Elezioni in Kazakistan

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il 20 novembre l’attuale presidente del Kazakistan è stato rieletto per un nuovo mandato di sette anni.

 

Sebbene dal punto di vista della politica mondiale, le elezioni in Kazakistan si siano svolte come un normale evento elettorale, gli specialisti dei paesi della CSI ritengono che sia piuttosto significativo. In realtà, è stato un tentativo personale di Qasym-Jomart Toqaev di assicurarsi la legittimità del popolo, così come dei suoi partner stranieri. I risultati erano prevedibili (oltre l’81% per Toqaev) e non c’erano praticamente falsificazioni, cioè le elezioni erano trasparenti. Allo stesso tempo, il ministero degli Affari esteri del Kazakistan ha reagito duramente alle critiche degli osservatori dell’Ufficio per le istituzioni democratiche dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE/ODIHR).

Le critiche delle istituzioni UE e la risposta dimostrano un certo raffreddamento del Kazakistan verso i “valori europei”, cui la repubblica aspirava costantemente nell’era di Nursultan Nazarbayev.

Arman Toktushakov, esperto dell’Istituto di economia e politica mondiale, a sua volta, ha espresso l’opinione che i kazaki che hanno votato per Toqaev fossero principalmente favorevoli alla stabilità del Paese, e allo stesso tempo hanno sostenuto le riforme in corso, sia politiche ed economico.

«Votando per Qasym-Jomart Toqaev, i kazaki hanno capito chiaramente che stavano votando per un politico forte che si è mostrato molto bene durante i tragici eventi di gennaio, quando il nostro paese era sotto la minaccia di una grave destabilizzazione e, in linea di principio, la sovranità della repubblica era nel limbo. In questa situazione critica, il presidente Toqaev si è dimostrato un politico esperto, forte e fermo ed è riuscito a portare il Paese fuori dalla crisi. Penso che la cifra dell’81% indichi che i kazaki si fidano e sostengono Qasym-Jomart Toqaev», afferma il politologo.

Nel complesso, il momento per indire elezioni anticipate è stato ben scelto. C’è un’opinione secondo cui lo svolgimento delle elezioni secondo il piano nel 2024 potrebbe comportare alcuni rischi per Toqaev.

Si presume che se il Kazakistan, sotto la guida di Toqaev, riesce a mantenere l’equidistanza nei rapporti con tutti i principali attori geopolitici della regione, allora lo sviluppo del Paese può accelerare in modo piuttosto brusco e nel tempo il suo status diventerà molto più significativo. Tuttavia, si dovrebbe tener conto del fatto che il Kazakistan è membro della CSTO e della EAEU, quindi sarà anche in questi sistemi. Per questo motivo, l’Occidente, così come attori come la Turchia, cercheranno di aumentare la loro influenza sul Kazakistan per staccarlo dall’integrazione eurasiatica e, direttamente, dalla Russia. Alla guida della repubblica spetterà quindi il compito di mantenere un equilibrio intelligente e di non fare passi affrettati.

Nel frattempo, il Kazakistan sta cercando di usare il suo peso nella CSTO per risolvere i conflitti latenti in Asia centrale e nel Caucaso.

Al vertice dell’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (CSTO) a Erevan il 23 novembre, il presidente del Kazakistan Qasym-Jomart Toqaev ha espresso la speranza che gli sforzi di mantenimento della pace della parte russa contribuiscano a risolvere il conflitto armeno-azero.

Secondo il servizio stampa del capo dello Stato, Toqaev, intervenendo al vertice, ha sostenuto i passi volti a una soluzione diplomatica del conflitto armeno-azero. «Siamo tutti interessati alla normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbaigian. Ci auguriamo che gli sforzi di mantenimento della pace della parte russa contribuiscano a risolvere il conflitto armeno-azero esclusivamente attraverso mezzi politici e diplomatici e portino le parti a firmare un trattato di pace», Toqaev ha detto in un comunicato stampa.

Lo stesso presidente ha affermato che «attueremo in modo chiaro e coerente la riforma costituzionale. Ci stiamo muovendo verso una nuova forma della struttura politica del paese. Cambiamenti fondamentali si verificheranno nell’economia. Miglioreremo il benessere dei cittadini. Per rendere tutti questi obiettivi una realtà, abbiamo bisogno di unità. Pertanto, vi invito tutti all’unità».

Al momento, la Russia ha una finestra di opportunità per rafforzare la sua posizione in Kazakistan. Deve assolutamente usarla.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

30 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube