Tag: diplomazia

  • Thumbnail for the post titled: La Finlandia lascerà la Svezia nei guai e si unirà da sola alla NATO?

    La Finlandia lascerà la Svezia nei guai e si unirà da sola alla NATO?

    Avvalorando pubblicamente l’ipotesi di scorporare la candidatura del suo Paese alla NATO da quella della Svezia, nonostante abbia fatto marcia indietro sotto pressione appena un giorno dopo, il massimo diplomatico finlandese ha segnalato con forza che non si aspetta che la situazione di stallo svedese-turca si risolva a breve. Il gatto è già fuori dal sacco e probabilmente la Finlandia ha davvero questo “piano B”, di cui ora analizzeremo le motivazioni strategiche e le conseguenze sul soft power.

  • Thumbnail for the post titled: L’Occidente è isterico

    L’Occidente è isterico

    Il leader russo Vladimir Putin è in attesa di un invito ufficiale al primo vertice BRICS faccia a faccia dopo la pandemia. Lo ha detto l’ambasciatore del Sudafrica a Mosca Mzuvukile Maketuka. La sede del vertice non è ancora stata determinata, contrariamente alle esercitazioni navali congiunte con Mosca e Pechino. Le manovre si svolgeranno a febbraio nelle acque dell’Africa australe.

  • Thumbnail for the post titled: Combattere con l’Iran

    Combattere con l’Iran

    Non conosciamo le ragioni che hanno spinto lo sceicco Hamad bin-Jassim Al Thani, ex primo ministro e ministro degli Esteri del Qatar, a pubblicare una serie di tweet in cui avverte di “una possibile azione militare statunitense/israeliana che potrebbe scuotere la sicurezza e la stabilità nella regione del Golfo” con “gravi conseguenze economiche, politiche e sociali”.

  • Thumbnail for the post titled: C’è dire ancora molto sulla guerra in Ucraina

    C’è dire ancora molto sulla guerra in Ucraina

    Ciò che ho da dire sulla guerra in Ucraina è “molta roba”. Per non sfiancare chi ha la bontà di leggermi, lo farò pubblicando in più parti le mie osservazioni. Questa è la prima parte.

  • Thumbnail for the post titled: Braccio di ferro in corso a Washington sul proseguo della guerra

    Braccio di ferro in corso a Washington sul proseguo della guerra

    La deriva bellicista che stanno manifestando gli Stati Uniti e i loro alleati/vassalli su tutto il fronte occidentale, incluso il Giappone, non ha precedenti nella storia degli ultimi 50 anni e non ha giustificazioni se non in funzione di interessi economici e geopolitici inconfessabili.

  • Thumbnail for the post titled: La spiegazione del Brasile per il ritardo della sua presidenza BRICS è estremamente sospetta

    La spiegazione del Brasile per il ritardo della sua presidenza BRICS è estremamente sospetta

    È incredibile che una Grande Potenza in ascesa come il Brasile non riesca a organizzare più di un grande vertice multilaterale in un solo anno. Sembra che Lula stia facendo un favore agli Stati Uniti come contropartita per l’aiuto dei suoi servizi segreti nell’orchestrare l’incidente dell’8 gennaio, che sta consolidando il suo potere.

  • Thumbnail for the post titled: Chi comanda il mondo? Parte seconda

    Chi comanda il mondo? Parte seconda

    Nella prima parte d questo elaborato abbiamo cercato di fornire una risposta al quesito su chi esercita davvero il potere nel mondo, attraverso due livelli di indagine: comandano coloro di cui non si può “dir male” e, concretamente, i signori del denaro, in particolare la cupola finanziaria che si è impadronita dell’emissione monetaria. Abbiamo riconosciuto tristemente il ruolo secondario, se non servile, della dimensione pubblica – Stato e politica- ma la domanda restava in parte inevasa. Occorreva una serie di approfondimenti.

  • Thumbnail for the post titled: Il Venezuela propone un’unione politica dei Paesi latinoamericani con Russia e Cina

    Il Venezuela propone un’unione politica dei Paesi latinoamericani con Russia e Cina

    All’indomani del fallimento del “Maidan” brasiliano volto a ostacolare il riavvicinamento del subcontinente all’asse Cina-Russia, il pericoloso gioco dei neocon statunitensi potrebbe ben presto rivelarsi al punto più alto controproducente per la plutocrazia atlantista. La dislocazione della sfera d’influenza privilegiata degli Stati Uniti in America Latina potrebbe presto subire un improvviso impulso.

  • Thumbnail for the post titled: La Libia e gli interessi geopolitici dei vicini

    La Libia e gli interessi geopolitici dei vicini

    Dal rovesciamento del governo nel 2011, la Libia si è divisa. Tripoli e l’Occidente hanno cercato di controllare la parte orientale del Paese, feudo dell'”Esercito nazionale libico” (LNA) guidato dal feldmaresciallo Khalifa Haftar. In seguito, il doppio potere ha prevalso e il Paese ha cessato di funzionare come un unico Stato.

  • Thumbnail for the post titled: La Russia ha difeso i suoi sforzi di “sicurezza democratica” in Africa occidentale e nel Sahel al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

    La Russia ha difeso i suoi sforzi di “sicurezza democratica” in Africa occidentale e nel Sahel al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

    Si prevede che il Miliardo d’oro non resterà passivamente a guardare mentre la Russia aiuta a liberare i suoi partner dell’Africa occidentale e del Sahel dal loro giogo neocoloniale, paese per paese, e per questo si prevede che la guerra per procura franco-russa si intensificherà.