Recensione a Guerra ibrida e zona grigia di L. Savin

image_pdfimage_print

di Evgenij Vertlieb

Leonid Vladimirovich Savin, caporedattore della pubblicazione informativo-analitica Geopolitica, capo dell’amministrazione del Movimento Eurasiatico Internazionale, esperto degli stratagemmi del discorso globale dell’ordine mondiale americano-centrico, ha pubblicato una monografia sulla “guerra ibrida e la zona grigia” alla maniera americana. 

L’autore ha a lungo analizzato sistematicamente gli aspetti militari e strategici della formazione delle dottrine USA-NATO, riassumendo piccole componenti di varie opere in un “integrale”. Per la sua monografia del 2022 “Guerra ibrida e zona grigia”, Leonid Savin ha pubblicato oltre un migliaio di articoli e libri, come ad esempio: “Verso la geopolitica”, “Guerra centrata sulla rete e sulla rete. Un’introduzione al concetto”, “Da sceriffo a terrorista”. Saggi sulla geopolitica degli Stati Uniti”, “Etnopsicologia”, “Metodi di governo incentrati sulle reti”, “Nuovi modi di fare la guerra”. Come l’America costruisce l’impero”, “Guerra di Coaching”, “Ordo Pluriversalis. Il rinascimento di un ordine mondiale multipolare”, “Frecce del Centauro. La guerra informatica alla maniera americana”. “Cyber War the American Way” (2020) è uscito organicamente da solo in una guerra ibrida-seriale. Secondo l’autore, per la Russia “continuare a studiare l’adattamento delle tecniche di sovversione occidentali aiuterà a rafforzare la propria sicurezza e a smascherare le azioni aggressive dell’Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti”.

Il libro è composto da tre sezioni: “Guerra ibrida”, “Zona grigia” e “Concetti unificanti”.

Come ritiene Sergey Kurginyan, la dottrina cardine degli Stati Uniti è la “guerra media nella zona centrale”. Applicata alla realpolitik, la strategia statunitense volta a rivedere le costanti fondamentali dell’ordine mondiale sta sperimentando, ad esempio, intrecciando i conflitti intorno all’Ucraina “chi vale cosa e chi può fare cosa” – nella “zona grigia”, convenzionalmente, “nel maggior numero di territori possibile”: per capirlo e avviare “una sorta di fase successiva”. Nel teatro ucraino delle azioni militari-ibride è coinvolto il concetto di “zona grigia”, che comprende sia la guerra per procura che la guerra cibernetica e lo spazio dell’informazione.

Gli Stati Uniti vedono questa guerra come esistenziale. Possono aver perso in Vietnam, ma non in Ucraina. E non è possibile che la Russia si limiti a mezze misure, a palliativi – perché è stata dichiarata una guerra di annientamento. Collettivo. L’Occidente sta giocando al ribasso, perché non crede che la Russia oserà usare le armi nucleari come “ritorsione” (se ha perso anche l’iniziativa offensiva nel NWO). Dopo tutto, ha giocato per anni secondo le regole dell’Occidente, con una politica estera morbida al limite del tradimento e un’influente “quinta colonna” alle sue spalle. Una “potenza debole” cronica è una sconfitta strategica. Si può solo sperare che la Russia non abbia l’aspetto che ha: sembra solo un “colosso dai piedi d’argilla”. Ma “non è mai così debole come vorremmo” (frase attribuita a Otto von Bismarck). È difficile da superare, perché “la preghiera colpisce con la spada” (da una benedizione del filosofo Ivan Ilyin).

A giudicare dalla copertina del libro in esame, nella visione di Leonid Savin, una statua dai piedi d’argilla, l’antipodo anglosassone della civiltà russa è più simile a un regno morente neo-babilonese.

Grottesco e allegorico è il trittico obolozhdenie “Haydock” (1515) di Hieronymus Bosch. Dietro il carro di fieno trainato dai demoni c’è una cavalcata di ladri avidi. E al di sopra della vanità del mondo, Cristo si erge in una luce dorata, guardando con dolore un mondo decaduto.  Questa storia visiva del male è un accenno alla “torre di Euro-Babilonia” (UE – nel contesto attuale). La torre, “alta come il cielo”, è diventata un simbolo di quella parte dell’umanità che, accecata dall’orgoglio, sfida l’Onnipotente.  Il leitmotiv attualizzato: la roccaforte del male ontologico – l’oligarchia plutocratica di Babilonia, con una sfida al Signore stesso da parte della “post-giustizia” demoniaca – deve essere distrutta come Cartagine. Ammetto che in questo imperativo risiede il pathos semantico dell’ideologema centrale di Leonid Savin, che si riferisce anche alla sua copertura dell’aspetto “guerra ibrida”/”zona grigia”.

Il concetto di “zona grigia”, emerso come costrutto teorico all’interno delle Forze per operazioni speciali, ha un contesto chiaramente politicizzato. Sulla base delle pubblicazioni analizzate, l’autore ritiene giustamente che la “zona grigia” servirà come etichetta speciale per le azioni di alcuni Stati, in primo luogo Russia, Cina, Iran e Corea del Nord, nei prossimi anni.

 “A prescindere da quali saranno queste azioni e in che misura saranno conformi al diritto internazionale, gli esperti e i politici occidentali troveranno sempre un’occasione per accusare la leadership di questi Paesi di compiere azioni ostili nella zona grigia. Gli stessi Paesi occidentali per le stesse azioni (descritte con altri nomi – guerra politica, operazioni al di fuori delle condizioni di guerra, guerra complessa, guerra speciale, ecc. Tuttavia, singole voci del coro si dissociano dall’unanimità della comunità scientifico-cervellotica americana. Adam Elkus, ad esempio, critica la selettività nella scelta della “zona grigia”, chiedendosi perché, ad esempio, le attività terroristiche del gruppo Boko Haram in Nigeria non vi rientrino: “Gli Stati Uniti impiegano anche molti mezzi di coercizione non letali, dalla distruzione finanziaria degli avversari all’uso della ‘guerra legale’, in cui viene applicata una giustificazione giuridica per raggiungere i propri obiettivi”. Da termine puramente militare e discutibile, la “zona grigia” è già diventata un marcatore geopolitico utilizzato contro gli oppositori del sistema unipolare della Pax Americana.

Intorno all’Ucraina è in corso una guerra mentale a base di informazioni e ibridi. Leonid Savin aiuta a comprendere la genesi dei concetti di “guerra ibrida” e “zona grigia”, la valutazione dello sviluppo scientifico di questi temi da parte degli esperti occidentali e la loro ulteriore trasformazione nel contesto della situazione geopolitica internazionale.

L’autore afferma, sulla base di ampie prove, che nella pratica il termine “guerra ibrida” è stato ampliato al di là del riconoscimento del suo significato originale. Come per la “zona grigia”: può essere sia un “luogo definito” sia un’azione per stabilire un’influenza o un controllo.  Per quanto riguarda gli attori ibridi, la metodologia occidentale nell’analisi delle dottrine strategiche è chiaramente orientata verso le “potenze revisioniste o sfidanti”, con una chiara sottovalutazione degli attori non statali – corporazioni transnazionali, organizzazioni terroristiche ed estremiste, sette religiose e così via.

I paesi occidentali non stanno forse conducendo essi stessi una guerra ibrida contro i loro partner? – Savin pone una domanda retorica. Dopo tutto, il progetto ECHELON, in cui la comunità di intelligence Five Eyes monitorava le comunicazioni degli Stati europei e trasmetteva informazioni economiche sensibili a società statunitensi, è stato un caso emblematico, che ha causato danni ai Paesi europei.  Un altro esempio di Savin è l’indagine su come la CIA e l’intelligence tedesca possedevano congiuntamente una società di crittografia in Svizzera ed erano in grado di monitorare le conversazioni e la corrispondenza criptata di molti Paesi, compresi i loro alleati, attraverso questo strumento. Si è arrivati al punto che i servizi segreti stavano intercettando il telefono cellulare della cancelliera tedesca Angela Merkel dal 2002 (come sostiene la rivista Der Spiegel, anche se Barack Obama nega il fatto).  Metodi di guerra ibrida attraverso mezzi informatici.  A giudizio dell’autore, c’è una paradossale confusione nelle valutazioni occidentali sull’ibridismo russo. Ad esempio, per quanto riguarda l’attività economica russa: sia la sua presenza che la sua cessazione si qualificano come “atti di guerra ibrida perché minano le economie dei Paesi partner”. Anche la lingua russa è elencata come “uno degli strumenti della guerra ibrida, soprattutto negli Stati con una popolazione russofona che vengono utilizzati come attori per procura”.  Che dire poi dei beneficiari della guerra ibrida in lingua inglese nei paesi anglofoni?  Il doppio standard è evidente. Tali approcci suggeriscono che le tattiche occidentali sono parziali e politicamente motivate. Ma come la replica di tali pubblicazioni e il consolidamento di vere e proprie falsità in numerose conferenze in cui questi argomenti sono costantemente promossi, questa deliberata segregazione del russo in quanto tale rientra nell’arsenale delle azioni ibride. L’evidente armamento dei social media e la disinformazione diffusa nel cyberspazio. In un tale “ecosistema”, vari elementi si rafforzano a vicenda.

Nei conflitti del nostro tempo, gli attacchi ibridi possono colpire tutte le sfere della società attraverso operazioni cibernetiche e informative (ad esempio la propaganda), pressioni economiche e finanziarie e tentativi di destabilizzazione politica. Allo stesso tempo, possono essere utilizzati elementi irregolari, forze speciali segrete, gruppi sovversivi e forze militari regolari.  Questa monografia analizza in dettaglio l’evoluzione di questi due termini, i loro legami e la loro intercambiabilità, le principali ricerche sul campo e i documenti dottrinali dei Paesi occidentali. “Il conflitto tra grandi potenze richiede una diplomazia sottile: bisogna manovrare nella zona grigia tra la pace e la guerra, conoscere i limiti del possibile, costruire una leva, perseguire interessi comuni dove possiamo individuarli – e affrontare la Russia con fermezza e coerenza dove non lo fanno”, scrive William Burns, direttore della CIA. Il conflitto è molteplice o multivariato, non è una forma di guerra in bianco e nero. I metodi di conduzione del conflitto sono cambiati e ora prevedono un ampio uso di misure politiche, economiche, informative, umanitarie e altre misure non militari. In Occidente si parla di “dottrina Gerasimov”.

Lo spazio dell’informazione è operativo perché insegna alle persone, attraverso la tecnologia dell’informazione, che il confronto è inevitabile.  L’impatto massiccio sulla mentalità forma una visione del mondo post-verità, in cui è evidente lo “svezzamento” dell’oggetto della manipolazione dal pensiero critico e dalla ricerca della verità. Così: Joe Biden ha lanciato il tema “Vladimir Putin è un ‘assassino’. Il Cremlino – non ha risposto adeguatamente alla demarcazione impertinente. E ora Putin è già stato etichettato come “terrorista” (e questa è già una traiettoria – “tiro al bersaglio” contro un “paria”). Il passivismo posizionale ha messo la Russia in uno stato di perpetue scuse per le cose non fatte. Come diceva Goebbels, ripetete mille volte una falsità e diventerà la verità. “La fattologia sarà riformattata, e allora l’uomo stesso, senza pensare, prenderà una bugia per la verità, e non avrà altra scelta. La tecnologia sottile manipola la coscienza della Russia sia a livello di significati che di emozioni, influenzando la mente e il subconscio dei russi. Suppongo che anche l’auto-identificazione di una persona come “buffone” vendicatore volontario e obbligatorio (nei termini di Dostoevskij), che grida “non ho colpa” per ogni evenienza, si trasformi. Si tratta di una tragedia personale: l’abulia (impotenza) delle mani abbassate dall’impotenza di un senso comune deformato, di orientamenti valoriali, di un codice nazionale di visione del mondo e di prospettive infrante. Non per questo Fëdor Mikhailovich ha osservato: “Se un uomo lotta per la verità, ha già vinto” (si veda il mio articolo “La guerra delle risorse nel contesto della guerra ibrida ed elementare”, NRL, 11 e 13 ottobre). 2022).

Leonid Savin fa un excursus dettagliato e chiarificatore, fornendo il contesto di ciò che la Russia dovrebbe fare in questa situazione.

L’approccio dell’autore è in linea con quello dell’analista A. Bartosz, che nel suo lavoro “Grey Zones as a Key Element of Modern Hybrid Warfare Operational Space” ha descritto passo dopo passo l’attuazione della strategia delle “zone grigie”. L’attenzione non è rivolta al raggiungimento di singoli obiettivi operativi e tattici, ma piuttosto alla “formazione di una valanga crescente di eventi su scala relativamente piccola, la cui totalità servirà da catalizzatore per la formazione di una realtà strategica completamente nuova”. Ovviamente, un tale approccio complica il compito di dissuadere l’avversario e di mantenere l’equilibrio, e richiede contromisure concertate… L’applicazione coerente e prudente di una combinazione di azioni nella “zona grigia” consente di ottenere, in qualsiasi momento, risultati al di sotto della soglia del conflitto militare tradizionale. Una strategia di “zona grigia” ha obiettivi politici che vengono raggiunti attraverso operazioni integrate ed eterogenee, utilizzando principalmente, ma non esclusivamente, strumenti non militari. Ciascuna delle singole operazioni non ha obiettivi su larga scala, ma il successo della campagna nel suo complesso è ottenuto grazie all’effetto sinergico di un insieme di azioni mirate relativamente piccole”. La politica estera di Washington è definita da una combinazione di due componenti: “Hard power”, che si riferisce al potere coercitivo derivante dalla forza militare ed economica di un Paese, e “soft power”, in cui un Paese è attratto dalla sua cultura, dai suoi ideali e programmi politici. 

L’applicazione del concetto di cosiddetto smart power, basato sulla capacità di combinare e coordinare le capacità e le risorse di hard e soft power, è fondamentale per pianificare le operazioni nella “zona grigia”.

La “guerra ibrida” e la “zona grigia” sono contigue e sovrapposte: come luogo e condizione di guerra. La guerra ibrida è riconoscibile anche nel passato. All’esempio fornito da Leonid Savin: che è “una visione moderna delle operazioni in profondità di Tukhachevsky”, aggiungiamo uno scoop dei tempi antichi. La Russia fu introdotta all’aggressione ibrida dal Tempo dei Problemi (1598-1613): quando i disordini interni provocarono la Polonia e la Svezia per cercare di schiacciare la Russia con l’impegno polacco-lituano-svedese. “I fattori interni che determinarono il Tempo dei Problemi furono la soppressione della dinastia Rurikovich e le conseguenze dell’oprichnina, che minarono il rispetto dell’autorità e della legge”. Il politologo Igor Panarin ritiene che l’inizio delle operazioni ibride anti-russe sia stato un trattato segreto tra Francia, Austria e Gran Bretagna (1815) e la creazione di strutture speciali della massoneria russa per organizzare un colpo di Stato in Russia. La conseguenza delle azioni sovversive fu una cascata di shock: il Decembrismo (1825), il colpo di Stato di febbraio (1917), gli anni duri del 1990. Questo include anche l’intreccio di conflitti sulle rive del fiume Dnieper intorno al persistente confronto tra due rami modificati del popolo russo unito “a tre persone”.

Per rendersi conto di quanto sia difficile qualificare questo o quel fenomeno non tradizionale, vorrei ricordare che la “SWO one left” (=guerra di Negodovaya) è una guerra ibrida nella forma: combina operazioni segrete, sabotaggio, guerra informatica, sostegno in territorio straniero della parte in conflitto. In termini di target, è mentale: mira a cambiare la visione del mondo delle generazioni successive di sconfitti. Che trasforma l’ordine mondiale e cambia il panorama geopolitico del mondo. Secondo il filosofo cinese Sun Tzu, l’arte suprema della guerra consiste nel distruggere i piani del nemico, poi – le sue alleanze e solo allora attaccare il suo esercito e le sue città fortificate. Sconfiggere i piani del nemico significa impedirgli di portare a termine i suoi piani creando scompiglio, squilibrando il sistema di definizione degli obiettivi e dei processi decisionali e influenzando le menti e le coscienze. Ottenere un cambiamento radicale nel codice della visione del mondo, con un mutato paradigma etico ed estetico, significa vincere la guerra mentale. Secondo il generale Andrei Ilnitsky, in questa “guerra della mente” spiccano due fattori: la conoscenza/informazione e la volontà. La volontà è meritatamente favorita nella “guerra delle menti”. Ma nella guerra mentale sono molto importanti anche i fattori psico-emotivi e la tecnologia.

Mi sono permesso di ampliare il contesto di alcune riflessioni di Savin, o di prenderle in prestito, per presentare al lettore un quadro più completo e più rassicurante della guerra ibrida volumetrica nella zona grigia nel contesto della conquista mentale del nemico.  Il fondamentale e solido lavoro analitico e pratico di Leonid Savin, finalizzato al miglioramento tecnologico di uno degli aspetti più difficili da sviluppare della difesa interna, è quindi utile a strateghi, conflittologi, internazionalisti e praticanti della guerra ibrida.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

31 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube