Tag: Darya

  • Thumbnail for the post titled: L’esempio di Darya Dugina: discorso alla gioventù dissidente

    L’esempio di Darya Dugina: discorso alla gioventù dissidente

    Oggi è un giorno molto speciale. Nova Resistência è riunita per celebrare un altro anno di incessanti attività per la causa del multipolarismo. Questo è stato un anno molto prospero per la nostra Organizzazione, ma anche il più arduo – e solo un assaggio delle prove che ci attendono.

  • Thumbnail for the post titled: Una lettera al professor Dugin dalla Polonia

    Una lettera al professor Dugin dalla Polonia

    Caro professor Dugin,
    Le scrivo soprattutto perché temo che se non scrivo io, non lo farà nessun altro polacco comune. Voglio farle le mie più sincere condoglianze per la prematura scomparsa di sua figlia Darya. Era una giovane donna bellissima, con un’istruzione di alto livello, che è caduta preda delle forze oscure del moderno nazismo ucraino. Si può quindi dire che in quel giorno orribile la bellezza, la femminilità e la riflessione attenta sono state uccise dall’odio indiscriminato e da un diabolico imperativo omicida.

  • Thumbnail for the post titled: Nascita del Soggetto radicale e chiamata del Divino

    Nascita del Soggetto radicale e chiamata del Divino

    Qualche anno fa, parlando con un neuropsichiatra responsabile di un CPS – inoltre criminologo e con ottime conoscenze nel campo dell’etnoantropologia –, egli dichiarò che anche per quanto riguarda l’uomo postmoderno la struttura genetica tribale alberga ancora abbondantemente nel suo DNA. Sostenne, ad esempio, che esistono attualmente persone che corrispondono ai guerrieri vigilanti, coloro che intuiscono e avvisano la tribù in caso di pericolo, che sono incapaci di adattarsi alle consuetudini sociali della vita delle metropoli e delle grandi città.

  • Thumbnail for the post titled: Il concetto di soggetto povero

    Il concetto di soggetto povero

    Una caratteristica della filosofia russa, secondo alcuni storici della filosofia russa, è l’ontologismo del pensiero. La posizione dell’ontologismo in filosofia, a differenza di quella opposta dello gnoseologismo, implica la considerazione primaria non del processo di pensiero, ma dell’oggetto della comprensione.

  • Thumbnail for the post titled: Martirio, violenza e religione (nel secondo trigesimo della morte di Darya Dugina)

    Martirio, violenza e religione (nel secondo trigesimo della morte di Darya Dugina)

    Nell’ambito di studio delle scienze religiose, alcuni indirizzi di ricerca hanno riscontrato la necessità di procedere ad una definizione differenziata del concetto di martirio, nell’ottica di una sua attualizzazione che tenesse conto di una diversa concezione dello stesso, emersa attraverso la disamina motivazionale di azioni violente perpetrate dal cosiddetto “fondamentalismo” o radicalismo religioso violento, primariamente di matrice islamica.

  • Thumbnail for the post titled: La tradizione apofatica: la teologia di Dionigi Areopagita

    La tradizione apofatica: la teologia di Dionigi Areopagita

    L’opera del famoso teologo e mistico cristiano, i cui scritti sono entrati nella tradizione cristiana con il nome di Dionigi l’Areopagita, è un fenomeno unico nella storia del pensiero filosofico e religioso. Ha avuto un’enorme influenza su tutta la filosofia cristiana, orientale e occidentale, e di conseguenza sul pensiero filosofico New Age, in un modo o nell’altro, a partire dal Medioevo, dove gli Areopagitani hanno avuto un ruolo così importante.

  • Thumbnail for the post titled: L’omicidio di Daria Dugina e il bombardamento del ponte in Crimea: perché l’Occidente nega il coinvolgimento

    L’omicidio di Daria Dugina e il bombardamento del ponte in Crimea: perché l’Occidente nega il coinvolgimento

    Una delle principali testate statunitensi, il New York Times, ha pubblicato un articolo in cui, citando funzionari dell’intelligence americana, accusa le autorità ucraine di aver ucciso Daria Dugina. L’importante giornalista, politologo e filosofo russo è morto il 20 agosto nei pressi di Mosca. Secondo la versione ufficiale dei servizi speciali russi, gli autori dell’attacco erano cittadini ucraini.

  • Thumbnail for the post titled: Le idee di Dugin esploderanno

    Le idee di Dugin esploderanno

    Dopo aver tentato di ucciderlo con la figlia Darya – per ammissione della stessa CIA –, dopo aver ordito le peggiori trame contro di lui e la sua filosofia (vedere l’inchiesta farlocca del Metropol che coinvolse anche l’allora governo populista italiano, vedere la censura di Amazon ai suoi libri, ecc.), oggi la UE sanziona il filosofo russo Aleksandr Dugin per aver “giustificato ideologicamente e teologicamente l’annessione della Crimea e la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, vedendola come una ‘liberazione’ dell’Ucraina dall’influenza occidentale”.

  • Thumbnail for the post titled: Volevano ucciderlo con la figlia

    Volevano ucciderlo con la figlia

    Volevano ucciderlo con la figlia. Non ci sono riusciti. Hanno ucciso “solo” sua figlia davanti ai suoi occhi. Hanno ammesso, per bocca della stessa CIA, che l’operazione terroristica è stata preordinata da Kyev cercando di negare ridicolmente il proprio coinvolgimento. Oggi, a nome e per conto di tutto l’Occidente, in particolare della codarda Europa, gli USA lo sanzionano. Sanzionano il filosofo, il sociologo, il geopolitico… le sue idee; e tutto questo la chiamano libertà, democrazia occidentale, giustizia, bene per l’umanità.

  • Thumbnail for the post titled: Il club di Izborsk chiede che a Daria Dugina vengano intitolate strade a San Pietroburgo e Mosca

    Il club di Izborsk chiede che a Daria Dugina vengano intitolate strade a San Pietroburgo e Mosca

    I partecipanti alla tavola rotonda organizzata dal Club di Izborsk in onore di Daria Dugina hanno appoggiato l’iniziativa dell’imprenditore Evgeny Prigozhin di intitolare una strada in onore della giornalista russa scomparsa a San Pietroburgo.