La geopolitica energetica della Russia con Cina e India

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

I principali risultati di questa analisi sono diversi. In primo luogo, la geopolitica energetica della Russia con Cina e India è reciprocamente vantaggiosa. In secondo luogo, la strategia di diversificazione energetica della Cina è bilanciata dall’insaziabile appetito dell’India per le risorse russe a prezzi scontati. In terzo luogo, l’India sta rapidamente sostituendo la Cina come primo partner della Russia. In quarto luogo, né i suddetti elementi né le discussioni sino-americane in corso su una nuova distensione sono a somma zero per Mosca o Pechino. Infine, sta emergendo un nuovo equilibrio strategico globale.

 

Il nucleo RIC della transizione sistemica globale

La Cina e l’India sono i due principali partner della Russia nel mondo, con i quali la Russia collabora strettamente a livello bilaterale e multilaterale attraverso i BRICS e la SCO. Denominati collettivamente RIC, sono le forze trainanti della transizione sistemica globale verso il multipolarismo. Tutti e tre prevedono di riformare le relazioni internazionali in modo che siano più democratiche, eque e giuste, e un grande passo in questa direzione è stato compiuto attraverso la cooperazione energetica reciprocamente vantaggiosa tra Cina e India e la Russia.

 

Il ruolo della geopolitica energetica nella nuova guerra fredda

Prima di descrivere nel dettaglio le dinamiche delle relazioni energetiche della Russia con entrambi i Paesi, è importante sottolineare rapidamente come ciò contribuisca in primo luogo a far progredire il multipolarismo. In parole povere, garantire la sicurezza energetica di queste grandi potenze asiatiche crea una solida base economica su cui accelerare ulteriormente il loro sviluppo. Questo, a sua volta, stabilizza le loro società, scongiura trame di divisione e di dominio dettate dall’esterno e le rende forze più potenti con cui fare i conti nel Sud globale.

È in questi Paesi, che costituiscono la maggioranza dell’umanità, che si prevede che la nuova guerra fredda sarà combattuta più ferocemente per procura. Questa competizione mondiale è tra il miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud Globale guidato dai BRICS e dalla SCO (o Maggioranza Globale, come gli studiosi russi hanno recentemente iniziato a definirla) sulla direzione della transizione sistemica globale. Il primo vuole mantenere l’unipolarismo, mentre il secondo sta lavorando attivamente per costruire un futuro multipolare.

 

L’asse energetico russo-cinese

Dopo aver spiegato il grande contesto strategico in cui si svolge la geopolitica energetica della Russia con la Cina e l’India, è ora il momento di dettagliare ciascuno di questi due assi. Iniziando da quello russo-cinese, il forum commerciale sull’energia di martedì ha visto la condivisione di alcune importanti informazioni sui loro legami. Igor Sechin, amministratore delegato di Rosneft, ha rivelato che la Russia è ora il primo fornitore di petrolio della Cina, dopo aver fornito il 7% delle sue importazioni, e prevede che le forniture di GNL diventeranno uguali a quelle degli oleodotti nel prossimo futuro.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha ribadito la loro stretta collaborazione nel settore energetico e ha suggerito che lo sviluppo e la produzione congiunti di attrezzature potrebbero diventare la prossima fase in questo senso. Ha inoltre rivelato che stanno sviluppando un sistema di regolamento per bypassare SWIFT e condurre gli scambi nelle valute nazionali. Infine, è stata letta una dichiarazione del Presidente cinese Xi sull’intenzione del suo Paese di rafforzare ulteriormente i legami energetici con la Russia, soprattutto per quanto riguarda le energie rinnovabili.

 

L’asse energetico russo-indiano

Passando all’asse energetico russo-indiano, dall’inizio dell’operazione speciale di Mosca le importazioni di petrolio dello Stato dell’Asia meridionale sono aumentate di oltre 50 volte. Gli ultimi dati della società statunitense di mercati finanziari Refinitiv, che per coincidenza sono stati diffusi in concomitanza con il forum commerciale russo-cinese sull’energia di questa settimana, hanno mostrato che l’India ha acquistato il 40% del petrolio russo di qualità Urals, diventando così il principale importatore di Mosca di questa risorsa e il primo partner energetico di Delhi con il 22% del totale.

Se da un lato i dati hanno mostrato che la Cina ha importato 1,82 milioni di bpd a ottobre, rispetto al picco indiano di 935.556, dall’altro hanno rivelato che la prima ha rappresentato solo il 5% delle esportazioni via mare degli Urali a novembre, anche se gli esperti si aspettano che alcune petroliere dirette altrove cambino poi destinazione per la Repubblica Popolare. In ogni caso, il significato di questi dati è che la Cina è il primo partner energetico della Russia, ma la maggior parte delle sue importazioni avviene attraverso i gasdotti, mentre quelle dell’India sono via mare.

 

Confronto e contrasto

Questa osservazione chiarisce le recenti notizie secondo cui alcuni acquirenti cinesi avrebbero messo in pausa le importazioni di petrolio russo in vista dell’incombente tetto ai prezzi dell’Occidente, che entrerà in vigore il 5 dicembre. Sebbene questo possa essere interpretato come un tacito “gesto di buona volontà” da parte della Repubblica Popolare nei confronti del rivale americano per facilitare le discussioni in corso su una nuova distensione, si tratta di un gesto in gran parte superficiale, poiché la maggior parte delle importazioni di petrolio russo avviene attraverso gli oleodotti e quindi non avrà un impatto significativo sui legami bilaterali.

L’India, nel frattempo, ha respinto con orgoglio le pressioni senza precedenti esercitate dai suoi partner del Miliardo d’oro per continuare a espandere in modo completo la cooperazione energetica con la Russia, che è reciprocamente vantaggiosa. Nel grande contesto strategico della Nuova Guerra Fredda, questa è stata una potente mossa di sfida multipolare, considerando il desiderio di Delhi di bilanciarsi tra i due blocchi de facto. Senza esagerare, ha svolto un ruolo indispensabile nell’accelerare l’ascesa del Paese come Grande Potenza di rilevanza globale.

 

Acquisti cinesi via pipeline e acquisti indiani via mare

Alla luce di quanto detto finora in questa analisi sulle dinamiche della geopolitica energetica russa con Cina e India, appaiono evidenti alcune tendenze emergenti. In primo luogo, la Cina continuerà a fare affidamento soprattutto sugli oleodotti russi per ricevere il petrolio del Paese vicino, mentre l’India continuerà a fare affidamento sulle rotte marittime. Il primo è più economico perché riguarda contratti a lungo termine con prezzi fissi, mentre il secondo potrebbe essere un po’ più costoso a causa della loro assenza, ma questo non va dato per scontato.

Questo porta l’analisi alla seconda tendenza emergente: il ruolo di primo piano dell’India come principale importatore russo di energia via mare e la sua volontà politica di garantire autonomamente i propri interessi nazionali, nonostante le pressioni straniere, le conferiscono un’influenza maggiore nella grande pianificazione strategica di Mosca. La sproporzionata dipendenza del Cremlino dalle esportazioni di energia per attutire il colpo inferto alle sue entrate annuali dalle sanzioni occidentali potrebbe far sì che a Delhi vengano offerti anche allettanti accordi a lungo termine.

 

Le conseguenze della strategia di diversificazione energetica della Cina 

In terzo luogo, il “gesto di buona volontà” in gran parte superficiale della Cina nei confronti degli Stati Uniti, dopo che alcuni dei suoi importatori hanno riferito di aver sospeso l’acquisto di petrolio russo in vista dell’incombente tetto dei prezzi, potrebbe liberare più petrolio marittimo da acquistare dall’India, accelerando così la tendenza precedente. Inoltre, l’attiva diversificazione energetica di Pechino, con il suo recente accordo da 60 miliardi di dollari per 27 anni con il Qatar, potrebbe gradualmente erodere la posizione di Mosca come principale fornitore di energia.

Questo sviluppo potrebbe essere accelerato nel caso in cui la Cina riprendesse il suo impegno, di fatto congelato, alla fase uno dell’accordo commerciale dell’era Trump per l’acquisto di 50 miliardi di dollari di esportazioni energetiche statunitensi, al fine di facilitare la Nuova distensione o di ricompensare Washington per eventuali concessioni, come il rinvio indefinito delle spedizioni di armi a Taiwan. Questo non significa che la promessa del Presidente Xi di rafforzare i legami energetici con la Russia non sarà mantenuta, ma solo che l’impatto potrebbe non essere quello atteso.

Piuttosto, il punto degli ultimi due paragrafi è che la pragmatica strategia di diversificazione energetica della Cina non inciderà in modo significativo sulle relazioni con la Russia, grazie agli accordi esistenti per i gasdotti e a quelli auspicati per il GNL, come suggerito da Sechin, ma potrebbe liberare ancora più risorse da acquistare per l’India. Mosca sarebbe propensa a concedere condizioni preferenziali a Delhi per raggiungere accordi a lungo termine che garantiscano la stabilità di bilancio e alimentino l’ascesa del suo partner come Grande Potenza di rilevanza globale.

La quarta tendenza è quindi che i legami energetici russo-cinesi rimarranno stabili (anche se cambieranno gradualmente forma, passando maggiormente al GNL e infine alle energie rinnovabili), mentre quelli russo-indiani continueranno a crescere. Il limite del secondo sarà solo la capacità produttiva della Russia e la continua volontà politica dell’India di sfidare le pressioni occidentali. Questi aspetti possono essere corretti attraverso investimenti congiunti e la creazione di un sistema di pagamento non SWIFT de-dollarizzato come quello tra Russia e India.

 

Russia-India > Russia-Cina

Infine, l’ultima tendenza è che il partenariato strategico russo-indiano sta rapidamente sostituendo quello russo-cinese in termini di importanza per la grande strategia di Mosca. Questo non vuol dire che i legami russo-cinesi si deterioreranno – tutt’altro! – ma solo che si stanno “normalizzando” a fronte della lotta di Pechino per ricalibrare la sua grande strategia a causa delle perturbazioni sistemiche globali causate dal conflitto ucraino e delle discussioni in corso con Washington su una nuova distensione che ne derivano.

Questi ultimi sviluppi non sono negativi per le relazioni russo-cinesi, ma suggeriscono che la cosiddetta “epoca d’oro” dei loro legami, in cui si presumeva (con il senno di poi in modo impreciso) che fossero esattamente sulla stessa lunghezza d’onda l’uno con l’altro sotto tutti i punti di vista, è silenziosamente finita. Continueranno a lavorare a stretto contatto per riformare le relazioni internazionali in direzione multipolare attraverso la de-dollarizzazione e i forum multilaterali come i BRICS, ma stanno sempre più facendo le cose a modo loro.

Al contrario, le grandi strategie di Russia e India sono rapidamente convergenti da febbraio, quando entrambe le Grandi Potenze si sono rese conto di quanto siano sempre state complementari rispetto alla loro visione comune di superare l’impasse bimultipolare della transizione sistemica globale. Nessuna delle due voleva perpetuare indefinitamente il duopolio delle superpotenze sino-americane, che avrebbe potuto altrimenti radicarsi nelle relazioni internazionali, e per questo si sono impegnate congiuntamente per distruggerlo nell’ultimo anno.

 

Riflessioni conclusive

I principali risultati di questa analisi sono diversi. In primo luogo, la geopolitica energetica della Russia con Cina e India è reciprocamente vantaggiosa. In secondo luogo, la strategia di diversificazione energetica della Cina è bilanciata dall’insaziabile appetito dell’India per le risorse russe a prezzi scontati. In terzo luogo, l’India sta rapidamente sostituendo la Cina come primo partner della Russia. In quarto luogo, né i suddetti elementi né le discussioni sino-americane in corso su una nuova distensione sono a somma zero per Mosca o Pechino. Infine, sta emergendo un nuovo equilibrio strategico globale.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko Substack

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Tempi.it

1° dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube