La Libia e gli interessi geopolitici dei vicini

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Dal rovesciamento del governo nel 2011, la Libia si è divisa. Tripoli e l’Occidente hanno cercato di controllare la parte orientale del Paese, feudo dell'”Esercito nazionale libico” (LNA) guidato dal feldmaresciallo Khalifa Haftar. In seguito, il doppio potere ha prevalso e il Paese ha cessato di funzionare come un unico Stato.

Il popolo e il parlamento dell’est hanno optato per la cooperazione con l'”Esercito nazionale libico” guidato dal maresciallo Haftar. A ovest, nella capitale Tripoli, governava il Governo di Accordo Nazionale (NAC), sostenuto da ONU e UE, guidato da Fayiz Saradj. Il suo mandato è già scaduto.

Altri Paesi hanno reagito in modo diverso agli eventi in Libia. Nel 2011, la Grecia ha sostenuto l’operazione militare della NATO contro Muammar Gheddafi mettendo a disposizione dei suoi membri campi d’aviazione militari e una base navale. Tuttavia, l’esercito greco non è stato coinvolto direttamente nell’operazione. Nel 2020, la Turchia ha schierato in Libia le sue truppe e i suoi fedeli mercenari siriani, che hanno prima fermato l’offensiva dell'”Esercito nazionale libico” di Khalifa Haftar e poi l’hanno respinto da Tripoli a Sirte. Haftar poteva essere salvato solo dal Cairo, che ha minacciato Ankara di introdurre le sue truppe in Libia.

Le relazioni diplomatiche tra Il Cairo e Ankara sono state interrotte nel 2013 dopo che l’allora capo dell’esercito egiziano As-Sisi aveva guidato un colpo di Stato militare contro il presidente egiziano Mohamed Morsi, sostenuto da Erdogan (e dai Fratelli Musulmani, un gruppo vietato in Russia).

La Turchia, durante la visita di una delegazione turca di alto livello al Cairo nel 2021, si è trovata in una situazione di svantaggio: in primo luogo, a causa del blocco del Qatar e, in secondo luogo, perché Ankara non è stata accettata nel forum del gas, che riuniva quasi tutti i Paesi del Mediterraneo orientale, tra cui Italia, Egitto, Grecia, Israele, Cipro greca, Giordania e Palestina. Ciò che non è piaciuto ad Ankara è stato il rafforzamento dell’amicizia tra greci ed egiziani.

I turchi suggerirono allora agli egiziani di dimenticare tutti i vecchi rancori e di riconciliarsi. Il Cairo si è mostrato piuttosto cauto nei confronti della proposta. Gli egiziani hanno risposto suggerendo che i Paesi dovevano prima superare le differenze accumulate. Il tema in questione è la critica alla leadership egiziana da parte dei media turchi. Il Cairo è anche insoddisfatto dell’accordo di cooperazione militare del 2019 firmato con l’ex “governo di accordo nazionale” di Faiz Saraj, che dà diritto alle forze militari turche di trovarsi in territorio libico, e del documento sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia. Il Cairo ha inoltre chiesto ad Ankara di non interferire più negli affari interni dei Paesi arabi e di non concedere la cittadinanza turca agli egiziani che vivono in Turchia.

I turchi hanno poi soddisfatto alcune delle richieste, come la moderazione delle critiche all’Egitto sui loro canali televisivi. Ciononostante, la Turchia continua a spingere il concetto di Patria Blu, che prevede l’espansione delle sue proprietà idriche nel Mar Egeo, nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero. A tal fine, Ankara intende concludere un accordo simile per delimitare i confini marittimi con l’Egitto, che in futuro potrebbe trasformare il Mediterraneo in un “lago turco”, a spese del Cairo. Non è un caso che molti esperti ritengano che proprio sulla pista libica il Cairo e Ankara avranno maggiori difficoltà a negoziare concessioni reciproche. È improbabile che turchi ed egiziani accettino di cedere l’uno all’altro posizioni importanti in Libia, di importanza strategica per entrambi i Paesi.

È possibile che una delegazione di funzionari libici, guidata dallo speaker del parlamento Aguila Saleh, si sia recata al Cairo a metà dicembre per conciliare le posizioni dell’Egitto e dei suoi alleati libici. Il programma della visita prevedeva incontri con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry, l’inviato speciale delle Nazioni Unite in Libia Abdoulaye Bathily e il segretario generale della Lega Araba Ahmed Abu al-Ghaith. Durante gli incontri, Sameh ha dichiarato che l’attuale primo ministro libico, Abdul Hamid Dbeiba, dovrà svolgere una serie di compiti in preparazione delle prossime elezioni libiche, la cui data non è ancora stata stabilita.

Tuttavia, questi compiti non sono ancora stati portati a termine, il primo ministro li ha di fatto deragliati, mettendo a rischio la finalizzazione del cosiddetto quadro costituzionale, ovvero la stesura delle disposizioni costituzionali che determinano le modalità e le regole di partecipazione alle elezioni. Un tempo, questo era il motivo per cui le elezioni parlamentari e presidenziali previste per il dicembre 2021 non avevano mai avuto luogo.

All’inizio di dicembre dello scorso anno, la National Oil Corporation (NOC) libica ha anche invitato le compagnie internazionali con cui aveva precedentemente firmato accordi di esplorazione e produzione di petrolio e gas a riprendere le operazioni nel Paese. L’organizzazione ha dichiarato in un comunicato pubblicato sul suo sito ufficiale. Il NOC ha giustificato la chiamata con il graduale miglioramento della situazione della sicurezza. Da parte sua, anche il defunto “Governo di Accordo Nazionale” guidato da Abdel Hamid Dbeiba ha invitato gli investitori stranieri a tornare e a riprendere le operazioni nei campi. Le aziende occidentali hanno iniziato a negoziare le condizioni di lavoro, ma finora si sono visti pochi progressi. L’anno scorso i dati complessivi di produzione e spedizione sono stati generalmente buoni, con ricavi totali pari a 22 miliardi di dollari. Ma a causa dell’instabilità politica, le interruzioni potrebbero continuare già nel 2023.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

16 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube