Tag: armamenti

  • Thumbnail for the post titled: La Cina avverte gli Stati Uniti di non ingigantire la crisi mondiale

    La Cina avverte gli Stati Uniti di non ingigantire la crisi mondiale

    La Cina avverte severamente gli Stati Uniti di non agire in modo avventato o creare una crisi più grande, ha affermato mercoledì il ministero degli Esteri cinese, sottolineando che coloro che offendono la Cina saranno puniti.

  • Thumbnail for the post titled: Le forze ucraine aggravano il rischio di disastro nucleare

    Le forze ucraine aggravano il rischio di disastro nucleare

    Le tensioni in Europa continuano sempre più forti e con queste i rischi di allargamento del conflitto. La Russia assicura che le forze ucraine hanno intensificato gli attacchi e bombardamenti in prossimità della centrale nucleare di Zaporizia e questo potrebbe portare a gravissime conseguenze nella regione. Una minaccia di disastro nucleare che sarebbe 10 volte più grave di quella di Cernobyl.
    Per questo Mosca ha richiamato gli Stati Uniti, la UE, l’ONU, e l’AIEA a fare pressioni su Kiev per far cessare gli attacchi mirati alla centrale che potrebbero provocare un disastro di proporzioni immani in tutta la regione.

  • Thumbnail for the post titled: Perché il RAND teme una guerra nucleare?

    Perché il RAND teme una guerra nucleare?

    Secondo gli analisti del RAND, Mosca userebbe presumibilmente le armi nucleari se:
    a) Mosca considera l’aumento della propaganda anti-russa nella NATO come una preparazione dell’opinione pubblica alla guerra.
    b) interpreta un rafforzamento militare sul fianco orientale della NATO come prova dei preparativi per un attacco diretto contro la Russia.
    c) scopre che la NATO è già direttamente coinvolta nel conflitto in Ucraina (sotto forma di volontari, consiglieri militari).

  • Thumbnail for the post titled: Il Pakistan parteciperà alle esercitazioni SCO di ottobre in India

    Il Pakistan parteciperà alle esercitazioni SCO di ottobre in India

    È uno sviluppo positivo che le autorità pakistane post golpiste sostenute dagli Stati Uniti non stiano capitolando alle pressioni dei loro patroni stranieri per prendere le distanze dalla SCO, rifiutandosi di partecipare alle esercitazioni antiterrorismo di ottobre in India. Soprattutto perché avrebbero potuto facilmente farlo con il pretesto di protestare per l’irrisolto conflitto del Kashmir e soprattutto per la revoca dell’articolo 370 da parte dell’India tre anni fa.

  • Thumbnail for the post titled: Russia e Cina, la risposta a UE e NATO

    Russia e Cina, la risposta a UE e NATO

    A fine luglio si è tenuta a Tashkent una riunione dei Ministri degli Esteri dei paesi partecipanti alla Shanghai Cooperation Organization (SCO). Per due decenni, l’organizzazione non solo ha dimostrato la sua fattibilità, ma è anche diventata un attore di primo piano nello spazio eurasiatico. I paesi SCO sono quattro potenze nucleari, la seconda e la sesta economia del mondo, il 60 per cento del territorio dell’Eurasia e quasi la metà della popolazione mondiale. Già a settembre, l’Iran si unirà ai ranghi dell’organizzazione, seguito da un’intera linea di stati arabi e asiatici. Ci si chiede perché la SCO è così attraente per i paesi in via di sviluppo, quanto è grande la sua influenza e se l’organizzazione può diventare una risposta eurasiatica alla NATO , ha riferito Lenta.ru.

  • Thumbnail for the post titled: Analisi dei primi combattimenti nella Prima Guerra Mondiale, 108 anni

    Analisi dei primi combattimenti nella Prima Guerra Mondiale, 108 anni

    Il 1914 fu un anno terribile, di gran lunga peggiore di quanto si potesse immaginare all’epoca e forse tra i peggiori della Storia dell’umanità.
    Tra la fine di luglio e l’inizio di agosto del 1914, soprattutto a Parigi, Berlino e Londra, la folla percorse le strade durante gli ultimi giorni della crisi che precedeva la Prima guerra mondiale, iniziata ufficialmente il 28 luglio 1914. Alcuni tra i marciatori intonarono canzoni patriottiche, manifestarono davanti alle ambasciate nemiche e commisero atti di violenza casuale.

  • Thumbnail for the post titled: Alla vigilia del grande scontro fra Oriente e Occidente?

    Alla vigilia del grande scontro fra Oriente e Occidente?

    Dopo le ultime provocazioni, si avvicina lo scontro definitivo fra i due blocchi Occidente ed Oriente?
    La sequenza di avvenimenti delle ultime settimane lascia intravedere uno sviluppo accelerato ed imprevedibile della situazione internazionale che non promette nulla di positivo.

  • Thumbnail for the post titled: L’esitazione e la prevaricazione del Cremlino  sono una strada per la guerra

    L’esitazione e la prevaricazione del Cremlino  sono una strada per la guerra

    Il Cremlino emana confusione. Il Cremlino sta facendo del suo meglio per placare l’Occidente, ma l’Occidente non glielo permette. Basti pensare alla questione del servizio del debito estero della Russia.

  • Thumbnail for the post titled: Le truppe NATO in Donbass proseguono i crimini contro i civili

    Le truppe NATO in Donbass proseguono i crimini contro i civili

    Su tutti i fronti nel Donbass le difese ucraine stanno cadendo come un castello di carte. Il Quartier Generale della Difesa Territoriale della DPR annuncia la liberazione del villaggio di Gladosovo nella regione di Gorlovka. Peski è completamente liberato. La pulizia continua a Maryinka. Più della metà del territorio è stato sgomberato ed è sotto il controllo russo.

  • Thumbnail for the post titled: I Paesi che provocano devono aspettarsi ritorsioni

    I Paesi che provocano devono aspettarsi ritorsioni

    L’intelligence iraniana, che ha appena smantellato le reti di spionaggio legate al Mossad, promette di dare una dura risposta ai paesi che sostengono il terrorismo in Iran.
    “I paesi che aiutano i nemici della nazione iraniana dovrebbero aspettarsi azioni di ritorsione [dall’Iran]”, ha avvertito mercoledì il ministro dell’intelligence iraniana Seyed Esmail Khatib, rivolgendosi a una sessione di sicurezza nella città di Sananday, nella provincia del Kurdistan occidentale.