Tag: geoeconomia

  • Thumbnail for the post titled: Biden e Stoltenberg fanno marcia indietro (per ora) dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia

    Biden e Stoltenberg fanno marcia indietro (per ora) dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia

    Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg hanno fatto entrambi marcia indietro, almeno per ora, dopo la riunificazione della Novorossia con la Russia avvenuta venerdì. Il primo si è limitato a rilasciare una dichiarazione, a promulgare ulteriori sanzioni e a impegnarsi a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario, mentre il secondo ha tenuto una breve conferenza stampa in cui ha ribadito quanto affermato dal leader americano alcune ore prima, ovvero di mantenere la rotta in questo conflitto.

  • Thumbnail for the post titled: Biden era stato chiaro: “Toglieremo di mezzo il gasdotto Nord Stream 2”. Sull’Europa si stringe il cappio transatlantico

    Biden era stato chiaro: “Toglieremo di mezzo il gasdotto Nord Stream 2”. Sull’Europa si stringe il cappio transatlantico

    Scrive ai suoi lettori la portavoce del ministero degli esteri russo Maria Zakharova:
    Stai ancora cercando una risposta alla domanda, chi c’è dietro l’intero sanguinoso scenario ucraino, la distruzione della cooperazione europea e la crisi mondiale globale?

  • Thumbnail for the post titled: La Cina è un amico intimo dell’Ucraina, nonostante ciò che è stato appena affermato sia errato

    La Cina è un amico intimo dell’Ucraina, nonostante ciò che è stato appena affermato sia errato

    Oleksandr Merezhko, capo della Commissione per la politica estera e la cooperazione interparlamentare del Parlamento ucraino (Rada), ha recentemente rilasciato un’intervista scandalosa all’agenzia statunitense Axios. Ha affermato che la Cina è “più pericolosa” di quanto lo sia mai stata l’Unione Sovietica, sta commettendo un “genocidio” e “non è nostra amica”. Al contrario, Merezhko ha affermato che la regione cinese di Taiwan è un “vero amico” per il sostegno materiale e politico che ha fornito all’Ucraina.

  • Thumbnail for the post titled: C’è l’inverno davanti a noi

    C’è l’inverno davanti a noi

    Due giorni fa ho riacceso il televisore, giusto in tempo per sentire un paio di opinionisti molto accreditati sostenere che i russi, dopo aver passato settimane ad autobombardarsi nella centrale nucleare di Zaporizhzhia, invece di chiudere definitivamente i rubinetti del gas, si sono autosabotati il North stream 1 e 2.

  • Thumbnail for the post titled: I funzionari americani hanno ragione quando dicono che la Cina rispetta tacitamente le sanzioni antirusse?

    I funzionari americani hanno ragione quando dicono che la Cina rispetta tacitamente le sanzioni antirusse?

    A fine settembre il presidente Biden e il portavoce del Dipartimento di Stato Price hanno confermato che la Cina si sta tacitamente conformando alle sanzioni antirusse degli Stati Uniti. Il primo ha dichiarato alla CBS che “finora non ci sono indicazioni che abbiano proposto armi o altre cose che la Russia voleva”. Il secondo ha dichiarato martedì, durante una conferenza stampa, che “all’epoca avevamo avvertito pubblicamente e privatamente che la RPC avrebbe dovuto affrontare conseguenze se avesse fornito assistenza alla Russia in materia di sicurezza o se avesse aiutato la Russia, in modo sistematico, a eludere le sanzioni. Non abbiamo visto la RPC fare nessuna delle due cose”.

  • Thumbnail for the post titled: L’attacco sventato di Kiev contro un oleodotto russo-turco era in parte finalizzato a punire Ankara

    L’attacco sventato di Kiev contro un oleodotto russo-turco era in parte finalizzato a punire Ankara

    L’FSB ha annunciato giovedì di aver sventato un tentativo di attacco terroristico da parte di cittadini russi al soldo di Kiev per far esplodere uno degli oleodotti del Paese verso la Turchia. Al momento della pubblicazione di questo articolo non sono stati rivelati altri dettagli, ma è comunque possibile estrapolare da ciò che si sa finora il motivo per cui è stato scelto questo specifico obiettivo. Non solo Kiev e i suoi patroni occidentali volevano interrompere le entrate energetiche di Mosca, ma in parte volevano anche punire Ankara.

  • Thumbnail for the post titled: La guerra entra nella sua fase decisiva

    La guerra entra nella sua fase decisiva

    Arrivati a questi livelli siamo tutti coscienti che il mondo si trova in vista di avvenimenti molto importanti e siamo alla vigilia di un nuovo ordine mondiale che si sta avvicinando.
    Davanti tutto questo l’Europa, la NATO e il mondo occidentale ancora non sono consapevoli del loro posto nella storia . L’esempio è quello della Germania che già ha dichiarato in anticipo sui referendum che mai li riconoscerà ma nessuno domanderà a Berlino come mai nel recente passato hanno riconosciuto in Europa la secessione del Kosovo, se furono d’accordo con territori separati della Serbia, quando questa fu attaccata dalla NATO e con l’autonomia della Bosnia .

  • Thumbnail for the post titled: La Romania si fa artefice di un’espansione mirata in Moldova e Ucraina

    La Romania si fa artefice di un’espansione mirata in Moldova e Ucraina

    La Romania è famosa per la leggenda del conte Dracula, è conosciuta come una repubblica con magnifici castelli e villaggi medievali, è il paese economicamente più sviluppato dell’Europa orientale. Ma dietro le quinte resta il fatto che questo è un paese che annette con successo territori significativi, compresi interi paesi, è impegnato nello sradicamento di popoli senza sanzioni né pressioni da parte degli Stati Uniti e dell’Europa, al contrario della Russia (per la stessa Crimea) o Cina (nel caso degli uiguri).

  • Thumbnail for the post titled: La crescente potenza militare della Cina

    La crescente potenza militare della Cina

    Quello che all’inizio molti in Occidente hanno considerato un capriccio di Pechino per la visita non autorizzata del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan, sembra invece essere una strategia attentamente studiata per riaffermare gradualmente la sovranità cinese sul territorio insulare. La capacità di Pechino di fare questo è sostenuta dalla crescente potenza militare della nazione.