Tag: potere

  • Thumbnail for the post titled: Pillole programmatiche

    Pillole programmatiche

    Quando si parla di sovranità, grazie all’indefessa opera di demolizione dei nostri media a gettone, il pensiero del cittadino medio corre ad associazioni come “nazionalismo”, “stato etico”, finanche “fascismo”.
    Dimentichi del primo articolo della costituzione, gli italiani sono stati addestrati come i cani di Pavlov, ad aggrottare le sopracciglia con ostilità e sospetto di fronte ad ogni espressione che presenti la radice “sovran-“.

  • Thumbnail for the post titled: Le forze ucraine aggravano il rischio di disastro nucleare

    Le forze ucraine aggravano il rischio di disastro nucleare

    Le tensioni in Europa continuano sempre più forti e con queste i rischi di allargamento del conflitto. La Russia assicura che le forze ucraine hanno intensificato gli attacchi e bombardamenti in prossimità della centrale nucleare di Zaporizia e questo potrebbe portare a gravissime conseguenze nella regione. Una minaccia di disastro nucleare che sarebbe 10 volte più grave di quella di Cernobyl.
    Per questo Mosca ha richiamato gli Stati Uniti, la UE, l’ONU, e l’AIEA a fare pressioni su Kiev per far cessare gli attacchi mirati alla centrale che potrebbero provocare un disastro di proporzioni immani in tutta la regione.

  • Thumbnail for the post titled: Federazione Russa, Stati Uniti ed Unione Europea: la partita del gas

    Federazione Russa, Stati Uniti ed Unione Europea: la partita del gas

    L’Unione Europea, con la sua politica estera e di sicurezza comune, si prefigge come scopo quello di consentire ai ventisette Stati membri (tra cui l’Italia) un maggior peso a livello internazionale di quanto ne avrebbero se agissero singolarmente. Tuttavia, le scelte assunte a partire dal 24 febbraio 2022, ma in realtà già dal 2014, nei confronti dell’operazione speciale avviata dalla Federazione Russa in Ucraina dimostrano la assoluta sudditanza di Bruxelles verso gli Stati Uniti d’America.

  • Thumbnail for the post titled: SMO, la battaglia per la “fine della storia”!

    SMO, la battaglia per la “fine della storia”!

    Ragioniamo sul significato filosofico della SMO (N.d.T. ricordiamo ancora una volta ai lettori che SMO è acronimo di Special Military Operation, ovvero Operazione Militare Speciale). La SMO è indissolubilmente legata al concetto di “fine della storia”, non solo perché Francis Fukuyama, che ha scritto il famoso testo dal titolo La fine della stori”, fin dal primo giorno della SMO si è unito attivamente alla lotta ideologica contro la Russia dalla parte dei nazionalisti ucraini e si è persino unito personalmente all’organizzazione terroristica Bellingcat che, tra l’altro, ha cercato di dirottare un aereo militare in Russia, anche se questo fatto è di per sé molto espressivo; il fatto centrale è che la Russia si oppone direttamente al globalismo, a quel “totalitarismo liberale”, come ha detto apertamente il Presidente Putin, che è un’ideologia, e la “fine della storia” gioca un ruolo fondamentale nella sua struttura.

  • Thumbnail for the post titled: Il controllo del sistema alimentare da parte dei globalisti fa parte del loro piano di controllo su di te

    Il controllo del sistema alimentare da parte dei globalisti fa parte del loro piano di controllo su di te

    I globalisti stanno prendendo il controllo del sistema alimentare: se controllano le sementi, controllano il cibo, e se controllano il cibo, possono usare l’ID digitale per controllare l’accesso dei consumatori al cibo.
    L’agenda globalista di accaparramento del potere non è qualcosa di onnicomprensivo. Ci stanno attaccando da ogni angolazione possibile e, che si parli di biosicurezza, finanza, abitazioni, salute, energia, trasporti o cibo, tutti i cambiamenti a cui stiamo assistendo hanno un unico obiettivo: farci conformare ai piani dei globalisti.

  • Thumbnail for the post titled: Perché il RAND teme una guerra nucleare?

    Perché il RAND teme una guerra nucleare?

    Secondo gli analisti del RAND, Mosca userebbe presumibilmente le armi nucleari se:
    a) Mosca considera l’aumento della propaganda anti-russa nella NATO come una preparazione dell’opinione pubblica alla guerra.
    b) interpreta un rafforzamento militare sul fianco orientale della NATO come prova dei preparativi per un attacco diretto contro la Russia.
    c) scopre che la NATO è già direttamente coinvolta nel conflitto in Ucraina (sotto forma di volontari, consiglieri militari).

  • Thumbnail for the post titled: Democrazia e relativismo

    Democrazia e relativismo

    Quante volte abbiamo sentito, soprattutto in questi giorni, le forze di centro-sinistra, ma anche di centro-destra, utilizzare la parola “democrazia”. Tutti, dalla Meloni a Letta, da Berlusconi a Conte, da Salvini a Calenda, ci informano (in modo a volte diretto, altre volte indiretto) sul loro fermo proposito di tutelare il sistema democratico, rassicurando i “poteri forti” in primis e gli elettori in secundis che il sistema democratico, con loro, non è in pericolo.

  • Thumbnail for the post titled: L’UE ha fatto marcia indietro

    L’UE ha fatto marcia indietro

    L’UE ha mosso i primi passi per revocare le sanzioni energetiche e alimentari contro la Russia, seguiranno altri passi? O l’Occidente, demonizzando la Russia, reagirà con un attacco militare? Non è stato ancora deciso nulla, ma se il passo indietro continua e l’accordo separato sulle esportazioni di grano dall’Ucraina rimane, sarà generalmente una buona notizia per la regione.

  • Thumbnail for the post titled: Vota PD, avrai la vita eterna

    Vota PD, avrai la vita eterna

    “Vota il lavoro, scegli il PD!”
    “Vota la scienza, scegli il PD!”
    “Vota i diritti, scegli il PD!”
    “Contro i finti stage, scegli il PD!”
    “Un mese di stipendio in più, scegli il PD!”
    Ecco, capita che tutte le persone normodotate e non affette da amnesie degenerative di mia conoscenza di fronte a questo exploit di marketing elettorale manifestino una significativa sintomatologia intestinale.

  • Thumbnail for the post titled: Il Pakistan parteciperà alle esercitazioni SCO di ottobre in India

    Il Pakistan parteciperà alle esercitazioni SCO di ottobre in India

    È uno sviluppo positivo che le autorità pakistane post golpiste sostenute dagli Stati Uniti non stiano capitolando alle pressioni dei loro patroni stranieri per prendere le distanze dalla SCO, rifiutandosi di partecipare alle esercitazioni antiterrorismo di ottobre in India. Soprattutto perché avrebbero potuto facilmente farlo con il pretesto di protestare per l’irrisolto conflitto del Kashmir e soprattutto per la revoca dell’articolo 370 da parte dell’India tre anni fa.