismo programmatico –fuga dalle responsabilità- delle masse occidentali è messo alla prova da una realtà vicina, il conflitto tra popoli a noi prossimi per storia, geografia, razza, religione. Il ritorno della geopolitica unito alla riflessione sui fondamenti della vita.

  • Thumbnail for the post titled: Lettera di uno studente agli italiani

    Lettera di uno studente agli italiani

    Non scrivo questa lettera come rappresentante di qualcuno, di qualche fazione, di qualche gruppo in eterno conflitto con qualcun altro. Scrivo come essere umano, uguale a tutti voi, uno studente di 24 anni che ha dedicato la vita a studiare la società, la psicologia umana e le sue implicazioni, nel tentativo utopico di contribuire, con tutti i suoi limiti, a rendere il mondo un posto migliore per tutti, in cui le persone possano vivere in armonia, realizzate, felici e unite tra loro.

  • Thumbnail for the post titled: Il primo ministro bulgaro fa il bambinone dopo aver perso il voto di sfiducia

    Il primo ministro bulgaro fa il bambinone dopo aver perso il voto di sfiducia

    Fare il bambinone espellendo così tanti diplomatici russi dopo che i populisti lo hanno punito per le sue politiche anti-russe che hanno schiacciato l’economia del Paese, non è altro che una provocazione politica del Primo Ministro bulgaro volta ad alimentare la narrazione dei media mainstream dell’Occidente guidati dagli Stati Uniti che cercano di incolpare il Cremlino per tutto ciò che di negativo accade al giorno d’oggi.

  • Thumbnail for the post titled: Il piano del governo statunitense per dividere la Russia in piccoli Stati

    Il piano del governo statunitense per dividere la Russia in piccoli Stati

    Jens Stoltenberg, fantoccio NATO di Washington, afferma che i “negoziati di pace” e non la vittoria russa, porranno fine al conflitto in Ucraina. Stoltenberg conta quindi sul fatto che il Cremlino, i cui leader hanno dichiarato che non si fideranno mai più dell’Occidente, si sieda di nuovo al tavolo con l’Occidente e accetti un altro accordo inutile. Considerando la difficoltà del Cremlino ad accettare la realtà, suppongo che sia possibile.

  • Thumbnail for the post titled: Il vero terrorismo di Stato è la militarizzazione delle aree residenziali di Kiev

    Il vero terrorismo di Stato è la militarizzazione delle aree residenziali di Kiev

    La disputa su chi sia la colpa di ciò che è appena accaduto a Kremenchuk porta alla questione più ampia di cosa costituisca esattamente il terrorismo di Stato nel conflitto ucraino.

  • Thumbnail for the post titled: Giappone e Dixie: cosa hanno in comune due popoli soggiogati dall’impero yankee

    Giappone e Dixie: cosa hanno in comune due popoli soggiogati dall’impero yankee

    È difficile osservare la leadership politica del Giappone e del Sud che si assoggettano al regime globalista di Washington City in un momento così cruciale, quando i mali dell’ordine mondiale unipolare statunitense potrebbero subire un duro colpo: Il senatore Tom Cotton, il rappresentante Chip Roy, il premier Kishida, ecc. non stanno migliorando la vita dei popoli del mondo, né dei propri.

  • Thumbnail for the post titled: La Rus’ di Rurik

    La Rus’ di Rurik

    “Chi spiega correttamente il nome della Rus’ troverà la chiave per spiegare la sua storia primordiale”, ha scritto lo storico polacco A. R. Brueckner. Inoltre, non solo la sua storia primordiale, ma anche il “seme del suo logos”, il suo significato, e troverà la chiave del futuro della Russia. Come scrisse il monaco Andronik (A.F. Losev), “l’espressione greca EIS ONOMA o EN ONOMAK, “nel nome”, dimostra di per sé che il nome è una certa collocazione delle energie divine, e l’immersione e la residenza in esso di tutti gli esseri creati porta all’illuminazione e alla salvezza di questi ultimi”.

  • Thumbnail for the post titled: La leggenda di Colapesce: mito, storia, alchimia e scienza di un mito universale [1]

    La leggenda di Colapesce: mito, storia, alchimia e scienza di un mito universale [1]

    Poiché le serate culturali con il Circolo Culturale di Palermo vanno avanti, sono state scelte ancora una volta tematiche che riguardano la storia e i miti della Sicilia: dopo le serate dedicate a Dante Alighieri ( 1265- 1321), di Marzo/ Aprile 2021, a Leonardo Sciascia ( 1921- 1989) , di Maggio/ Giugno 2021, a Ludovico Ariosto (1474- 1933), di Ottobre/ Novembre, e a Giovanni Verga (1840- 1922), di Gennaio/ Febbraio 2022, le nuove giornate riguardano temi prettamente storici , ma con l’aggiunta di personaggi letterari legati alla Sicilia come lo scrittore Gesualdo Bufalino ( 1921- 1989 ) o il poeta Ignazio Buttitta ( 1899- 1997 ) .

  • Thumbnail for the post titled: 29 giugno: Pietro, Paolo, la forza del simbolo e i Segni dei Tempi

    29 giugno: Pietro, Paolo, la forza del simbolo e i Segni dei Tempi

    L’uomo è un essere calato nel tempo, è “fatto di tempo”, ma esso lascia che la sua storia – e ancor più la storia dell’umanità tutta – si sbiadisca, poiché il tempo ha per lui soltanto un connotato quantitativo. E così, la melior pars, gli sfugge. La storia si riduce ad anagrafica e storicismo.

  • Thumbnail for the post titled: Nuovi membri nei BRICS mentre in Italia si parla di emergenza idrica

    Nuovi membri nei BRICS mentre in Italia si parla di emergenza idrica

    L’insieme dei BRICS viene così a rappresentare in termini territoriali circa un terzo delle terre emerse del pianeta (42.557.166 kmq su 148 milioni di kmq – cui vanno sottratti i 14 milioni di kmq dell’Antartide, neutrale), in termini economici rappresenta il 25% del PIL mondiale, in termini demografici il 43% della popolazione mondiale.