Tag: Isis

  • Thumbnail for the post titled: Le implicazioni strategiche dell’attacco suicida contro l’ambasciata russa a Kabul

    Le implicazioni strategiche dell’attacco suicida contro l’ambasciata russa a Kabul

    Lunedì un attentatore suicida si è fatto esplodere all’esterno dell’ambasciata russa a Kabul, uccidendo almeno 25 delle numerose persone che erano in coda per ricevere i visti e due impiegati dell’ambasciata. Sebbene al momento della pubblicazione di questa analisi non si sappia con esattezza chi sia il responsabile di questo attacco terroristico, è indubbio che esso abbia implicazioni strategiche. Il presente articolo le tratterà quindi brevemente prima di concludere con qualche parola su ciò che potrebbe accadere in seguito.

  • Thumbnail for the post titled: “Ya Hussain” ha ispirato Soleimani e continua ad ispirare i gruppi di resistenza che combattono l’ISIS, Israele e le incessanti guerre degli Stati Uniti

    “Ya Hussain” ha ispirato Soleimani e continua ad ispirare i gruppi di resistenza che combattono l’ISIS, Israele e le incessanti guerre degli Stati Uniti

    I fautori dell’ordine liberale basato su regole devono aver guardato con preoccupazione le immagini di milioni di uomini sciiti che si battevano il petto cantando “Ya Hussain”, provenienti da Paesi che la NATO sta continuando a destabilizzare, come l’Iraq, l’Iran, la Siria e il Libano, Paesi visti come asse di resistenza da quelle potenze che sostengono che milioni di morti civili e di sfollati sono un piccolo prezzo da pagare per stabilire il Nuovo Ordine Mondiale.

  • Thumbnail for the post titled: La CIA recluta combattenti ISIS per la guerra in Ucraina

    La CIA recluta combattenti ISIS per la guerra in Ucraina

    Gli Stati Uniti sono stati accusati di aver reclutato centinaia di militanti da Daesh (ISIS), Hayat Tahrir al-Sham (HTS) e al-Qaeda per combattere al fianco di Kiev.

  • Thumbnail for the post titled: Sul fallimento del terrore come egemonia

    Sul fallimento del terrore come egemonia

    Un’analisi attenta, lenta, esauriente e dettagliata del fenomeno del terrorismo quale è stato qualificato, paradossalmente indefinito ma nondimeno designato come un avversario proteiforme e decentrato dalla propaganda ufficiale universale dal 1991 al 2018, dimostra che esso è stato l’ultima risorsa di coloro che stavano perdendo rapidamente la loro influenza globale nelle varie regioni geopolitiche del mondo.

  • Thumbnail for the post titled: Gli USA continuano a reclutare terroristi per la guerra in Ucraina

    Gli USA continuano a reclutare terroristi per la guerra in Ucraina

    di Luciano Lago Le agenzie di intelligence statunitensi sarebbero intervenute nel rilascio di militanti di gruppi come lo Stato islamico dalle carceri in Siria per addestrarli in vista del loro…

  • Thumbnail for the post titled: L’ipocrita politica degli Stati Uniti nella guerra in Siria

    L’ipocrita politica degli Stati Uniti nella guerra in Siria

    In otto sanguinose guerre del 21° secolo, tutte perseguite da Washington nel tentativo di creare un “Nuovo Medio Oriente” dominato dagli Stati Uniti, prevalgono quelli più impegnati nella resistenza. L’Iran ha affrontato una campagna ben coordinata per paralizzare il suo programma di energia nucleare e da allora si è difeso dalla rinnovata aggressione economica degli Stati Uniti e dal terrorismo per procura.

  • Thumbnail for the post titled: I nemici interni e il disagio della verità

    I nemici interni e il disagio della verità

    Il “totalitarismo” europeo di oggi è di tipo più raffinato – non così violento, e quindi meritevole di un “lasciapassare”?
    Ricordate Jamal Khashoggi? Lo conoscevo un po’ e l’ho incontrato diverse volte nel corso degli anni. Chiaramente non era un “hacker” del regime. Aveva le sue divergenze con la leadership saudita, ma era essenzialmente un patriota saudita di comprovata integrità.

  • Thumbnail for the post titled: Il terrore dal Balochistan: uno strumento minaccioso per interrompere l’economia sino-pakistana

    Il terrore dal Balochistan: uno strumento minaccioso per interrompere l’economia sino-pakistana

    Questa è la storia concisa di come un attentato suicida può avere il potenziale di sovvertire l’intero, continuo e complesso processo di integrazione dell’Eurasia.
    Recentemente, il Balochistan Liberation Movement (BLA) ha rilasciato un video influenzato dall’ISIS, minacciando “funzionari e installazioni cinesi” nella vasta provincia del Pakistan.

  • Thumbnail for the post titled: Talebani dentro o fuori?

    Talebani dentro o fuori?

    La cattura di Kabul da parte dei talebani (il movimento talebano è bandito nella Federazione Russa – N.d.R.) nell’estate del 2021 sembrava prevedibile a posteriori. Analisti ed esperti, compreso l’ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov, da allora hanno considerato il ritorno al potere dei talebani come un’inevitabilità storica. La trascrizione analitica che sembra essere alla base di tali valutazioni suggerisce che gli afgani sono troppo tribali e conservatori per accettare la democrazia e l’uguaglianza, che le strutture statali sono endemicamente corrotte e che il paese è troppo montuoso e grande per essere difeso con successo da forze straniere.

  • Thumbnail for the post titled: I profughi, i mercenari e la leadership europea

    I profughi, i mercenari e la leadership europea

    I Paesi europei, sotto la guida degli Stati Uniti, commettono un errore dopo l’altro di fila, e le azioni della leadership dei paesi occidentali sono così prive di significato e senso di autoconservazione che sembra che siano semplicemente guidate per mano nel commettere errori. Ma la cosa più importante è che alla fine siano sospinti a farlo. La nuova ondata di profughi dall’Ucraina non è un flusso spontaneo di persone in fuga, ma un’operazione tattica ben organizzata.