Narrative orientate alla distruzione provenienti dall’Islam non tradizionale come strumento della politica estera degli Stati Uniti

image_pdfimage_print

di Rustam Nugumanov

L’intervento negli affari interni degli stati stranieri divenne una delle principali direzioni della politica estera degli Stati Uniti subito dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Lo strumento chiave per raggiungere questi obiettivi è un’agenzia con poteri virtualmente illimitati, approvata ai sensi del National Security Act del 1947, denominata Central Intelligence Agency (CIA).

Forme e modalità di intervento negli affari degli Stati esteri furono determinate da diverse direttive, adottate una dopo l’altra nel corso del 1947-1955.

Così, ad esempio, la direttiva BNS-4/A definiva il contenuto della “guerra psicologica” come “propaganda, compreso l’uso di pubblicazioni anonime, falsificate o tacitamente sovvenzionate; azione politica che coinvolge apolidi, traditori e sostegno a partiti politici; metodi quasi militari, compresa l’assistenza agli insorti e il sabotaggio; attività economiche relative alle operazioni in valuta estera” [1].

E la Direttiva NSC-10/2 ha formulato il termine “operazioni segrete” come “tutte le attività condotte o approvate dal governo degli Stati Uniti contro stati o gruppi stranieri ostili. …Queste operazioni segrete includono: propaganda; guerra economica; azione diretta preventiva, inclusi sabotaggio, controsabotaggio, distruzione ed evacuazione; attività sovversiva contro gli stati stranieri, compresa l’assistenza al movimento di resistenza clandestino, alla guerriglia e ai gruppi di liberazione degli emigranti, il sostegno ai gruppi anticomunisti nei paesi minacciati del mondo libero” [2].

La portata dell’interferenza della CIA negli affari interni degli stati stranieri solo nella seconda metà del XX secolo è così impressionante che è improbabile che ci sarà un posto sulla terra dove non si è sentito parlare delle atrocità e dei crimini dei reparti del dipartimento americano. È impossibile cancellare dalla memoria atti di terrorismo internazionale come:

Un colpo di stato in Iran e il rovesciamento del governo di M. Mossadegh (1953). In due decenni, 360.000 prigionieri politici furono giustiziati e torturati nelle cupe prigioni della polizia segreta SAVAK, fondata nel 1957 con la partecipazione diretta della CIA e del servizio speciale israeliano Mossad;

Un colpo di stato militare in Guatemala e il rovesciamento del governo di X. Arbenz (1954). Il modello di “benessere” imposto ai guatemaltechi era sostenuto dal terrore e dalla violenza di organizzazioni terroristiche come lo Squadrone della Morte e l’Esercito Segreto Anticomunista, i cui membri erano per lo più ufficiali dell’esercito addestrati negli Stati Uniti da istruttori della CIA e completato corsi speciali in Israele, Cile e altri paesi. Solo tra l’agosto 1980 e il maggio 1981 furono uccisi 76 membri del Partito Democratico Cristiano e dieci attivisti del Fronte Unito della Rivoluzione Socialdemocratica di centrosinistra. Nelle aree rurali del Paese, utilizzando la tattica della “terra bruciata”, interi villaggi sono stati distrutti, civili sono stati torturati e uccisi, intere famiglie sono state bruciate vive, senza risparmiare né donne né bambini;

Il rovesciamento del governo di Unità Popolare in Cile e l’assassinio del Presidente S. Allende (1973). L’organizzazione di estrema destra “Patria e Libertad”, che ha agito in stretta collaborazione con la CIA, solo nel luglio-agosto 1973 ha organizzato circa 500 esplosioni e ha compiuto diversi omicidi politici;

Complotti contro il presidente cubano Fidel Castro. Covert Action, un’organizzazione di esuli cubani, non solo ha svolto innumerevoli missioni per la CIA e le sue agenzie di intelligence affiliate contro Cuba, ma ha anche fornito mercenari in Congo e Vietnam, ha fornito “tecnici” professionisti per l’operazione soprannominata “Watergate”, così come assassini per il servizio segreto cileno DINA e altri servizi segreti che una volta furono creati dalla CIA e sono uno strumento nelle sue mani;

La politica di “appeasement” dei villaggi sud vietnamiti, portata avanti dal 1966 sotto la guida del vicedirettore della CIA William Colby, coinvolgendo gruppi denominati rami di intelligence provinciali e costituiti da unità irregolari sud vietnamite, per compiere raid punitivi sugli insediamenti. Di conseguenza, 20.587 “sospetti” furono uccisi. (Secondo il governo di Saigon, il numero di persone uccise è di 40.994 persone) [3].

L’elenco potrebbe continuare, poiché i paesi dell’America Latina, dell’Africa, del Medio Oriente, dell’Estremo Oriente, del Sud-Est asiatico e persino dell’Europa sono stati “presi di mira” dalla CIA ogni volta che la diplomazia statunitense convenzionale ha fallito.

Le statistiche dicono che “dal 1945 al 2003, gli Stati Uniti hanno cercato di rovesciare più di 40 governi stranieri, sopprimere più di 30 movimenti patriottici popolari che hanno combattuto contro regimi dittatoriali. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno bombardato 25 paesi, a seguito dei quali sono morti diversi milioni di persone e altri milioni sono stati condannati a vivere nell’agonia e nella disperazione”.

Durante la Guerra Fredda, nella sua strategia di interferenza negli affari interni di stati stranieri, la CIA era guidata da un intero arsenale di strumenti, tra cui “sabotaggio economico, isolamento internazionale e blocco, creazione di caos socio-economico e politico nel paese, la condotta di singoli atti terroristici e di sabotaggio, l’uso di sofisticati metodi di guerra psicologica e di propaganda. Nel caso in cui i tentativi di provocare una caduta “naturale” dei governi con tali metodi non avessero successo, la CIA spostò l’attenzione sullo scatenamento del terrore, provocando incidenti armati, sabotaggi sulle infrastrutture critiche del paese, attentati alla vita di personaggi di spicco e consolidare e unire le forze controrivoluzionarie” [5].

Quarant’anni di esperienza nelle attività sovversive e di sabotaggio hanno permesso agli Stati Uniti di migliorare approcci e metodi di intervento, formando un meccanismo sfaccettato per l’attuazione graduale della sua agenda nei territori occupati, coprendo quasi tutte le sfere della vita della società e tutti i fattori che sono in qualche modo connesso con la sua forza vitale di sopravvivenza.

Il nucleo centrale della schiavitù dei popoli è la promozione dei valori della democrazia liberale-occidentale, che costituiscono il criterio fondamentale per valutare tutte le successive riforme e cambiamenti nella vita socio-politica e culturale-spirituale della società in cammino verso “sviluppo e progresso”. Questo compito è affidato a diverse organizzazioni internazionali e fondi pubblici (US Agency for International Development (USAID), National Endowment for Democracy, Freedom House, Soros Foundation e altri), che consentono di creare migliaia di ONG e NPO nel Paese – obiettivi che realizzano i problemi di attualità della società non ai fini della loro soluzione costruttiva, ma ai fini della loro politicizzazione al fine di formare il necessario atteggiamento di protesta nei confronti della leadership del paese, che alla fine si sviluppa in un movimento di protesta per cambiare il governo esistente [6].

Per screditare gli oppositori dell’imposizione di valori e pratiche dell’Europa occidentale, gli Stati Uniti incoraggiano la creazione e quindi sostengono movimenti e organizzazioni pseudo-patriottiche, pseudo-nazionaliste e pseudo-religiose con pronunciati slogan razzisti, nazisti e fascisti, intrisi di aperta xenofobia, al fine non solo di dichiarare violazioni dei diritti umani in questo paese, ma anche di screditare il percorso sovrano dello sviluppo storico del paese bersaglio e i suoi valori tradizionali intrinseci. “In particolare, il 2 luglio 2018, la delegazione russa che ha partecipato alla sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (HRC) a Ginevra ha espresso preoccupazione per la crescita dei movimenti neonazisti nei paesi dell’UE e in Ucraina. Negli Stati baltici, con la connivenza delle autorità, si sono svolti i cortei dei legionari delle unità naziste delle Waffen SS” [7] “Nella capitale della Bulgaria si sono svolti i cortei della Marcia di Lukov, propagandando xenofobia, discriminazione e odio” [8]. “Le autorità dei Paesi Bassi, che, seguendo l’esempio della Repubblica Federale Tedesca, hanno deciso di pubblicare una versione annotata del Mein Kampf” [9]. “Movimenti estremamente radicali in Ucraina (“Organizzazione degli ucraini Nazionalisti” (OUN, bandito nella Federazione Russa), circa 30 rappresentanti dell’organizzazione nazionalista C14 ed estremisti del “Pravy Sektor” (vietato nella Federazione Russa) hanno creato un’atmosfera di paura e illegalità” [10].

Inoltre, utilizzando le differenze nazionali e religiose dei popoli del Paese bersaglio, gli Stati Uniti stimolano conflitti su basi etniche e confessionali, incoraggiando e sostenendo le tendenze separatiste di gruppi nazionalisti e terroristi, lasciando in ostaggio di essi decine e centinaia di migliaia di persone. Ad esempio, l’ultranazionalista Kosovo Liberation Army, che ha ricevuto addestramento e rifornimenti segreti dall’amministrazione Clinton nel 1995, “è stato responsabile di più morti in Kosovo rispetto alle autorità jugoslave” (dichiarazione del Segretario alla Difesa britannico George Robertson nella primavera del 1999), mentre il pubblico occidentale veniva nutrito di storie sui “carnefici di Milosevic” che andarono a commettere un genocidio in Kosovo [11].

Nel tentativo di raggiungere l’adempimento dei compiti geopolitici, economici e strategico-militari, gli Stati Uniti non disdegnano di adottare gli aspetti più sacri della mentalità dei popoli, permettendosi di distorcere non solo i veri significati dell’intimo, ma anche riempirli di contenuti mostruosi, condannando intere generazioni a sacrifici sconsiderati in nome degli interessi americani.

Nonostante l’evidente natura pacifica dell’Islam tradizionale, i musulmani sono diventati anch’essi ostaggio della politica sanguinaria degli Stati Uniti per dominare il mondo, la quale ha adottato non solo i simboli sacri della religione di Maometto (la pace sia con lui), ma ha anche raccolto le narrazioni orientate in modo distruttivo provenienti dall’Islam non tradizionale.

Il primo serio tentativo di utilizzare i legami della dottrina islamica per i propri interessi politici fu compiuto dall’Impero britannico nelle sue aspirazioni coloniali in Medio Oriente alla fine del XVIII secolo. Ispirando i loro fedeli con il “fascino accattivante” della dottrina protestante, i missionari inglesi riuscirono a seminare i semi della riforma religiosa nei cuori dei seguaci della religione maomettana. Rifiutato e condannato non solo dagli studiosi dell’Islam tradizionale, ma anche dal padre e dal fratello, Muhammad ibn Abd al-Wahhab (1703-1792) attirò l’attenzione dei coloni inglesi con le sue visioni riformiste e le sue idee per l’aggiornamento della religione dei fedeli. Non perdendo un’occasione unica, ricevette pieno sostegno da un partner affidabile della corona inglese, emiro del villaggio di Ad-Dargiya Muhammad ibn Saud. A seguito dell’accordo concluso tra i due omonimi, il potere secolare finì nelle mani della famiglia saudita, e il potere spirituale nelle mani dello “sceicco”, che permise agli inglesi di destabilizzare la vita politica interna nello stato ottomano, a seguito della quale migliaia di fedeli hanno dato la vita, proteggendo le loro città e famiglie dall’invasione delle “orde nere, benedette dalla corona inglese. E solo grazie alla solida unità degli aderenti all’Islam tradizionale, questa chimera appena coniata è stata pacificata, lasciando una macchia nera nella storia della benedetta Ummah” [12]. Rifiutando la legittimità dei giudizi di tutti gli imam delle tradizionali scuole religiose e giuridiche (madhhab) e la legittimità del diritto al potere degli ottomani, l’ingenuo riformatore pose le basi per una nuova ideologia dell’Islam protestante, l’ideologia del wahhabismo, che divenne non solo un comodo strumento per le potenze coloniali nel saccheggio delle risorse naturali dei paesi musulmani, ma anche un valido aiuto per gli orientalisti per riconsiderare e ripensare i fondamenti dell’Islam tradizionale, che sono l’unico garante della conservazione del patrimonio secolare della civiltà islamica.

Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, la storia dell’umanità è sconvolta da guerre, conflitti e rivoluzioni, la cui locomotiva erano per lo più le idee del nazionalsocialismo di vario genere e in varie combinazioni, sostituendo gradualmente la mentalità religiosa dei popoli praticata da secoli. Un impatto così massiccio sulla mentalità non ha lasciato da parte i popoli musulmani, immergendo le menti talentuose dei fedeli in una ricerca infinita e caotica delle ragioni del declino di quella che un tempo guidava, sia nella scienza che nella cultura, la nazione dell’Islam. Essendo alla ricerca insensata di “chiavi” per “sviluppo e progresso”, imposto dal modello occidentale del modernismo, ai musulmani è stata instillata l’idea di arcaismo e rigidità delle regole e dei regolamenti dell’Islam tradizionale. Già negli anni ’60 e ’70 iniziò una lenta ma mirata propaganda delle idee del wahhabismo saudita, come standard avanzato, modernista e l’unica corretta comprensione del “puro Islam”, i cui principali portavoce sono due strutture ufficiali sponsorizzate dall’Arabia Saudita, la World Muslim League e l’Assemblea mondiale della gioventù musulmana. Inoltre, sviluppando una rete mondiale di iniziazione all’Islam puritano, le autorità saudite hanno sponsorizzato l’apertura di vari centri islamici nelle principali città d’America e d’Europa [13], che hanno svolto un ruolo importante nella formazione dell’Euro-Islam, il fenomeno “che si basa sul riconoscimento da parte delle comunità musulmane d’Europa che solo il sistema occidentale di valori, il sistema politico occidentale può presumibilmente fornire ai musulmani un’esistenza dignitosa, progresso e sviluppo” [14]. Più tardi, nel 2019, il principe dell’Arabia Saudita, Muhammad ibn Salman, rivelando il vero motivo di un’attività così improvvisa delle autorità saudite per promuovere l’ideologia del wahhabismo nel mondo negli anni 1960-80, ha ammesso che questa era una delle strategie dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti, per contrastare l’influenza sovietica nei paesi musulmani [15]. La pratica dell’Islam puritano, la cui base si basa sui postulati di Muhammad ibn Abd al-Wahhab, che ha permesso di commentare il Corano secondo la propria comprensione e desiderio, senza nemmeno analizzare i versetti dal punto di vista del linguaggio e della logica [16]divenne foriero di una nuova ideologia, il cui potenziale distruttivo gli Stati Uniti e i suoi alleati avevano già iniziato a sfruttare negli anni ’80 del XX secolo.

Gli Stati Uniti stanno intraprendendo un’altra avventura per “ripristinare l’antico splendore dell’Islam” nel suo confronto con l’URSS nelle terre a lungo sofferenti dell’Afghanistan. Per accelerare la possibile invasione delle truppe sovietiche in Afghanistan e quindi attirare l’URSS nell’abisso vietnamita (un’idea formulata dal consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Zbigniew Brzezinski e dal direttore della CIA Robert Gates), nell’estate del 1979, il presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter firmò un decreto che lanciava l’inizio dell’Operazione Cyclone della CIA in Afghanistan [17]. Osama bin Laden (secondo alcuni esperti era un agente della CIA) [18], arrivò nel Paese nello stesso anno, inviato dall’allora capo dell’intelligence saudita, il principe Turki bin Faisal, dove creò il Maktab al-Khidamat (MAK), che ha contribuito a finanziare, reclutare e addestrare combattenti mujaheddin. Bin Laden, l’IAC e i mujaheddin afgani in totale ricevevano circa mezzo miliardo di dollari all’anno dalla CIA e circa lo stesso dai sauditi, che venivano inviati attraverso l’Inter-Services Intelligence (ISI) pakistana [19]. I metodi e gli approcci per condurre il massacro disumano sono stati esattamente duplicati dalle azioni già eseguite o ancora in corso dagli americani in altri paesi del mondo (Nicaragua, Angola, El Salvador, ecc.). “Piazzare autobombe, lanciare razzi nelle aree residenziali di Kabul, distruggere scuole e ospedali costruiti dal governo, uccidere insegnanti e altri simboli delle attività sociali del governo sono state le attività dei “mujaheddin”, proprio come è stato fatto dall’altra parte del globo dai ribelli nicaraguensi sostenuti dagli Stati Uniti, seguendo rigorosamente le istruzioni specificate nel manuale di addestramento della CIA “Operazioni psicologiche nella guerriglia” [20].

Ottenuto il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan, gli Stati Uniti, contrariamente agli accordi raggiunti con l’URSS, non hanno smesso di rifornire la regione di armi e denaro, rafforzando la macchina militare “jihad” che si era formata negli anni e reintegrando it con nuovi “combattenti per la fede”.

Come risultato della sintesi delle competenze accumulate in un decennio nella conduzione di operazioni militari-terroristiche e dell’ideologia del wahhabismo, si è formato un nuovo fenomeno politico-militare, trasformato in una nuova ideologia – l’ideologia del jihadismo – il luogo della religione, in cui è puramente nominale. Le idee principali che hanno permesso a questo mostro di “legalizzare” sono espresse nella trinità di concetti come salafismo, takfir e jihad.

Il salafismo – un movimento riformista dell’Islam non tradizionale, è un prototipo del fondamentalismo protestante per i seguaci dell’Islam, sorto a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo. La categoria centrale di “insegnamento” è il rifiuto dell’intera eredità della tradizione islamica dopo tre generazioni di musulmani (as-salaf al-salihun) come innovazione eretica (bid’a) e un ritorno alla pratica dei primi musulmani (salafs) come condizione indispensabile per la purezza del dogma [21].

Cancellando sconsideratamente un intero strato di conoscenza accumulato nel corso dei secoli, i salafiti hanno perso l’unica vera metodologia dell’Islam tradizionale nell’interpretazione dei testi della Sacra Scrittura, la cui affidabilità è stata messa alla prova per secoli. Dopo aver “purificato” la religione dagli strati “eretici”, i seguaci del salafismo si sono trovati in una situazione di vuoto metodologico e di trappola conoscitiva, che li ha costretti a interpretare i testi della Sacra Scrittura sulla base delle proprie congetture, a seconda della situazione attuale – un metodo che non è diverso dalla pratica dei riformatori liberali “musulmani”. Per dare un’integrità visibile al progetto del protestantesimo “musulmano”, il suo contenuto è pieno di idee e punti di vista di varie aree dell’Islam non tradizionale (Mujassimiti, Mushabbiha, Jabrits, ecc. [22]), e persino giudizi di scienziati come Ibn-Taymiyyah, in modo che la protesta costruita contro l’Islam tradizionale abbia conseguenze di vasta portata, fino al suo smantellamento finale, come è avvenuto con il cristianesimo in Occidente. Al fine di escludere ogni possibilità di esporre l’incoerenza del disegno dell’”Islam” puritano, gli epigoni del salafismo si proclamano l’unica comunità giusta, e tutti coloro che non sono d’accordo con il loro “manifesto” vengono tolti dal seno della religione con l’accusa di miscredenza (takfir).

“Takfir è la dichiarazione di tutti i nemici dell’Islam (all’interno degli stessi musulmani) come kafir (infedeli), cioè tattiche adottate da numerose organizzazioni islamiste di estrema destra che fanno largo uso del terrore” [23]. La pratica del takfir ebbe origine agli albori dell’Islam, durante la vita del quarto califfo giusto, Ali ibn Abu Talib. Fu sotto di lui che dopo la battaglia di Siffin nel 657, durante la lotta per il potere tra Ali ibn Abu Talib e Muawiya, ebbe luogo un evento politico, noto nella storia dell’Islam come il “Tribunale arbitrale”. L’accordo accettato da entrambe le parti (Abu ibn Abu Talib e Mu’awiya) prevedeva la risoluzione della controversia mediante l’indizione di nuove elezioni, a seguito delle quali la decisione sulla nomina del Califfo fu presa a favore di Mu’awiya. Coloro che non erano d’accordo con la procedura e i risultati della scelta di un nuovo successore si ribellarono e dichiararono tutti coloro che “si sono rivolti al giudice e non al Libro di Allah” sono kafir (miscredenti), separatisi dalla maggioranza dei musulmani nel primo raggruppamento religioso e politico della storia dell’Islam, i Kharijiti (dall’arabo “khawarij” – parlare, partire) [24] diedero inizio a una jihad “senza fine” contro i loro compagni di fede, trasformando due innovazioni dei primi secoli (takfir-jihad) in gemelli inseparabili, la cui letalità non è venuta meno fino ad oggi.

Ispirati dal successo del “jihad” americano in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno continuato a utilizzare i servizi dei “mujaheddin” e li hanno inviati a svolgere vari compiti politici e strategico-militari nei Balcani e nel Caucaso, nelle regioni a cui gli interessi nazionali degli Stati Uniti si estesero, subito dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Così, “dal 1992 al 1995, il Pentagono ha dispiegato migliaia di mujahideen di Al-Qaeda (banditi nella Federazione Russa) dall’Asia centrale all’Europa per combattere fianco a fianco con i musulmani bosniaci contro i serbi. Secondo fonti dell’intelligence, i mujaheddin erano “scortati da forze speciali statunitensi dotate di apparecchiature di comunicazione ad alta tecnologia”. I mercenari di Bin Laden sono stati usati dal Pentagono come truppe d’assalto” [25]Guidata da Mohammed Al-Zawahiri (fratello del vice leader di Al-Qaeda Ayman al-Zawahiri), l’unità d’élite dell’Esercito di liberazione del Kosovo ha avuto un contatto radio diretto con la leadership della NATO durante il conflitto in Kosovo, mentre gli istruttori della SAS britannica e le forze del Delta degli Stati Uniti si sono occupati direttamente della loro preparazione. “La CIA ha fornito assistenza militare prima e durante la campagna di bombardamenti del 1999, inclusi manuali di addestramento militare e consultazioni sul campo, sotto le spoglie di osservatori dell’OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa)” [26].

Quanto al Caucaso, la strategia americana per destabilizzare la regione non era diversa da altre sanguinose avventure. “Combattenti mujaheddin sponsorizzati dagli Stati Uniti con legami con Osama bin Laden sono stati trasportati dall’Afghanistan all’Azerbaigian tramite una compagnia aerea istituita per conto della CIA dall’ex vice segretario alla difesa generale Richard Secord. Nel 1993, un’altra compagnia di comodo, la MEGA Oil, fondata dallo stesso dipendente, aveva reclutato e armato 2.000 mujaheddin, trasformando Baku in una base per le operazioni terroristiche dei mujaheddin in tutto il Caucaso [27]. Dalla metà degli anni ’90, bin Laden ha finanziato i leader militanti Shamil Basayev e Omar ibn al-Khattab per un importo di diversi milioni di dollari al mese. L’intelligence statunitense è rimasta profondamente coinvolta per il resto del decennio. Secondo Yosef Bodanksy, allora direttore della Task Force del Congresso degli Stati Uniti sul terrorismo e la guerra non convenzionale, Washington era attivamente impegnata in “un’altra jihad anti-russa” cercando di sostenere e rafforzare le più virulente forze islamiste anti-occidentali [28]. Nonostante il calvario che lo ha colpito, il popolo ceceno, è comunque riuscito a invertire la tendenza e opporsi all’ideologia del wahhabismo, facendo affidamento sulle tradizioni e sui costumi secolari (adat) dei Vainakh. È grazie agli sforzi dei seguaci dell’Islam tradizionale, in particolare del primo presidente della Repubblica cecena Akhmat-Khoja Kadyrov (1951-2004) e dello sceicco Muhammad-Sodik Muhammad-Yusuf (1952-2015) (teologo della Repubblica di Uzbekistan), rivelando il vero significato della jihad, che si è deciso di ripulire la terra cecena dall’estremismo internazionale, dal terrorismo e da varie bande. Le parole d’oro dello sceicco Muhammad-Sodiq Muhammad-Yusuf che affermava: “… voi ceceni dovete realizzare una verità, che né i sauditi hanno bisogno di voi, né gli Emirati hanno bisogno di voi, né i libici hanno bisogno di voi, e nemmeno gli altri hanno bisogno di voi, solo la Russia ha bisogno di voi, e voi avete bisogno della Russia, perché siete un piccolo popolo, …e solo insieme a un grande paese potrete raggiungere il successo” [29], sono state di fondamentale importanza per l’adozione di una decisione fatale per il popolo ceceno – “vivere, lavorare , crescere i propri figli come parte della Russia” [30].

Impazziti dalla possibilità di non vincolarsi agli obblighi del diritto internazionale, gli Stati Uniti non hanno nascosto le loro nefaste ambizioni di conquistare il Grande Medio Oriente. Così, nel settembre 2000, The Project for the New American Century (PNAC) (fondato nel 1997 da un certo numero di importanti scrittori e studiosi neoconservatori per promuovere l’aggressiva politica estera degli Stati Uniti e “mobilitare il sostegno alla leadership globale americana” [31]), pubblica un documento che delinea la sua visione di politica estera. Ha chiesto agli Stati Uniti di usare una forza militare schiacciante per controllare la regione del Golfo Persico e “per mantenere la supremazia globale degli Stati Uniti …e modellare un ordine di sicurezza internazionale coerente con i principi e gli interessi americani”. Tuttavia, per raggiungere l’obiettivo prefissato, continuando in questo rapporto, era necessario che si verificasse una sorta di evento catastrofico, qualcosa di simile alla nuova Pearl Harbor” [32]. E questo evento è avvenuto l’11 settembre 2001 (11 settembre), un evento che ha permesso ai neoconservatori di assumere una posizione di leadership nella politica estera nell’amministrazione del presidente G. W. Bush.

L’invasione dell’Afghanistan (nel 2001) e dell’Iraq (nel 2003) sono stati i principali catalizzatori della radicalizzazione della popolazione dei paesi musulmani, che hanno permesso di ricostituire i ranghi delle già formate cellule terroristiche di Al-Qaeda (bandita nel Federazione Russa), come condizione necessaria per destabilizzare la regione. La strategia di destabilizzazione del Medio Oriente è stata apertamente postulata dai neoconservatori. Così, nel 2002, il leader neoconservatore Michael Ledeen (Michael Ledeen, ex consulente del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e del Dipartimento della difesa degli Stati Uniti; presidente del Freedom Scholar presso l’American Enterprise Institute (American Enterprise Institute [33]) ha dichiarato: “…Non abbiamo bisogno di stabilità in Iran, o in Iraq, o in Siria, o in Libano, e nemmeno in Arabia Saudita… La vera questione non è se, ma come destabilizzare la situazione. Dobbiamo assicurare il compimento della rivoluzione democratica” [34]. Questo “come” ha portato alla propaganda dell’ideologia del jihadismo da parte di varie organizzazioni e movimenti estremisti e terroristici, tra cui Al-Qaeda, che è pienamente coerente con le tattiche statunitensi di diffusione di falsi valori ed erosione delle basi nazionali e culturali dei popoli dei paesi del Medio Oriente, uno degli elementi della tecnologia del “caos controllato” [35].

L’insegnamento tradizionale dell’Islam ha stabilito fermamente la norma del divieto di qualsiasi tumulto che porti a spargimenti di sangue, indipendentemente dalla complessità della situazione politica. Questa posizione è rivelata in modo più profondo nel commento dell’eminente pensatore musulmano, teologo e giurista sunnita (faqih) Imam al-Ghazali: “…o ritengono necessario liberare il paese dal [potere] del sovrano (imām) e la caduta delle province, e questo è impossibile e impensabile per noi. Decidiamo di avere un governante ingiusto, un oppressore, al potere nel paese, per l’estrema necessità dei suoi abitanti” [36].

In mancanza di qualsiasi base giuridica per legalizzare la “religione della jihad” all’interno dei canoni dell’Islam tradizionale, gli ideologi del jihadismo non hanno avuto altra scelta che ricorrere agli schemi delle sette distruttive, unico modo per “distruggere la personalità umana e i suoi legami con il mondo esterno, usando il controllo psicologico e la tecnologia che riforma la coscienza” [37]. L’assolutizzazione dell’idea di jihad al grado di una misura elevata al rango di “permesso da Dio” ha permesso di realizzare la possibilità di un’influenza manipolativa sulle masse al fine di promuovere le proprie visioni ideologiche estreme e stabilire totale controllo sulla coscienza e sul comportamento degli aderenti. Pertanto, il principale ideologo della jihad islamista, Abdullah Azzam, ha sostenuto “L’obbligo di combattere continuamente fino alla morte e rimane responsabilità di tutti fino a quando non libereremo al-Andalus, fino a quando non raggiungeremo di nuovo Leningrado, i finlandesi, il fiume Rul in Francia. Le terre coperte dalle leggi dell’Islam devono essere liberate” [38]. E in risposta alla richiesta dell’ex leader del ramo egiziano della Jihad islamica (bandito nella Federazione Russa), Sayed Imam al-Sharif, di fermare lo spargimento di sangue, il teorico di Al-Qaeda (bandito nella Federazione Russa), Ayman al-Zawahiri, ha affermato che “questa jihad non è per il bene dell’umanità: è per compiacere Allah. L’espressione “fi sabil Allah”, “sulla via di Allah”, è il criterio” [39]. Proclamando la “jihad” per amore della “jihad” e seguendo l’esempio dei fanatici del “puro Islam”, i portavoce del jihadismo non hanno esitato a rivolgersi a testi divini, distorcendo selettivamente i significati dell’intimo, per non rovinare la loro “impresa redditizia”. Di conseguenza, migliaia di figli e sorelle ingannati della beata Ummah sono stati sottoposti a esperimenti umilianti e strazianti per la “grande causa dell’Islam”. Così, la legalizzazione della prostituzione e dell’infedeltà a un coniuge (zina) sotto il nome compromettente di “jihad al-nikah” (“jihad sessuale”) [40] ha messo in luce le viscere della libertà “salafita”, che non è diversa da quella liberale del programma di distruggere l’istituzione della famiglia. Inoltre, i jihadisti hanno forzato i “servizi” perversi “sotto la minaccia delle armi”, condannando a sangue freddo “mogli intrattabili” all’esecuzione [41].

Quante donne di intere famiglie costrette a partire con i propri mariti per il territorio dell ‘”Islam” hanno provato amaramente tutti gli incanti della “Sharia”, cambiando più volte involontariamente “compagni”, rendendosi gradualmente conto di essere rinchiuse in una prigione psicologica. Seguendo fanaticamente la “grande idea”, i jihadisti non hanno risparmiato nemmeno i bambini disabili, permettendo “l’uccisione di neonati con sindrome di Down e con disabilità fisiche… 38 bambini con sindrome di Down di età compresa tra una settimana e tre mesi sono stati giustiziati. Sono stati uccisi con iniezione letale o strangolamento. Alcuni degli omicidi sono avvenuti in Siria e a Mosul” [42]Nella loro preoccupazione per la “pulizia” dei ranghi, i jihadisti assomigliano al leader del Terzo Reich, che “è giunto alla conclusione che i malati terminali e gli handicappati mentali dovrebbero essere eliminati non solo per preservare la purezza della razza ariana, ma anche per ragioni economiche” [43]. Coltivando pratiche disumane, i “salvatori della Ummah” gareggiavano appassionatamente nel sequestrare case, automobili, tagliare teste, impossessarsi di schiave sessuali a mo’ di “trofeo”, considerando queste atrocità come “misericordia di Dio”, e lodavano con zelo questi “doni” daa vanti al potenziale pubblico.

“Caratteristici dei culti distruttivi sono segni come una percezione negativa dei dissidenti e della scienza secolare, l’ostilità verso altre confessioni religiose, un atteggiamento indifferente e sprezzante nei confronti del patrimonio storico e culturale, una rigida gerarchia con frequente venerazione del capo del culto, l’assolutizzazione e l’intensa propaganda del proprio concetto religioso, l’eclettismo e l’accresciuto escatologismo della dottrina, l’instaurazione di un controllo totale sulla coscienza e sul comportamento dell’adepto” [44], facilmente coesistenti nel mostro jihadista, i cui adepti tendono ad agire secondo il seguente piano: “in primo luogo, fai un reinsediamento (hijra) dal territorio dell’incredulità (dar-ul-kufr) al territorio dell’Islam (dar-ul-islam) (può essere un paese, una regione o luoghi come montagne e foreste), la creazione di un jamaat lì, ad es. comunità islamica (o l’adesione a tale comunità), quindi intraprendendo la jihad militare (incursioni sul nemico dal proprio accampamento militare), prima per liberare il territorio che era nelle mani dei musulmani, poi per diffondere l’Islam con mezzi militari in altri paesi, quindi creare un unico stato islamico mondiale (califfato)” [45].

Sottomettendosi ai compiti politico-militari nel progetto politico delineato dall’Occidente, gli ambiziosi jihadisti si sono precipitati a svolgere la “missione” loro assegnata. Ad esempio, il gruppo Ansar al-Islam, che si è stabilito nel nord dell’Iraq (bandito nella Federazione Russa), creato da Abu Musab al-Zarqawi ha permesso il 3 febbraio 2003, poche settimane prima dell’inizio della guerra in Iraq, a Colin Powell, Segretario di Stato americano, parlando alle Nazioni Unite, di dichiarare il legame di Al-Qaeda con il regime di Saddam [46]. Dopo l’invasione delle truppe americane, con il famoso slogan jihadista, “per sconfiggere il “nemico lontano” bisogna distruggere il “nemico vicino”, che cambia in “per sconfiggere il “nemico lontano” bisogna cooperare con i resti del “nemico vicino”, Osama bin Laden avalla l’alleanza jihadista-baathista [47], le cui micidiali conseguenze non si sono fatte attendere. Attacchi terroristici da parte di militanti “Tawhid wal-Jihad”, “Al-Qaeda Iraq”, “Stato islamico dell’Iraq” (bandito nella Federazione Russa) e altri gruppi legati ad Al-Qaeda iniziarono a sopraffare l’Iraq. Esplosione all’ambasciata giordana a Baghdad (19 morti, 60 feriti), attentato alla sede delle Nazioni Unite (23 morti, oltre 200 feriti), esplosioni negli uffici di compagnie americane, quartier generale delle truppe italiane, attentati terroristici alla città di Karbala (14 morti, fino a 170 feriti), esplosioni nelle sedi del Partito Democratico del Kurdistan e dell’Unione Patriottica del Kurdistan nella città di Erbil (200 morti, 267 feriti) hanno seminato paura e odio tra gli abitanti dell’Iraq [48]. Gli attentatori suicidi hanno effettuato quasi il 42% degli attentati in Iraq, i quali hanno provocato il maggior numero di vittime [49].

Inaspettatamente per Washington, una rivolta scoppiata sul fronte sciita meridionale, guidata dal leader sciita Muqtada al-Sadr, ha incontrato una serie di brutali attacchi terroristici contro gli sciiti. Un’esplosione vicino a uno dei principali santuari degli sciiti – il mausoleo dell’Imam Ali ad An-Najaf (126 morti, 230 feriti; tra i morti – il leader del Consiglio supremo della rivoluzione islamica dell’Iraq, l’Ayatollah Muhammad Bakr al-Hakim), sabotaggio ai santuari sciiti di Karbala e Baghdad (più di 170 persone, circa 500 iracheni sono rimasti feriti; tra i morti 49 pellegrini iraniani) [50], e altri hanno dimostrato la provocatoria strategia di guerra contro gli sciiti, incarnata da Al-Zarqawi, per provocarli alla rappresaglia, e portare i sunniti sotto la sua ala protettrice, facendo precipitare il Paese in una guerra civile implacabile. Le azioni “filotropiche” dei terroristi hanno solo rafforzato la presenza statunitense in Iraq, già nel 2007 c’erano 170.000 soldati americani nel Paese “boots on the ground”.

Dopo aver completato la “democratizzazione” dell’Iraq e il ritiro delle sue truppe nel dicembre 2011, gli Stati Uniti hanno lasciato solo il popolo iracheno nel caos economico e politico interno, aprendo la strada al collasso dell’Iraq lungo linee etnico-religiose.

Nel frattempo, la “primavera araba” imperversava nel mondo arabo, licenziando Ben Ali in Tunisia e Hosni Mubarak in Egitto, reprimendo brutalmente il leader della rivoluzione libica, Muammar Gheddafi, e seminando una guerra civile in Siria, nella quale si è aperta l’opportunità per i jihadisti di portare avanti la loro nuova “jihad”.

Seguendo la strategia di Al-Zarqawi, Al-Baghdadi, leader dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS) (bandito nella Federazione Russa), ha lanciato attacchi terroristici e massacri contro gli sciiti iracheni, continuando a seminare l’odio settario, che allo stesso modo si è trasferito in Siria. Nel frattempo, in Siria, i gruppi Ahrar ash-Sham e Jabhat al-Nusra (banditi nella Federazione Russa) associati ad Al-Qaeda hanno sconsideratamente e crudelmente messo in pratica le loro “capacità” politico-militari nella costruzione del “califfato”. E solo il sostegno della Russia e dell’Iran nel mantenere l’integrità dello Stato siriano non ha permesso l’attuazione dei piani insidiosi dei colonialisti occidentali per dividere la Siria lungo linee etnico-religiose.

Provando un malcelato fastidio per il sogno irrealizzato di governare il mondo, gli Stati Uniti continuano la strategia di destabilizzazione delle regioni, inviando i loro ben nutriti “guerrieri della jihad” in vari punti caldi. Solo in Afghanistan, le azioni di Stati Uniti e Gran Bretagna contribuiscono al rafforzamento dell’ala regionale del gruppo terroristico ISIS, il cui numero era già di 3,5mila nel novembre 2022 [52]. Per quanto riguarda l’Ucraina, decine di militanti associati all’organizzazione terroristica di Al-Qaeda sono stati trasferiti nel suo territorio dalla provincia siriana di Idlib [53].

Vagando nelle irrealizzabili illusioni di un vuoto esistenziale e rifiutando le sane parole d’addio degli scienziati dell’Islam tradizionale, gli incalliti ammiratori del “jihad” sono costretti a compiere la “missione” loro assegnata dall’Occidente di sradicare le vecchie tradizioni e credenze dei popoli del mondo al fine di costruire una nuova società di transumanesimo, priva di nobili ideali, sulla risultante terra desolata di spiritualità, moralità e giustizia.

P.S.: L’Operazione Militare Speciale condotta dalla Russia in Ucraina mira non tanto a eliminare gli obiettivi militari del nemico quanto a salvare il popolo ucraino dalla prigionia delle illusioni e degli inganni, introdotti in modo disumano e vile nella coscienza ingenua dei fratelli e delle sorelle ucraini, proprio come è stato fatto con i seguaci dell’Islam, per riempire i loro cuori di odio e crudeltà non solo verso la loro secolare cultura e storia, ma anche verso le loro meravigliose tradizioni di buon vicinato e cordialità, condannandoli alla vile schiavitù dell’ideologia dell’ipocrisia e costringendoli a morire sconsideratamente in nome della “jihad” della globalizzazione, in cui non c’è posto per l’identità del popolo ucraino, così come per l’identità di tutti gli altri popoli del pianeta.

Note:

[1] Syrokomsky V.A. Terrorismo internazionale e CIA: documenti, prove, fatti – M.: Progress, 1992.

[2] https://finances.social/novogo-vremeni-istoriya/upravlenii-spetsialnyimi-operatsiyami-76527.html

[3] Syrokomsky V.A. Terrorismo internazionale e CIA: documenti, prove, fatti – M.: Progress, 1992.

[4] Bloom W. Killing Democracy: Operazioni della CIA e del Pentagono durante la Guerra Fredda / trad. dall’inglese a cura di A. Chernov e E. Loginova; redattore della traduzione V. Krasheninn. -M.: ANO “Institute for Foreign Policy Research and Initiatives”, Kuchkovo Pole, 2013.-713p. (Serie “Politica reale”).

[5] Syrokomsky V.A. Terrorismo internazionale e CIA: documenti, prove, fatti – M.: Progress, 1992.

[6] Uccidere la democrazia: operazioni della CIA e del Pentagono nel periodo post-sovietico. Raccolta di articoli del gruppo internazionale di autori / Tradotto dall’inglese da Andrey Verchenkov; dallo spagnolo da Tatiana Vladimirskaya. – M .: ANO “Istituto per la ricerca e le iniziative di politica estera”, Kuchkovo Pole, 2014. – 480 p. (Serie “Politica reale”).

[7] https://tass.ru/politika/5341663

[8] https://tass.ru/obschestvo/4969524

[9] https://tass.ru/politika/5585434

[10] https://tass.ru/politika/4970678

[11] https://monthlyreview.org/2007/10/01/the-dismantling-of-yugoslavia/

[12] Gabdullah al-Qahtani. Chi sono i neo-kharijiti (wahhabiti – “salafiti”)? – Kazan: casa editrice Iman, 1992.

[13] Shagaviev D. A. Movimenti e gruppi islamici. – Kazan: PI “ID “Khuzur” – “Calm”, 2018. – 288 p.

[14] https://milliard.tatar/news/evroislam-cto-eto-takoe-i-pricem-tut-rossiiskie-musulmane-2447

[15] https://tribune.com.pk/story/1672777/wahhabism-spread-behest-west-cold-war-mohammed-bin-salman

[16] Gabdullah al-Qahtani. Chi sono i neo-kharijiti (wahhabiti – “salafiti”)? – Kazan: casa editrice Iman, 1992.

[17] https://tvzvezda.ru/news/20191016150-OqTeY.html

[18] https://www.rbc.ru/politics/28/08/2010/5703dd859a79470ab50244be

[19] https://newint.org/features/2009/10/01/blowback-extended-version

[20] Bloom W. Killing Democracy: Operazioni della CIA e del Pentagono durante la Guerra Fredda / trad. Dall’inglese a cura di A. Chernov e E. Loginova; redattore della traduzione V. Krasheninn.-M.: ANO “Institute for Foreign Policy Research and Initiatives”, Kuchkovo Pole, 2013.-713p. (Serie “Politica reale”).

[21] https://cyberleninka.ru/article/n/islamskiy-fundamentalizm-teoriya-i-praktika

[22] Il tadjismo è l’idea dell’Onnipotente Allah in qualche forma, forma (jism) o con un corpo. Tashbih è l’assimilazione di Allah Onnipotente a qualcosa del creato (mahlukat). Coloro che seguono questa credenza sono chiamati mushabbiha. https://islam-today.ru/veroucenie/veroubezdenie/upodoblenie-tadzism-i-tasbih/

https://islam-today.ru/istoria/kto-takie-dzabarity-i-kadarity/

[23] Shagaviev D. A. Movimenti e gruppi islamici. – Kazan: PI “ID “Khuzur” – “Calm”, 2018. – 288 p.

[24] Shagaviev D. A. Movimenti e gruppi islamici. – Kazan: PI “ID “Khuzur” – “Calm”, 2018. – 288 p.

[25] https://newint.org/features/2009/10/01/blowback-extended-version

[26] https://newint.org/features/2009/10/01/blowback-extended-version

[27] https://www.panorama.am/en/news/2015/05/30/azerbaijan-terrorism/41534

[28] https://newint.org/features/2009/10/01/blowback-extended-version

[29] Vita dedicata all’Islam. Documentario Parte 2 – YouTube

[30] https://grozny.tv/news/main/24091

[31] https://militarist-monitor.org/profile/project_for_the_new_american_century/

[32] https://islamophobiaisracism.files.wordpress.com/2017/03/kumar-the-foreign-policy-establishment.pdf

[33] https://www.jewage.org/wiki/ru/Article:Michael_Ledeen_-_Biography

[34] https://oregondigital.org/sets/easia/oregondigital:df72d883s#page/1/mode/1up

[35] http://www.philos.lv/Citu_raksti/Upravlaemij_haos.html

[36] Nasyrov I. R. Fondamenti del misticismo islamico (genesi ed evoluzione). – M.: Lingue delle culture slave, 2009. – 552 p.

[37] T. Leary, M. Stewart, et al., Tecnologie per cambiare la coscienza nei culti distruttivi. ed. I. Mitrofanova Traduzione dall’inglese. – “Janusbooks”, San Ven: “Exlibris”, 2002. — 224 pag.

[38] https://topwar.ru/156862-razgromlennye-dzhihadisty-podnimajut-golovu.html

[39] https://scholarlypublications.universiteitleiden.nl/access/item%3A3144112/view

[40] https://ria.ru/20140908/1023305894.html

[41] https://www.tatar-inform.ru/news/islamisty-kaznili-19-zhenschin-za-otkaz-ot-seks-dzhihada

[42] https://ren.tv/news/v-mire/66513-smi-boeviki-ig-kaznili-38-detei-s-sindromom-dauna

[43] https://lenta.ru/articles/2020/05/11/psycho2/

[44] https://studfile.net/preview/5359052/page:34/

[45] Shagaviev D. A. Movimenti e gruppi islamici. – Kazan: PI “ID “Khuzur” – “Calm”, 2018. – 288 p.

[46] Weiss M. Stato islamico. Esercito del terrore / M. Weiss – Alpina Digital, 2015

[47] Weiss M. Stato islamico. Esercito del terrore / M. Weiss – Alpina Digital, 2015

[48] https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/1282947

[49] https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/1282947

[50] https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/1282947

[51] https://asiaplustj.info/ru/news/world/20111215/ssha-ofitsialno-zavershili-voennuyu-kampaniyu-v-irake

[52] https://ria.ru/20221102/terroristy-1828799893.htmlhttps://t.me/SputnikTj/13214

[53] https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/16139269

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NR-Italia

13 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube