Tag: geostrategia

  • Thumbnail for the post titled: Biden esorta gli Stati Uniti a combattere per Taiwan

    Biden esorta gli Stati Uniti a combattere per Taiwan

    Se la Cina si avventura a Taiwan per unificarla con la terraferma, gli Stati Uniti entreranno in guerra per difendere Taiwan e invieranno le loro truppe a combattere gli invasori. Tale è l’impegno assunto la scorsa settimana dal presidente Joe Biden. Alla domanda di Scott Pelley della CBS su 60 Minutes se gli Stati Uniti avrebbero combattuto per difendere Taiwan in caso di azione cinese, Biden ha risposto: «Sì, se ci fosse davvero un attacco senza precedenti». Pelley ha continuato: «Quindi, a differenza dell’Ucraina, per essere chiari, signore, le forze americane – uomini e donne statunitensi – difenderanno Taiwan in caso di invasione cinese».

  • Thumbnail for the post titled: NATO: il bilancio militare dell’egemonia americana nel mondo

    NATO: il bilancio militare dell’egemonia americana nel mondo

    L’Imam Khamenei, Guida della Rivoluzione islamica, ha più volte sottolineato che l’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) “è un’entità pericolosa” che persegue solo i propri interessi e non tiene conto degli interessi delle altre nazioni, nemmeno di quelli degli alleati in questo patto [di difesa]. Secondo le sue stesse parole: “Uno dei disastri più catastrofici per i paesi si verifica quando altri paesi interferiscono nelle loro questioni di sicurezza, pianificano le loro guerre e la pace e definiscono le loro politiche. È un grave disastro per ogni paese che si trovi in una situazione del genere”.

  • Thumbnail for the post titled: Relazioni sino-russe e guerra in Ucraina

    Relazioni sino-russe e guerra in Ucraina

    Le affermazioni secondo cui la Cina ha preso la “parte russa” nel conflitto in Ucraina semplificano eccessivamente le relazioni sino-russe. Sosteniamo che le relazioni sino-russe siano una stretta collaborazione incentrata sull’accelerazione della creazione di un ordine multipolare per ridurre l’egemonia americana e illustriamo questa tesi tracciando le basi discorsive ed empiriche della relazione utilizzando materiali primari e secondari. Inoltre, sottolineiamo come il conflitto abbia creato sfide e opportunità per altri interessi strategici cinesi, in alcuni casi a spese degli Stati Uniti o della Russia.

  • Thumbnail for the post titled: Gli USA sfidano la Russia in Africa

    Gli USA sfidano la Russia in Africa

    Il Segretario di Stato americano Anthony Blinken conclude il suo tour africano. L’8 agosto ha parlato in Sudafrica, esortando i Paesi del continente ad adottare la visione di pace offerta dagli Stati Uniti. A Pretoria, Blinken ha presentato la strategia degli Stati Uniti per l’Africa subsahariana, che sostiene che “i Paesi africani sono attori geostrategici e partner fondamentali nell’affrontare le questioni più urgenti del nostro tempo, dalla promozione di un sistema internazionale aperto e stabile, alla lotta contro gli effetti del cambiamento climatico, dell’insicurezza alimentare e delle pandemie globali, fino alla definizione del nostro futuro tecnologico ed economico”.

  • Thumbnail for the post titled: Il quadro I2U2 è parte integrante della Grande Strategia Multipolare dell’India

    Il quadro I2U2 è parte integrante della Grande Strategia Multipolare dell’India

    Sebbene alcuni media alternativi possano non approvare i partner indiani di I2U2, dovrebbero comunque accettare il fatto che essi sono perfettamente in linea con la politica estera multipolare e non allineata di questa Grande Potenza.
    Il viaggio di Biden in Israele lo ha visto partecipare in videoconferenza con le controparti del paese ospitante, l’India, e degli Emirati Arabi Uniti al primo vertice dei leader I2U2 (India-Israele-UAE-USA). L’evento è stato simbolico per diverse ragioni. In primo luogo, ha dato prova di pragmatismo politico coinvolgendo una monarchia e tre democrazie autodefinite, sebbene alcune di queste ultime, come Israele, abbiano credenziali discutibili.

  • Thumbnail for the post titled: La Russia e la Cina non hanno ancora iniziato ad alzare la manopola del dolore

    La Russia e la Cina non hanno ancora iniziato ad alzare la manopola del dolore

    Il Suicide Spectacular Summer Show, attualmente in programmazione in tutta Europa, procede in piena regolarità, con grande stupore di quasi tutto il Sud del mondo: un remake trash e woke della Gotterdammerung, con la grandezza wagneriana sostituita dal twerking.

  • Thumbnail for the post titled: Intelligence e guerra in Ucraina

    Intelligence e guerra in Ucraina

    Presentiamo all’attenzione dei lettori uno studio collettivo di autori britannici della Brunel University London – esperti nel campo della sicurezza e dell’intelligence. È stato preparato da Nevin Shaaban Abdallah, Philip HJ Davis, Christian Gustafson, Dan Lomas e Steven Wagner.

  • Thumbnail for the post titled: La battaglia del grano e le quattro sorelle

    La battaglia del grano e le quattro sorelle

    Primum vivere. E per vivere bisogna mangiare. Per questo l’alimentazione è sempre stata centrale per i sistemi politici, sociali ed economici. La produzione dei cereali, che forniscono la farina e quindi il pane, ha avuto fin dall’antichità un posto speciale nelle preoccupazioni umane. Il grano e il frumento sono stati in vari tempi sottratti all’avidità di guadagno privato con l’istituzione degli ammassi controllati dal governo, sin dall’epoca degli Egizi. Quasi ogni popolo ha sviluppato una cultura del pane tanto sul piano pratico che su quello simbolico.

  • Thumbnail for the post titled: L’Unione Economica Eurasiatica si fa avanti

    L’Unione Economica Eurasiatica si fa avanti

    Il Forum economico eurasiatico ha dimostrato ancora una volta che questo treno ad alta velocità – l’integrazione economica – ha già lasciato la stazione.
    Il primo Forum economico eurasiatico, tenutosi a Bishkek, in Kirghizistan, si è svolto questa settimana in un momento geopolitico molto delicato, poiché il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov continua a sottolineare che “l’Occidente ha dichiarato guerra totale contro di noi, contro l’intero mondo russo. Nessuno lo nasconde più”.

  • Thumbnail for the post titled: Taiwan si considera praticamente “la prossima Ucraina” e sembra stranamente indifferente

    Taiwan si considera praticamente “la prossima Ucraina” e sembra stranamente indifferente

    La persona media non discuterebbe così tranquillamente uno scenario che potrebbe portare alla terza guerra mondiale, ma i rappresentanti taiwanesi, americani e giapponesi sembrano indifferenti a questo a causa di quanto sono stati indottrinati a credere che la loro causa politica radicale di cercare di invertire la transizione sistemica globale verso la multipolarità vale la pena rischiare il futuro dell’umanità.