Lezioni dall’Ucraina per il futuro della guerra ibrida

image_pdfimage_print

di Weilong Kong e Tim Marler

È necessario un nuovo approccio all’analisi delle decisioni per tenere conto dell’uso della disinformazione nel contesto della guerra ibrida. Il conflitto in Ucraina presenta due diversi tipi di società in competizione: aperta e chiusa. Tuttavia, le caratteristiche critiche di questa competizione non possono essere colte con un unico sistema di analisi. È invece necessario integrare diversi strumenti per contribuire a creare una risposta politica credibile alle odierne minacce ibride.

Le azioni russe in Ucraina comportano una guerra ibrida, che la NATO definisce come “l’interazione o la fusione di strumenti di forza convenzionali e non convenzionali e di strumenti di disturbo… mescolati in modo sincrono per sfruttare le vulnerabilità dell’avversario e ottenere sinergie”. Le tecniche di guerra ibrida sono state certamente utilizzate in passato, ma “ciò che è nuovo negli attacchi visti negli ultimi anni è la loro velocità, scala e intensità, facilitata dal rapido cambiamento tecnologico e dall’interconnessione globale”. In questo contesto si possono usare altri termini come “area grigia” e “guerra dell’informazione”, ma anche in questo caso le caratteristiche chiave devono essere modellate e integrate per informare una politica efficace.

All’inizio del conflitto, la Russia ha utilizzato una serie di “misure attive” tra cui spionaggio, attacchi informatici e disinformazione online. Queste misure miravano a indebolire le difese civili dell’Ucraina e a preparare la popolazione a una presa di potere. I successivi attacchi cinetici avrebbero dovuto sovrapporsi al caos risultante e creare uno scenario di fatto compiuto. L’uso di misure attive piuttosto che di attacchi cinetici, con un rapporto relativamente alto di circa quattro a uno, è stato pensato per un’operazione simile a quella in Crimea del 2014 e a quella russo-georgiana del 2008, che prevedeva un uso economico della forza e conseguenze politiche limitate.

In Ucraina, tuttavia, le misure attive non sembrano aver avuto successo. La Russia ha perso sui social media, ha fallito in larga misura nei suoi sforzi di spionaggio e ha avuto relativamente poco successo nell’uso di attacchi informatici. I pretesti della Russia per un’operazione speciale sono stati smascherati e il suo lancio è stato ritardato a gennaio, quando sarebbe sembrato avere un impatto maggiore sui mercati energetici europei. Anche la propaganda e la disinformazione russa sono state rapidamente sfatate e persino “pre-esposte”, tanto da essere infine ignorate. In confronto, l’Ucraina è riuscita a risollevare il morale interno attraverso campagne sui social media, a denunciare le atrocità militari della Russia, a raccogliere il sostegno internazionale e persino a contribuire alla raccolta di fondi per gli armamenti difensivi.

Il conflitto ha dimostrato le caratteristiche principali della guerra ibrida in un duello tra società aperte e chiuse. Poiché entrambe le parti hanno utilizzato l’informazione e la disinformazione per rivaleggiare con i social media, la Russia e l’Ucraina hanno utilizzato un approccio al conflitto che va oltre il concetto tradizionale di mobilitazione. I metodi ibridi, sperimentati in Russia in una società meno aperta, erano destinati a sfruttare l’apertura delle democrazie liberali occidentali. Naturalmente, l’autore del reato considera il rischio di sfruttare le stesse vulnerabilità se la vittima risponde nello stesso modo. Così, la Russia si è affidata alla struttura di una società chiusa per proteggersi dal proprio veleno. Quando viene attaccata da un’aggressione ibrida, una società relativamente aperta come l’Ucraina trarrà forza dalla sua apertura e mitigherà le vulnerabilità con mezzi tecnici man mano che emergeranno.

Questa competizione tra società aperte e chiuse ha ampie implicazioni per la guerra ibrida. Man mano che entrambi i tipi di società si evolvono e sfruttano gli aspetti chiave della guerra ibrida che funzionano per loro rispettivamente, la competizione futura polarizzerà le società in uno spettro aperto e chiuso. L’attuale sostegno internazionale all’Ucraina non solo aiuta nella lotta immediata, ma dimostra anche che i meriti delle società liberali e aperte superano le vulnerabilità. D’altro canto, le società meno aperte hanno maggiori probabilità di raddoppiare gli sforzi attraverso la mobilitazione sociale, la protezione ideologica e l’autosufficienza in settori chiave. Le misure utilizzate dalle società chiuse includono la propaganda interna di narrazioni ultranazionaliste e revisioniste utilizzando barriere linguistiche; la restrizione di Internet con firewall migliorati; la sorveglianza e la censura estese dei media per sopprimere i punti di vista indesiderati; la priorità del consumo interno attraverso la circolazione interna dell’economia.

Il conflitto in Ucraina offre lezioni preziose per le considerazioni politiche future, ma le sfide rimangono. Oltre alla mancanza di regole chiare per il riconoscimento della guerra ibrida e per l’utilizzo di un approccio globale di governo per affrontarla, non sembra esistere un unico quadro analitico in grado di sviluppare strategie e risposte politiche solide alle minacce ibride emergenti. Mentre esistono molti modelli per i vari aspetti tattici e tecnici della guerra, compresa la guerra ibrida, non esiste un approccio per integrare le funzioni che sono particolarmente importanti nella moderna guerra ibrida. Nel caso della guerra ibrida, di cui l’Ucraina è un esempio, è l’accentuata confluenza di alcune caratteristiche a rendere particolarmente impegnativa la modellazione tradizionale orientata alla previsione. Queste caratteristiche comprendono la complessità, la concorrenza, la parziale osservabilità e la profonda incertezza. Trovare politiche solide per affrontare minacce ibride, come la disinformazione, e difese adeguate richiede, come minimo, un approccio di modellazione che combini gli effetti di queste caratteristiche.

Una chiave centrale per modellare le minacce ibride è la comprensione della complessità del processo decisionale degli individui esposti alle suddette azioni politiche. Tradizionalmente, i sistemi complessi come questo, con molti attori che interagiscono, sono stati sviluppati utilizzando la modellazione ad agenti. Tuttavia, tali modelli potrebbero non tenere conto delle incertezze insite nella guerra.

La guerra ibrida è un gioco a somma zero e tali scenari sono spesso modellati utilizzando il wargaming o la teoria dei giochi, un campo della matematica che analizza gli scambi tra attori in competizione. Tuttavia, la teoria dei giochi può dipendere da funzioni semplificative come la linearità, la proporzionalità e l’additività, che potrebbero non essere applicabili alla guerra ibrida. I giochi di ruolo, invece, non dispongono di meccanismi per catturare in modo affidabile l’incertezza della causalità e per cogliere correttamente i comportamenti non sostenibili.

La nebbia di guerra (cioè la mancanza di informazioni perfette) rende i conflitti, compresa la guerra ibrida, solo parzialmente osservabili. I decisori potrebbero non disporre di tutte le informazioni necessarie per valutare attentamente la situazione attuale e prendere decisioni informate. Inoltre, potrebbero non avere una piena comprensione delle azioni dell’avversario, come in una partita a scacchi. Pertanto, le valutazioni post-azione possono solo essere in grado di stimare l’effetto reale delle tecniche di guerra ibrida, ma queste valutazioni contengono sempre errori di misura. I giochi stocastici parzialmente osservabili, in cui ogni giocatore si forma delle credenze su ciò che può essere osservato e agisce in base a tali credenze, sono progettati per simulare situazioni simili, ma ci sono molte incertezze oltre alla parziale osservabilità.

La guerra ibrida può essere intrisa di profonde incertezze che rendono poco chiara la probabilità di eventi o scenari futuri. Se la guerra ibrida è vista come un insieme di relazioni causa-effetto, semplicemente potrebbero non esserci abbastanza informazioni per confrontare causa ed effetto. È sostanzialmente impossibile prevedere il futuro. Tuttavia, per affrontare questo problema è stato progettato il Deep Uncertainty Decision Making, una famiglia di approcci per esplorare diversi futuri potenziali. Tuttavia, ciò richiede modelli sottostanti che potrebbero non essere necessariamente disponibili.

Per la disinformazione nella guerra ibrida – una competizione che coinvolge sistemi complessi, osservabilità parziale ed elevata incertezza – un processo decisionale efficace può essere impegnativo e i decisori avranno bisogno di nuovi strumenti per elaborare strategie efficaci. I modelli esistenti sono rilevanti per la rappresentazione di specifiche funzioni indipendenti, ma sono incompleti. Per fornire una risposta politica credibile, gli strumenti della guerra ibrida dovranno essere integrati in un quadro che aiuti i responsabili politici a gestire questi conflitti in modo più efficace, sfruttando al contempo una società aperta.

Foto: Idee&Azione

6 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube