Tag: futuro

  • Thumbnail for the post titled: La ribellione degli ultimi: come la Russia vede il futuro ordine mondiale

    La ribellione degli ultimi: come la Russia vede il futuro ordine mondiale

    La Russia è alla ricerca di un nuovo leader politico nel mondo occidentale che non sostenga uno status quo in grado di isolare la Russia dai capitali e dalla tecnologia di cui ha bisogno per assicurarsi e prosperare a lungo termine.

  • Thumbnail for the post titled: Il bicchiere mezzo pieno

    Il bicchiere mezzo pieno

    Il bicchiere mezzo vuoto è chiaro abbastanza.
    Come auspicato dal sistema “draghista” il prossimo parlamento non avrà opposizione e il partito unico neoliberale avrà mano libera.
    Sarebbe stato bello poter mettere qualche bastone fra le ruote e sarebbe stato soprattutto utile avere una base istituzionale per supportare le attività sul territorio.
    Non è accaduto. Amen.

  • Thumbnail for the post titled: La nascita della Tragedia

    La nascita della Tragedia

    Alastair Crooke continua a esplorare le origini del totalitarismo nascosto nella cultura europea: la prima parte di questi due articoli ha tracciato le origini di questo totalitarismo nascosto nella cultura europea. Questo secondo pezzo approfondisce la storia e le sue implicazioni.
    Poiché mi sono tuffato nel futuro, fin dove occhio umano poteva vedere,
    Ho visto la visione del mondo, e tutto ciò che sarebbe stato.
    (Alfred Lord Tennyson)

  • Thumbnail for the post titled: L’eurasiatismo ieri e oggi, la Russia e oltre [4]

    L’eurasiatismo ieri e oggi, la Russia e oltre [4]

    All’India mancano il nostro potenziale militare, le nostre armi e i nostri sistemi di difesa aerea. Ma soprattutto, l’India non controlla il suo oceano. La strategia eurasiatica per l’India prevede una presenza congiunta russo-indiana nell’Oceano Indiano che, come nell’Oceano Pacifico, è attualmente governato in modo indelebile dalla Settima flotta americana, che determina in modo monopolistico e unilaterale il destino di tutti gli Stati della regione, indipendentemente dagli interessi di questi Paesi. Come è consuetudine degli americani, essi vedono solo i propri interessi.

  • Thumbnail for the post titled: L’eurasiatismo ieri e oggi, la Russia e oltre [2]

    L’eurasiatismo ieri e oggi, la Russia e oltre [2]

    Il russo ama il suo popolo. Poiché l’eurasiatista ama il suo popolo, capisce come un popolo possa essere amato e insiste sulla sua integrità organica, sulla sua identità unica, sulla sua Tradizione e sulla sua autostima unica. Così, l’eurasiatista russo accetta tutta la diversità di etnie, popoli e nazioni politiche come un dato di fatto, riconoscendo e accettando le loro identità uniche. In questo sta un’altra tesi dell’eurasiatismo: l’accettazione della diversità delle comunità, che è molto russa, aperta e ampia nella sua essenza.

  • Thumbnail for the post titled: L’eurasiatismo ieri e oggi, la Russia e oltre [1]

    L’eurasiatismo ieri e oggi, la Russia e oltre [1]

    Il sogno russo non è un sogno dell’Europa, né un sogno dell’Asia. Il sogno russo è il sogno di una speciale civiltà eurasiatica.
    Il concetto di eurasiatismo ha acquisito una tale diffusione che da tempo sembra essere diventato qualcosa di evidente, cioè ovvio e comprensibile. Inoltre, l’ampia diffusione di questo concetto ha aperto un’altrettanto ampia gamma di interpretazioni, che spesso comportano la piena libertà di intendere l’eurasiatismo come ciò che si desidera. Allo stesso modo, ciò ha permesso a coloro che si considerano oppositori della dottrina eurasiatica di attribuire all’eurasiatismo ogni sorta di caratteristica negativa.

  • Thumbnail for the post titled: San Giorgio, il Drago, il futuro

    San Giorgio, il Drago, il futuro

    Riposino in pace. È stato questo il commento del vecchio Silvio- sempre il più lucido- all’abbandono di Forza Italia da parte dei ministri del (quasi) defunto governo Draghi. Orfani del Drago, la povera Mariastella Gelmini e il ministro mignon, Renato Brunetta, hanno lasciato la casa del Padre, come la giovin signora Mara Carfagna, di buona famiglia e bell’ aspetto. Ce ne faremo una ragione. I ministri liberal si sono accorti dopo l’inezia di ventotto anni che la compagnia del centrodestra non è raccomandabile.

  • Thumbnail for the post titled: L’investimento della Cina, sulla strada per il potere mondiale

    L’investimento della Cina, sulla strada per il potere mondiale

    Da quando la Cina ha lanciato la strategia Go Global e da quando la Cina è entrata a far parte dell’OMC alla fine del 2001, gli investimenti diretti esteri (IDE) da questo paese sono aumentati notevolmente. Entro il 2021, i flussi di IDE dalla Cina hanno raggiunto i 133 miliardi di dollari. Gli investitori esterni nella RPC possono essere divisi in due gruppi: le imprese statali (SOE) controllate dal governo centrale e le imprese provinciali (comprese le SOE del governo locale, ma la maggior parte di esse non sono SOE). I flussi di IDE cinesi sono dominati da imprese statali controllate dal governo centrale.

  • Thumbnail for the post titled: Vietnam, una razza speciale di tigre asiatica

    Vietnam, una razza speciale di tigre asiatica

    Il Vietnam è sempre stato un Paese speciale. Uno Stato socialista, che ha preferito l’Unione Sovietica alla Cina, molto più vicina in termini di territorio, e che nel corso della sua storia ha dovuto confrontarsi con le ambizioni di diverse superpotenze contemporaneamente.

  • Thumbnail for the post titled: Sovranità integrale

    Sovranità integrale

    Il Paese [N.d.T. la Russia] si trova oggi in uno stato molto particolare. È come stare in bilico tra un passato che è già finito e un futuro che non è ancora iniziato, o meglio è iniziato ma non è ancora stato realizzato o accettato. Si tratta di questioni fondamentali: l’atteggiamento della Russia nei confronti dei processi globali e, soprattutto, dell’Occidente collettivo.