Erwin Kern come geopolitico: riflessioni a cent’anni di distanza

image_pdfimage_print

di Maxim Medovarov

Il 17 luglio 1922, Erwin Kern fu ucciso a tradimento da un poliziotto tedesco nel castello di Saalek (XII secolo). Chi era quest’uomo? Passò alla storia come esperto combattente dei corpi di volontari (Freikorps), soprattutto della leggendaria Brigata Marina Erhardt, che sarebbe diventata una roccaforte della Rivoluzione Conservatrice nel suo confronto prima con il regime di Weimar e poi con quello di Hitler. Tuttavia, l’esperienza bellica di Kern è stata solo un potente fattore nella sua formazione come pensatore geopolitico che offre un’alternativa continentale alle versioni liberali e naziste dell’atlantismo. Il coraggioso pensiero di Kern fu stroncato nel momento del suo massimo splendore (non visse abbastanza per compiere 24 anni), ma le sue lezioni nell’anno del centenario della tragedia non dovrebbero essere dimenticate.

Se Erwin Kern fosse giunto alle conclusioni che lo hanno spinto a prendere misure estreme nel 1922, ciò sarebbe tanto sorprendente quanto poco interessante. È interessante la graduale maturazione nel pensatore delle sue idee chiave che influenzarono profondamente il suo allievo e, se posso dire, agiografo, il famoso Ernst von Zalomon.

Tenente di marina, Kern si considerava internamente morto dal giorno della Rivoluzione di novembre che distrusse l’Impero tedesco. Ricorda: “Il 9 novembre 1918 mi sono sparato una pallottola in fronte, come comandato dal mio onore. Io sono morto, ciò che vive in me non è me. Da quel giorno non conosco più il mio “io”. Da quel giorno Kern visse solo il dovere super-personale e compì ciò che era stato chiamato a fare dal destino.

Il mese di novembre fu seguito da scene raccapriccianti di attacchi da parte di intellettuali, operai e lumpen tedeschi contro soldati, ufficiali e tutto ciò che era legato al discorso patriottico e militare. Uno degli stretti collaboratori di Kern, il capitano Rudolf Berthold, uno dei migliori asso della Prima Guerra Mondiale, fu letteralmente fatto a pezzi dagli operai di sinistra nelle strade di Amburgo durante il putsch della Kappa del 15 marzo 1920, come abbiamo già avuto modo di scrivere (http://rossia3.ru/politics/foreign/kapp).

Per questo motivo i Freikorps combatterono in Lettonia fianco a fianco con le truppe russe di Bermondt-Avalov contro i nazionalisti lettoni Ulmanis (fantocci britannici) e contemporaneamente contro i bolscevichi di Stutka. Scene terribili di tortura e massacro di prigionieri, di derisione dei compagni d’arme caduti: questo è ciò che gli amici di Kern hanno dovuto vedere durante i giorni delle battaglie per Riga. Già all’epoca erano chiaramente consapevoli che non si trattava affatto di una “campagna contro il bolscevismo”, ma solo di una “battaglia contro l’Inghilterra”. Alla fine, l’avanguardia continentale eurasiatica dei Freikorps russo-tedeschi fu costretta a ritirarsi sotto i colpi della flotta britannica.

Iniziò una nuova epopea: la battaglia con i polacchi per la Slesia, giustamente chiamata “Donbass tedesco”. Comprendendo la convenzionalità dei “referendum” indetti dall’Intesa sull’autodeterminazione di parti della Slesia con le sue miniere di carbone, sia i Freikor tedeschi che i combattenti polacchi cercarono di catturare il maggior numero possibile di insediamenti e alture strategiche prima del giorno delle votazioni. Il governo capitolino tedesco di Weimar negò qualsiasi assistenza ai propri volontari.

Pertanto, l’iniziativa è venuta ancora una volta dal basso. “Freikorps, voran! Die Grenze brennt!” – è stato cantato nell’allora canto della Brigata Erhardt: “Freikorps, avanti! I confini sono infuocati!”. E i confini erano infuocati. Trasportando mitragliatrici smontate attraverso la dogana, gli uomini di Kern le raccoglievano in Slesia e talvolta, seminudi e senza uniforme, andavano a combattere con i polacchi. La conquista da parte dei tedeschi della cima chiave di Annaberg, paragonabile per importanza strategica a Saur-Grave nel Donbass, decise l’esito della battaglia, “colpendo al cuore la difesa polacca”. Ma le autorità di Berlino, che perseguivano la vergognosa “politica di adempimento” della servitù di Versailles, rimasero indifferenti all’impresa dei difensori della patria in quel momento. Sempre in Slesia Kern si stupì del fatto che i polacchi fossero completamente riforniti e armati non solo dai francesi, ma anche dagli inglesi, nonostante questi ultimi parlassero dei polacchi con un tono incredibilmente sprezzante e li vedessero come semplice carne da cannone per lo strangolamento della Germania.

Da quel momento Erwin Kern iniziò a riflettere sul fatto che il nemico principale era l’atlantismo internazionale, incentrato sulla Gran Bretagna, mentre la Russia doveva essere l’alleato della Germania, indipendentemente dall’ideologia comunista.

Kern visse così un profondo sconvolgimento spirituale, una metanoia, rafforzata dalla perfidia senza precedenti della Francia, che sosteneva contemporaneamente lo sciovinismo polacco a est e il separatismo renano dei liberali tedeschi a ovest. È difficile da immaginare oggi, ma tra i tedeschi della Vestfalia, soprattutto a Colonia e a Magonza, c’erano traditori “ucraini” pronti a lottare per la secessione dalla Germania in una “nazione renana” separata su ordine di Parigi, non ultimo Konrad Adenauer, che tre decenni dopo avrebbe portato a compimento la sua causa disastrosa incatenando la RFT con catene atlantiste di dipendenza vassalla dagli Stati Uniti e dalle potenze occidentali.

Per controbilanciare i separatisti renani, Kern creò l'”Organizzazione dei Consoli” (O.K.), che con la forza diretta pose fine a questa minaccia e ripristinò l’integrità territoriale della Germania di Weimar a ovest. Solo in seguito a ciò, si verificò per Kern una seconda profonda svolta interiore. Non ha più posto domande scomode ai nemici esterni, ma al suo stesso governo – e a se stesso: “Non ce la faremo mai”. Abbiamo marciato e creato ordine, nell’atmosfera soffocante di cui ora desideriamo un vento libero. Abbiamo marciato verso est e non abbiamo sfondato a Varsavia, non abbiamo vinto a Riga. Abbiamo portato la nostra bandiera a Berlino e l’abbiamo riportata indietro. Abbiamo spazzato l’Alta Slesia più pulita che mai e abbiamo dovuto lasciare che venisse lasciata a pezzi”. Incredibilmente, è difficile immaginare queste parole in bocca ai guerrieri russi dei tempi recenti – e anche i nomi dei luoghi qui non hanno bisogno di essere sostituiti?

Se prima Erwin Kern era abituato a combattere la vera e propria “quinta colonna” all’interno del Paese, ora la sua attenzione è sempre più rivolta al fenomeno della “sesta colonna” guidata dal ministro degli Esteri Walter Rathenau, i cui poteri reali nel 1922 si estendevano all’intera economia e alla strategia di sviluppo della Germania.

Sarebbe un errore pensare che la “sesta colonna” sia un traditore come la “quinta colonna”, che si limita a nascondere la propria identità, non a sbandierarla, a rendere omaggio allo Stato. Una definizione del genere è troppo semplice e quindi sbagliata. È stato il contributo di Kern quando ha capito che anche la “sesta colonna” amava a modo suo la Germania, la desiderava, voleva renderla ricca e forte. Rathenau si considerava sinceramente un patriota tedesco, pur non essendo né tedesco né tantomeno cristiano. Rathenau era indignato, non meno dello stesso Kern, per le insolenti pretese della Polonia sulle terre tedesche e inviò all’Intesa forti proteste al riguardo. Ma qual è allora il pericolo della “sesta colonna” se non può assolutamente essere annoverata tra i traditori della patria nel senso letterale del termine?

Dopo aver letto attentamente i libri di Rathenau e aver assistito ai suoi discorsi pubblici, Kern ha trovato la sua risposta: i rappresentanti di questa direzione vogliono raggiungere gli obiettivi di sviluppo della Germania integrandola nel sistema occidentale e atlantista, contrattando con le élite dell’Intesa e distruggendo l’identità e la particolarità tedesca (Sonderweg). A differenza dei separatisti renani e dei polacchi, che cercavano di strappare alla Germania singoli pezzi di territorio a favore dell’Intesa, la “sesta colonna”, guidata dal brillante Rathenau, voleva fare lo stesso in modo pacifico con la Germania nel suo complesso. Un tale approccio avrebbe certamente reso la “quinta colonna” e persino i polacchi un elemento superfluo nella costruzione atlantista. Ma distruggerebbe geopoliticamente la Germania (come faranno in seguito Adenauer, Kohl e Merkel, mettendo fine al tentativo fallito di Hitler di negoziare con gli inglesi un’alleanza atlantica contro la Russia). Tutto ciò sarebbe potuto avvenire già sotto Rathenau e Stresemann se non fosse stato per Kern e il suo O.K.

All’inizio Erwin Kern era restio ad affrettarsi. Dal profondo del suo spirito si appellava ai suoi amici affinché avessero pazienza e lunghi anni di formazione interiore: “Rinuncia al piccolo giorno per prepararti al grande”. Kern non era affatto un nazionalista ristretto o uno sciovinista. Sognava un grande giorno di liberazione per tutte le nazioni, “la vittoria dello spirito tedesco su tutta la terra”. Gli atlantisti, guidati da Rathenau, sognavano una vittoria dello spirito mondialista su tutta la terra, con un posto esteriormente dignitoso per la Germania in questo ordine mondiale. Il piano di Rathenau significava il potere dell’economia e del denaro sullo spirito e sull’acciaio. Questo Kern non poteva permetterlo: “Non potremo mai sottometterci a una tirannia: quella economica; essendo completamente estranea alla nostra essenza, non potremo crescere forti sotto di essa. Diventa intollerabile perché si colloca troppo in basso nel suo rango. È a questo punto che si forma il criterio di sapere, senza nemmeno chiedere una prova. Il rango è sentito, non si può raggiungere un’intesa con chi lo nega”.

Kern desiderava davvero la comprensione e la riconciliazione con Rathenau. Ha confessato: “La riconciliazione, quando c’è una strada così ampia di sangue versato tra le parti, può avvenire solo dove i combattenti si conoscono in un momento di supremo coraggio. Come possono gli avversari rispettarsi a vicenda se non riconoscono il valore dell’altro e la sua contraddizione? Chi parla di riconciliazione crede nel valore assoluto”. Ma la decisione del governo tedesco di negoziare a Genova con le potenze occidentali, chiedendo umilmente l’abolizione delle riparazioni e delle sanzioni in quanto svantaggiose per l’Intesa stessa, Kern la trovò umiliante. La riconciliazione era diventata impossibile. Kern ha commentato i politici tedeschi che vogliono un “accordo”: “Parlano la lingua del nemico, pensano in termini di concetti. La loro argomentazione più importante, ripetuta in continuazione, è che il danneggiamento dell’economia tedesca danneggia l’economia mondiale. La loro grande ambizione è sempre rivolta a entrare, in egual misura, nel sistema delle grandi potenze europee, l’Occidente. E quando dico ‘l’Occidente’, intendo le potenze che si sono assoggettate alla tirannia dell’economia, perché sono state in grado di diventare forti sotto di essa”.

Queste parole suonano oggi straordinariamente attuali e spaventose. Esse sono ulteriormente offuscate dalla dichiarazione di Kern, fatta lo stesso giorno, sul riconoscimento del potere sovietico come forma veramente popolare di liberazione dello spirito russo. I bolscevichi, secondo Kern, andarono a Genova a negoziare con l’Occidente per affermare in modo inconciliabile la loro posizione e gli interessi della Russia; il Rathenau di Weimar – per “fondere” gli interessi tedeschi e “salvare la faccia”: “L’idea russa di rivoluzione mondiale, in ogni caso, era sufficiente per spazzare via le truppe straniere dal Paese, rischiare l’invasione della Polonia, tormentare l’Occidente con sogni da incubo e creare un esercito di ribelli liberi, pronti a combattere e convinti, in marcia in tutti i Paesi del mondo”. Kern chiarì subito che riteneva che il comunismo non avesse futuro per la Germania, proponendo un esito diverso: il socialismo prussiano nel senso di Oswald Spengler. E a ostacolare questo ideale c’erano i “liberali patriottici” tedeschi della “sesta colonna”, tra i quali Rathenau spiccava come un genio tra i pigmei, come un abile autore di libri perspicaci, che conosceva il meccanismo delle élite globali dall’interno. Kern lo considerava il più pericoloso di tutti i politici che avevano attirato la Germania in un “patto” con l’Occidente alle condizioni della sua incorporazione nell’ordine mondiale unipolare atlantista.

Kern voleva qualcosa di diverso: unirsi alle file dei popoli coloniali oppressi, che si sono sollevati per lottare per una multipolarità attinta dalla propria forza, dalle profondità del proprio spirito. Per questo disse dei patrioti liberali tedeschi: “Non ci può essere riconciliazione tra loro e noi, perché non sono più capaci dell’ultimo coraggio. Se c’è una potenza che stiamo distruggendo, la cui distruzione con ogni mezzo è il nostro compito, questa potenza è l’Occidente e lo strato tedesco che si è permesso di soccombere alla sua influenza. Dicono “tedesco” e si spingono fino alla loro patria Europa. Si lamentano e desiderano la sottomissione. Vogliono che viviamo e sono disposti a sacrificare l’ultimo residuo di sostanza tedesca per l’unica tirannia che possono comprendere. E si stupiscono che i tedeschi siano ancora temuti. Ma non hanno paura di queste persone sottomesse, non perché, ad esempio, le loro prove e richieste, il loro desiderio e la loro posizione siano pericolosi, ma hanno paura dei tedeschi, perché ci siamo noi. Perché in noi e in centomila altri, a causa della guerra e del dopoguerra, è esploso di nuovo qualcosa che ci rende pericolosi solo per l’Occidente. E questo è bene, è tre volte bene così”.

La potenza del pensiero geopolitico di Kern è stupefacente. Nella sua mente si è formato un puzzle:

1) l’Occidente teme che i tedeschi diventino una forza fuori dal loro controllo;

2) la leadership sia dell’impero del Kaiser che della Repubblica di Weimar (come poi fece Hitler) non aveva intenzione di sfidare radicalmente l’Occidente, ma si limitava a proporre di integrarsi in esso a condizioni onorevoli per la Germania – e Rathenau aveva qualche possibilità di farlo all’epoca;

3) Ma in questo caso la Germania avrebbe perso la sua germanità, la sua identità. Era proprio questo che bisognava evitare.

Rathenau aveva infatti negoziato con successo a Genova con Lloyd George: Londra rifiutava le riparazioni, era pronta a prendere la Germania sotto la sua ala protettrice e a restaurarla – già come parte di un ordine mondiale liberale. Chi avrebbe potuto impedire questo trionfo della tendenza mondialista? Solo un umile tenente di marina dell’O.K.

E così si arrivò allo storico dialogo di Kern con Zalomon:

“Colpiamo il corpo, ma non la testa e non colpiamo il cuore. Ho un piano per sparare a un uomo che è più grande di tutti quelli che gli stanno intorno.

La mia gola è secca. Ho chiesto: – Rathenau?

– Rathenau”, ha detto Kern. Si alzò e disse: – Il sangue di quest’uomo deve dividere in modo inconciliabile ciò che deve essere diviso per sempre.

In seguito, accade qualcosa di inaudito dal punto di vista psicologico. Kern vive mentalmente la vita di Rathenau, studia i suoi scritti, pensa costantemente a lui per capire dall’interno cosa significa essere un “patriota globalista” – e per poter distruggere questa tentazione. I due antagonisti si incontrano a una conferenza:

“Il ministro si voltò lentamente, lanciando solo uno sguardo imbarazzato verso quella colonna, balbettando, faticando a prendere una parola e asciugandosi ansiosamente la fronte. Tuttavia, d’ora in poi si rivolse solo a Kern. Quasi un incantesimo, rivolse le sue parole all’uomo su quel pilastro e cominciò lentamente a stancarsi di lui quando non cambiò postura. <…> Mentre ci accalcavamo verso l’uscita, Kern era molto vicino al ministro. Rathenau, circondato da signori chiacchieroni, lo guardò con aria interrogativa. Ancora Kern camminava lentamente davanti a lui, e il suo volto sembrava non avere occhi”.

Così Rathenau e Kern diventano due avversari gemelli, inseparabili nella vita e nella morte. I due sogni di un grande futuro per la Germania sulla scena geopolitica mondiale, che differiscono in un solo – ma centrale – punto, entrano in contraddizione inconciliabile tra loro. Per questo motivo entrambi gli antagonisti muoiono, con una differenza di tre settimane: il 24 giugno e il 17 luglio 1922. Una tragedia di proporzioni cosmiche avviene in modo altrettanto casuale, inosservato. Sono rimasti sulla scena solo dei vermi mediocri, sui quali non si raccontano storie e non si cantano canzoni.

“Già all’inizio di questo secolo, il frontman tedesco, presentato come portatore di un’autentica gestalt, si è manifestato in ribellione contro questo mondo”, scrive Ernst Jünger. – Allo stesso tempo, iniziò la rivoluzione tedesca che era già stata annunciata da menti elevate nel XIX secolo e che può essere compresa solo come una rivoluzione della Gestalt. Se, tuttavia, questa rivolta rimase solo un prologo, fu perché era ancora nella sua pienezza priva di una Gestalt, le cui sembianze erano già evidenti in ogni soldato che, giorno e notte, periva in solitudine e oscurità su tutti i confini dell’Impero.

Ma sulla tomba di Kern c’era scritto: “Eri ciò che dovevi essere”. Vincere o morire, e lasciare che sia Dio a decidere. Dal suo sangue che ha macchiato la finestra del castello di Zaalek, come da un seme, sono spuntati e spunteranno ancora nuovi germogli dello spirito. Come cantavano i discepoli di Stephan Gheorghe,

Düngen Fleisch und Blut die Erde

Dargebracht der neuen Saat,

Drängend aus dem Untergrunde

Ci sono stati dei problemi con lo Stato.

(“La carne e il sangue fecondano la terra, / portando nuove semine, / emergendo dalla terra, / stiamo fondando uno Stato segreto”).

Le grandi lezioni dell’anno 1922 per l’anno 2022 emergono dai pensieri vertiginosi del geopolitico Kern. Lezioni per la Russia e per il mondo che non possono essere taciute o dimenticate. Così il destino geopolitico si muove inesorabilmente. Dopotutto, come ha detto Kern, “non stiamo combattendo per rendere felice il popolo”. Combattiamo per far sì che seguano la linea del loro destino. Sapienti si è seduto.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

2 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube