Tag: dollaro

  • Thumbnail for the post titled: La leadership indiana nella tendenza alla de-dollarizzazione globale accelererà il multipolarismo

    La leadership indiana nella tendenza alla de-dollarizzazione globale accelererà il multipolarismo

    La de-dollarizzazione è una delle tendenze più impattanti della transizione sistemica globale verso il multipolarismo, che ha preceduto di mezzo anno l’ultima fase del conflitto ucraino provocata dagli Stati Uniti, ma che da allora ha subito un’accelerazione senza precedenti. La maggior parte degli osservatori aveva previsto che la Cina avrebbe preso il comando in questo senso, ma l’India ha inaspettatamente finito per svolgere questo ruolo, come ha confermato la presidente del Forum internazionale BRICS Purnima Anand parlando con i giornalisti mercoledì.

  • Thumbnail for the post titled: Il fuggitivo che ha cercato di scatenare una guerra tra Stati Uniti e Cina

    Il fuggitivo che ha cercato di scatenare una guerra tra Stati Uniti e Cina

    di Pepe Escobar

    Guo Wengui, noto anche come Guo Haoyun e con i nomi inglesi Miles Kwok e Miles Guo, è un miliardario cinese in esilio, politicamente legato e autoproclamatosi tale, che ha cercato di scatenare una guerra tra Stati Uniti e Cina.
    Il 15 febbraio, il miliardario ha presentato istanza di protezione per bancarotta personale ai sensi del Capitolo 11 presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti a Bridgeport, Connecticut, elencando attività di soli 3.850 dollari e passività tra i 100 e i 500 milioni di dollari. La dichiarazione di Guo è arrivata dopo che un money manager di Hong Kong, il Pacific Alliance Group, gli ha fatto causa per debiti non pagati.

  • Thumbnail for the post titled: È iniziata la de-dollarizzazione del mondo e non può essere fermata

    È iniziata la de-dollarizzazione del mondo e non può essere fermata

    Il presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin ha affermato che il processo di de-dollarizzazione è stato avviato in tutto il mondo e gli Stati non saranno più in grado di fermarlo.

  • Thumbnail for the post titled: Due analisi della politica economica statunitense

    Due analisi della politica economica statunitense

    L’obiettivo politico apparente del Federal Reserve Board è quello di gestire la massa monetaria e il credito bancario in modo da mantenere la stabilità dei prezzi. Questo di solito significa combattere l’inflazione, che viene attribuita interamente alla “troppa moneta”. Ai tempi del Congresso, più progressista, la Fed era incaricata di un secondo obiettivo: promuovere la piena occupazione. Il problema è che la piena occupazione dovrebbe essere inflazionistica e il modo per combattere l’inflazione è ridurre l’occupazione, che è vista semplicisticamente come determinata dall’offerta di credito.

  • Thumbnail for the post titled: La propaganda occidentale è la ragione per cui la guerra lampo delle sanzioni antirusse è fallita

    La propaganda occidentale è la ragione per cui la guerra lampo delle sanzioni antirusse è fallita

    La propaganda è stata riciclata come “verità” in modo così convincente che i politici occidentali hanno iniziato a operare sulla base delle sue false premesse.
    Il discorso programmatico del Presidente Putin al Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) di quest’anno è stato ricco di intuizioni di impressionante profondità che non possono essere adeguatamente riassunte in un solo articolo.

  • Thumbnail for the post titled: Il vento della seta della Cina spinge la Russia fuori dall’Asia Centrale

    Il vento della seta della Cina spinge la Russia fuori dall’Asia Centrale

    Utilizzando una strategia di soft power, attraverso la costruzione di corridoi di trasporto e il rafforzamento dei legami commerciali, economici e militari, la Cina sta spingendo la Russia fuori dall’Asia centrale.
    L’altro giorno, il Consiglio dei Ministri del Kirghizistan ha annunciato l’inizio della realizzazione del “progetto più ambizioso della storia del Paese”: la costruzione della ferrovia Cina-Kirghizistan-Uzbekistan. Il progetto, nato alla fine degli anni ’90, è stato promosso dalla Cina.

  • Thumbnail for the post titled: Morte per mille tagli: dov’è la strategia occidentale per l’Ucraina?

    Morte per mille tagli: dov’è la strategia occidentale per l’Ucraina?

    Se tutti conosciamo Sun Tzu, il generale, stratega militare e filosofo cinese che scrisse l’incomparabile Arte della guerra, meno noto è lo Strategikon, l’equivalente bizantino sulla guerra.
    La Bisanzio del VI secolo aveva davvero bisogno di un manuale, minacciata da est, in successione dalla Persia sassanide, dagli Arabi e dai Turchi, e da nord, da ondate di invasori delle steppe, Unni, Avari, Bulgari, Pecheneg seminomadi turchi e Magiari.

  • Thumbnail for the post titled: L’impatto della cooperazione strategica USA-UE sull’energia

    L’impatto della cooperazione strategica USA-UE sull’energia

    Ding Yifan e Shi Junqi, ricercatori dell’Istituto Taihe di Pechino, hanno pubblicato un articolo che analizza la dipendenza energetica dell’Europa ed in particolare la cooperazione energetica tra Stati Uniti e Unione Europea alla luce dei recenti avvenimenti in Ucraina. Di seguito la traduzione dell’articolo.

  • Thumbnail for the post titled: Sull’orlo della rottura? Il crollo del dollaro e gli alleati degli USA

    Sull’orlo della rottura? Il crollo del dollaro e gli alleati degli USA

    La partnership transatlantica continua a vacillare apertamente: gli alleati litigano fra loro per l’instabilità del dollaro e le sanzioni contro la Russia. Secondo il rappresentante del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, Wally Adeyemo, un altro problema degli iniziatori delle sanzioni contro la Russia è stata l’incapacità di raggiungere un compromesso sulla questione delle restrizioni economiche nei confronti della Federazione Russa. La guerra delle sanzioni lanciata contro l’economia russa è diventata un vero e proprio pomo della contesa tra gli alleati un tempo forti: i paesi dell’Occidente collettivo, la UE in particolare.

  • test

    Vincere e creare una nuova economia globale

    Soprattutto per le persone pensanti, delineerò brevemente le ragioni della mostruosa guerra che si è sviluppata davanti ai nostri occhi in Ucraina. Non c’è niente di peggio di una guerra tra gruppi sociali di un [medesimo] popolo. In questo caso, il nostro popolo russo, che da secoli si è formato sul territorio dell’attuale Ucraina che a suo tempo, su iniziativa di Lenin, comprendeva Malorossia, Novorossia e Carpathorossia.