Tag: Khan

  • Thumbnail for the post titled: Le continue tensioni tra pakistani e talebani possono infatti portare a un’altra guerra infinita

    Le continue tensioni tra pakistani e talebani possono infatti portare a un’altra guerra infinita

    Lo scenario peggiore è che il Pakistan lanci anche solo una limitata operazione di terra in Afghanistan, affidandosi agli attacchi dei droni statunitensi oltre il confine o all’interno del proprio territorio. Ciò potrebbe mettere immediatamente in moto la rapida sequenza di eventi che sfocerà nella guerra infinita di cui l’ex Primo Ministro Imran Khan è tanto preoccupato, poiché rischierebbe di rovinare le relazioni tra pakistani e talebani per un futuro indefinito e di radicalizzare altri innumerevoli abitanti del suo Paese lungo la frontiera.

  • Thumbnail for the post titled: Venti verità sui legami tra pakistani e talebani alla luce delle loro ultime tensioni

    Venti verità sui legami tra pakistani e talebani alla luce delle loro ultime tensioni

    I legami tra pakistani e talebani sono molto più complicati di quanto la maggior parte degli osservatori ritenga, soprattutto alla luce delle ultime tensioni. Hanno perso il controllo sul loro dilemma di sicurezza dopo che i loro partner americani e del TTP, che hanno rispettivamente reclutato come leva sull’altro, li hanno sfruttati per perseguire i propri fini egoistici.

  • Thumbnail for the post titled: La crisi politica del Pakistan si è rivelata grave

    La crisi politica del Pakistan si è rivelata grave

    Il Pakistan ha chiaramente avuto un anno negativo. Dopo l’estromissione del Primo Ministro Imran Khan, che ha descritto l’evento come un vero e proprio colpo di stato dall’esterno, il Paese ha dovuto affrontare una serie di sfide formidabili. Tra questi, l’aumento del debito estero nei confronti dei creditori, i continui attacchi terroristici e le catastrofi naturali. Da maggio il Pakistan è stato colpito da un’ondata di calore che ha causato siccità.

  • Thumbnail for the post titled: Il Mullah Yaqoob dell’EIA e le sue affermazioni contro il Pakistan

    Il Mullah Yaqoob dell’EIA e le sue affermazioni contro il Pakistan

    In qualche modo sconosciuto al grande pubblico prima del 15 agosto 2021, l’attuale Ministro della Difesa ad interim dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan (EIA) Mullah Mohammad Yaqoob Mujahid è ora uno dei nomi e dei volti più riconosciuti della leadership talebana.

  • Thumbnail for the post titled: Imran Khan accusa l’establishment del Pakistan

    Imran Khan accusa l’establishment del Pakistan

    L’ex Primo Ministro Imran Khan, spodestato quattro mesi fa da un colpo di Stato post-moderno orchestrato dagli Stati Uniti ma guidato dall’interno, ha condiviso alcune candide opinioni sulle crisi a cascata che hanno afflitto il Pakistan dopo la sua destituzione. Secondo le sue ultime dichiarazioni, riportate da Dawn, le potenti strutture militari e di intelligence del Paese, note come l’establishment, sono responsabili di tutto ciò che è accaduto, dal momento che hanno perlomeno facilitato passivamente l’ascesa al potere delle stesse forze politiche che in precedenza avevano condannato come corrotte.

  • Thumbnail for the post titled: Imran Khan riscrive la storia politica del Pakistan

    Imran Khan riscrive la storia politica del Pakistan

    È sempre una proposta sgradevole, che sia in India o in Pakistan, quando il potere politico viene usurpato da operatori di mezza tacca che organizzano defezioni da un partito al potere e un governo consolidato viene rovesciato nonostante il suo mandato di governare.
    In India, almeno finora, questi espedienti che portano a un cambio di regime a livello federale o statale non sono stati manipolati da potenze straniere, tranne forse nel caso della destituzione del primo governo comunista nello Stato meridionale del Kerala, nel lontano 1959.

  • Thumbnail for the post titled: Le osservazioni dell’ambasciatore russo in Pakistan su Imran Khan sono state pragmatiche

    Le osservazioni dell’ambasciatore russo in Pakistan su Imran Khan sono state pragmatiche

    In un’intervista rilasciata domenica sera, all’ambasciatore russo in Pakistan Danila Ganich è stato chiesto di esprimere il suo pensiero sull’ex Primo Ministro Imran Khan. Ha descritto il leader estromesso come “un uomo onesto che desidera il bene del suo Paese”, che secondo lui ha compiuto notevoli progressi negli ultimi anni.

  • Thumbnail for the post titled: Il popolo contro il parlamentarismo

    Il popolo contro il parlamentarismo

    Il colpo di stato costituzionale che ha avuto luogo in Pakistan non solo ha portato a cambiamenti significativi nella situazione geopolitica, ma è anche diventato il riflesso di una vecchia tendenza: l’opposizione del popolo al parlamentarismo oligarchico.
    Il sistema politico del Pakistan è caratterizzato da estrema instabilità, continui colpi di stato e omicidi. Nessuno dei primi ministri del Paese, dal momento in cui è stato fondato dagli inglesi nel 1947 ad oggi, ha lavorato fino alla fine del suo mandato. Tuttavia, per la prima volta nella storia del Pakistan, ha avuto luogo un colpo di stato sotto forma di voto a maggioranza parlamentare per un voto di sfiducia al gabinetto di Imran Khan.

  • Thumbnail for the post titled: Il colpo di Stato contro Imran Khan, la guerra in Ucraina e la Belt and Road Initiative

    Il colpo di Stato contro Imran Khan, la guerra in Ucraina e la Belt and Road Initiative

    Si potrebbe dibattere su quale sia la correlazione tra il colpo di stato per il cambio di regime in Pakistan, la guerra in Ucraina e la Belt and Road Initiative cinese? La risposta è abbastanza semplice per quegli analisti e attenti osservatori delle manovre politiche statunitensi, come il giornalista americano Caleb Maupin che spiega la correlazione in poche righe. «I monopolisti di Wall Street vogliono smantellare il corridoio economico Cina-Pakistan e fermare lo sviluppo in tutta l’Asia centrale. Rimuovere Khan fa parte di quella strategia».

  • Thumbnail for the post titled: L’eredità multipolare di Imran Khan non potrà mai essere completamente smantellata

    L’eredità multipolare di Imran Khan non potrà mai essere completamente smantellata

    È difficile prevedere cosa accadrà in Pakistan, un paese che è sempre stato caratterizzato da intrighi politici e improvvisi cambiamenti radicali che spesso prendono molti alla sprovvista, ma è chiaro che l’eredità multipolare di Imran Khan non potrà mai essere completamente smantellata. Per quanto imperfetta sia stata la sua premiership, non si può negare che abbia avuto un impatto immenso in termini di rimodellamento delle percezioni in patria e all’estero, anche attraverso la sua politica di sicurezza nazionale multipolare.