Russia e Cina denunciano Israele alle Nazioni Unite per l’assedio ai palestinesi

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Durante un briefing del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, gli ambasciatori di Mosca e Pechino descrivono in dettaglio le atrocità del regime contro la Palestina occupata.

Russia e Cina hanno denunciato l’eccessivo uso della forza da parte del regime israeliano contro i palestinesi a causa delle crescenti tensioni nei territori occupati.

In un briefing del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione in Medio Oriente, compresa la questione palestinese, il vice ambasciatore della Russia presso le Nazioni Unite Dmitry Polyanskiy ha criticato le “misure unilaterali” del regime.

Tra questi, ha dettagliato, l’espansione degli insediamenti, il sequestro di proprietà palestinesi, la demolizione di case, gli arresti arbitrari, la violazione dello status quo dei luoghi santi di al-Quds.

Le azioni arbitrarie e illegittime del regime israeliano vanno oltre i limiti della Cisgiordania e di Gaza e colpiscono i vicini stati arabi, di cui viola la sovranità in numerose occasioni, ha osservato Polyanskiy, riferendosi agli attacchi sionisti alla Siria e al Libano.

L’inviato ha anche criticato Washington, fedele alleato di Tel Aviv, per aver ripetutamente posto il veto alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul conflitto israelo-palestinese.

Il problema palestinese non rientra nell’agenda internazionale degli Stati Uniti, che hanno bloccato gli sforzi del Quartetto di intermediari internazionali per il Medio Oriente e impedito l’adozione di qualsiasi decisione significativa da parte del Consiglio di sicurezza, ha ricordato.

Sulla stessa linea di denuncia, l’ambasciatore cinese all’Onu, Zhang Jun, ha espresso la profonda preoccupazione del suo Paese per il deterioramento della situazione della sicurezza nei territori palestinesi occupati.

Pechino condanna gli attacchi indiscriminati contro i civili, deplora le gravi violazioni contro i bambini, si oppone all’uso eccessivo della forza da parte delle forze di sicurezza e chiede la responsabilità degli autori di tali atrocità contro i palestinesi, ha affermato Zhang.

Quest’anno è il più mortale per i palestinesi in Cisgiordania dal 2005, ha denunciato il diplomatico cinese, con centinaia di palestinesi uccisi e feriti dall’esercito di Israele.

Foto: Presstv

1° dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube