Tag: ignoranza

  • Thumbnail for the post titled: Teoria e prassi del collettivismo oligarchico

    Teoria e prassi del collettivismo oligarchico

    Nell’intero corso del tempo sono esistiti al mondo tre tipi di persone: gli Alti, i Medi e i Bassi. Inizia così un libro nel libro, Teoria e prassi del collettivismo oligarchico, inserito da George Orwell nel suo capolavoro, 1984.

  • Thumbnail for the post titled: L’ignoranza al potere

    L’ignoranza al potere

    L’area metropolitana è la zona della città raggiunta dalla ferrovia sotterranea, la “metro”. Così pensa una giovane insegnante di sostegno appena assunta. Cercavamo di spiegarle come muoversi in città e nelle adiacenze, l’area metropolitana, appunto. E meno male che i docenti di scuola elementare, i mai troppo rimpianti “maestri”, devono ora essere muniti di laurea.

  • Thumbnail for the post titled: Il mondo intero è minacciato dalla totale ignoranza delle élite di governo americane

    Il mondo intero è minacciato dalla totale ignoranza delle élite di governo americane

    Come ho già detto, ci siamo avvicinati ad un momento fatidico nella storia del mondo, non a causa del riscaldamento globale, del Covid, della sovrappopolazione, del razzismo bianco o di qualsiasi altra “crisi” che media ignoranti ci propagandano, ma perché siamo di fronte ad una guerra nucleare che ha origine nella totale stupidità delle élite occidentali.

  • Thumbnail for the post titled: Antifascismo, vero e falso

    Antifascismo, vero e falso

    Nel 1944 George Orwell chiese: «Perché non possiamo dare una definizione chiara e generalmente accettata di fascismo?». Indicando il crescente uso improprio della parola Fascismo da parte sia di destra che di sinistra, ha offerto il seguente consiglio: «Per ora tutto ciò che si può fare è usare la parola con un certo grado di discrezione e non, come si fa di solito, relegarlo al livello di una maledizione».

  • Thumbnail for the post titled: Se l’Italia investe nell’ignoranza

    Se l’Italia investe nell’ignoranza

    Abbiamo detto in altre occasioni di essere “passati al bosco”, ossia ribelli, oppositori del nostro tempo. Incomoda posizione, vissuta, come prescriveva Zarathustra “su un alto monte”, dove l’aria è gelida ma pura e si osserva “molto di mondo”. Strana situazione quella italiana, in cui comanda un signore non eletto da nessuno e dove il bilancio statale prevede un aumento delle spese militari e un taglio secco di quelle destinate all’istruzione.