Tag: informazione

  • Thumbnail for the post titled: La percezione del pericolo politico

    La percezione del pericolo politico

    Come ogni mattina Facebook, premuroso, mi chiede cosa sto pensando.
    Ecco, questa mattina sto pensando che troppa gente non ha ancora la percezione del pericolo.
    Quale pericolo?
    Ce ne sono diversi, ma il più politicamente immediato è di trovarsi di nuovo in un parlamento dove il bloccone dei partiti neoliberali agisca di nuovo senza opposizione.

  • Thumbnail for the post titled: Gli USA stanno perdendo di vista le conseguenze delle pressioni sulla Russia

    Gli USA stanno perdendo di vista le conseguenze delle pressioni sulla Russia

    Il patriarca della politica americana, Henry Kissinger, ha lanciato un nuovo avvertimento a Biden e alla sua squadra. Kissinger crede che l’America abbia portato le relazioni internazionali al punto che una guerra calda tra Stati Uniti, Cina e Russia è possibile in qualsiasi momento. I media cinesi stanno già spiegando la causa principale di ciò che sta accadendo.

  • Thumbnail for the post titled: Il balletto estivo

    Il balletto estivo

    Il balletto estivo prelettorale del partito unico draghista è solo l’ultimo indice, in ordine di tempo, di un’infinita sconsolante decadenza del ceto politico e dei ceti dirigenti in generale (apparato mediatico in testa).
    E’ dal collasso della Prima Repubblica, sulla scia del crollo del mondo bipolare e dell’imporsi del monopolio imperiale americano, che questo processo di degrado continua; e ogni qual volta si ritiene di aver toccato il fondo, ecco un nuovo guizzo di inventiva che ci sorprende.

  • Thumbnail for the post titled: La censura di ARY News da parte del Pakistan dimostra quanto sia diventato disperato il governo d’importazione

    La censura di ARY News da parte del Pakistan dimostra quanto sia diventato disperato il governo d’importazione

    Questo sviluppo contraddice completamente le pretese delle autorità golpiste post-moderne di essere “democratici che hanno salvato il Pakistan dal fascismo”, quando sono loro stessi a ricorrere alla censura fascista antidemocratica per motivi politici. Il danno che il PMLN e i suoi oscuri protettori hanno arrecato alla reputazione di alcune istituzioni statali, prima impeccabili, nella coscienza pubblica è ciò su cui il governo dovrebbe indagare se fosse davvero indipendente come sostiene di essere, poiché questo danneggia indiscutibilmente il Pakistan nel suo complesso.

  • Thumbnail for the post titled: La struttura

    La struttura

    Se legittimamente possiamo non essere consapevoli di tutto, altrettanto colpevolmente non possiamo esimerci dall’operare per emanciparci dai vincoli che la struttura ci impone.

  • Thumbnail for the post titled: Venti di astensionismo fra spiragli elettorali

    Venti di astensionismo fra spiragli elettorali

    Circola, anche tra persone di cui ho stima, l’idea che la strategia da adottare in queste elezioni sia quella del non-voto.
    Una delle argomentazioni più elaborate che ho trovato a proposito sostiene che quando raggiungeremo una massa critica di astensionismo il “potere istituzionale” sarà costretto a venire a patti e ad accettare le richieste del popolo, richieste che riapriranno i giochi ed elimineranno l’attuale forma di partita truccata.

  • Thumbnail for the post titled: Il servizio fotografico di Vogue degli Zelensky svela la farsa in cui si è trasformato il conflitto ucraino

    Il servizio fotografico di Vogue degli Zelensky svela la farsa in cui si è trasformato il conflitto ucraino

    Gli occidentali sono stati indottrinati a credere che la Prima Famiglia sia in difficoltà proprio come i loro compatrioti. Zelensky, ad esempio, non si cambia quasi mai la camicia, così la gente ha pensato che la vita del Presidente ucraino deve essere molto difficile se non riesce nemmeno a praticare una corretta igiene. L’ultima cosa che avrebbero potuto aspettarsi è che in realtà vive una vita piuttosto sciccosa con la moglie, entrambi appaiono totalmente spensierati e rilassati.

  • Thumbnail for the post titled: 15 anni di esperimenti falliti: miti e fatti sul blocco del gas di Israele

    15 anni di esperimenti falliti: miti e fatti sul blocco del gas di Israele

    La presunta retorica patriottica di Israele sulla lotta per gli interessi nazionali e la sovranità nasconde una banale aggressione contro la popolazione civile di Gaza.
    Sono passati quindici anni da quando Israele ha imposto un blocco totale contro la Striscia di Gaza, sottoponendo quasi due milioni di palestinesi a uno dei più lunghi e brutali blocchi a sfondo politico della storia. Il governo israeliano ha poi giustificato le sue azioni come l’unico modo per proteggere il Paese dal “terrorismo” palestinese. Questa è ancora oggi la linea ufficiale israeliana. Non molti israeliani – certamente non nel governo, ma anche nei media o nella gente comune, ad esempio – sosterrebbero che Israele è più sicuro oggi di quanto non lo fosse prima del giugno 2007.

  • Thumbnail for the post titled: Guerra elettronica cognitiva: verso la guerra mobile dello spettro elettromagnetico

    Guerra elettronica cognitiva: verso la guerra mobile dello spettro elettromagnetico

    Nel corso della storia della guerra umana, i generali hanno sviluppato piani di battaglia basati sullo spostamento di eserciti sul campo di battaglia e sulla loro formazione per ottenere un vantaggio sul nemico. Con lo sviluppo della tecnologia marziale, l’attuale campo di battaglia si è esteso a terra, mare, aria, cielo, Internet e allo spettro elettromagnetico (EMS), così come ad altre aree.

  • Thumbnail for the post titled: Gli Stati Uniti non hanno un’economia

    Gli Stati Uniti non hanno un’economia

    Il settore finanziario statunitense saccheggia da tempo gli altri Paesi. Diversi partecipanti hanno descritto il processo. Dapprima un Paese viene invogliato con tangenti ai leader a sottoscrivere prestiti che non possono essere serviti o rimborsati. Poi arriva il Fondo Monetario Internazionale. Alla popolazione viene imposta l’austerità. I servizi pubblici e l’occupazione vengono tagliati per liberare risorse per il servizio del debito e i beni pubblici vengono venduti per ripagare il prestito. Il tenore di vita si abbassa e le multinazionali statunitensi prendono il controllo dell’economia del Paese.