Idee&Azione

Analisi del discorso di Vladimir Putin

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il messaggio del Presidente della Russia all’Assemblea federale del 21 febbraio 2023 ha attirato l’attenzione di tutto il mondo. Nonostante il discorso sia stato lungo, esso è stato semplice e conciso, privo di terminologia burocratica, quindi comprensibile e accessibile alla gente comune. L’enfasi principale è stata posta sullo svolgimento dell’Operazione Militare Speciale (nel corso del discorso è stata onorata la memoria dei morti, compresi quelli delle atrocità dei neonazisti e dei punitori ucraini), ma è stata aggiunta una retrospettiva, spiegando i motivi, nonché un’introduzione al prossimo futuro, che riguarda sia la fornitura per i bisogni del fronte, sia ampie questioni sociali.

Tra queste, si può evidenziare un precedente con il pagamento di sussidi di maternità per i nuovi territori. Il programma stesso è operativo in Russia da parecchio tempo, ma il presidente ha affermato che non sarà lanciato quest’anno, ma molto prima. Cioè, questo è ciò che viene chiamato forza retroattiva nella pratica legale. Di solito la legge non ce l’ha. Ma in questo caso si è deciso di estendere l’effetto della legge al passato. Ciò apre la possibilità di azioni simili in altri settori che riguardano l’organizzazione sociale, i bisogni delle persone, il rafforzamento della sovranità e dell’autarchia della Federazione Russa. In realtà, per molti aspetti questo è stato il fulcro del discorso di Vladimir Putin.

Da parte sua, sono state espresse aspre critiche all’Occidente – sulla natura predatoria, l’inganno e i meccanismi di rapina e saccheggio, che sono stati utilizzati dall’Occidente per molto tempo.

Un rimprovero è stato rivolto anche alla grande impresa, o meglio all’oligarchia, che ha portato capitali all’estero e li ha persi dopo l’inizio dell’operazione. Il Presidente ha smesso di investire nello sviluppo e nel benessere del proprio paese, per prendersi cura della conservazione delle nostre tradizioni e del nostro patrimonio. A questo proposito, è stata criticata anche la “cancel culture” in senso lato che fiorisce in Occidente. La rotta verso il conservatorismo e la dignità umana è stata confermata.

Per quanto riguarda la politica estera, la dichiarazione sulla sospensione del trattato sulle armi strategiche offensive ha suscitato la massima risonanza nei media occidentali. Poiché è stato firmato tra due paesi: Russia e Stati Uniti, è rimasta una minaccia da altri paesi della NATO. E gli stessi Stati Uniti hanno continuato a modernizzare le proprie armi nucleari. Pertanto, questa decisione sembra essere corretta. Allo stesso tempo, è necessario rivedere tutti gli altri trattati che limitano in qualche modo la nostra sovranità. In precedenza, la Russia si è ritirata dal Consiglio d’Europa. Ci sono probabilmente una serie di altri accordi che devono essere rivisti. Teoricamente, è possibile denunciare una serie di trattati sui confini, che un tempo sminuivano i nostri confini marittimi e terrestri.

Per quanto riguarda lo START, il Ministero degli Esteri russo ha commentato che vi sono tutte le ragioni per affermare che la politica degli Stati Uniti mira a minare la sicurezza nazionale della Russia, il che contraddice direttamente i principi e le intese fondamentali sanciti nel preambolo dello START, su cui si basa il Trattato e senza il quale non si sarebbe conclusa, si tratta infatti di un cambiamento radicale delle circostanze rispetto a quelle che esistevano al momento della conclusione dello START.

Hanno notato che in un tale ambiente non è più possibile condurre come al solito affari con gli Stati Uniti e l’Occidente in generale, sia in linea di principio che in relazione alla sfera del controllo degli armamenti, che è inseparabile dall’aspetto geopolitico e della realtà strategico-militare.

Inoltre, gravi cambiamenti nel panorama della sicurezza sono anche legati al fatto che il consolidamento dei paesi occidentali su suolo anti-russo sta influenzando sempre più aspetti della loro politica nucleare. In particolare, i membri della NATO, che praticano da decenni le cosiddette “missioni nucleari congiunte” e da qualche tempo hanno apertamente dichiarato il blocco del Nord Atlantico una “alleanza nucleare”, stanno aumentando l’enfasi sulle armi nucleari nell’ambito concettuale a livello delle linee guida della NATO, dichiarando la loro attenzione sull’ulteriore rafforzamento e aumento della prontezza al combattimento dei potenziali “assegnati” alla NATO in questo settore. Ci sono richieste per espandere l’infrastruttura nucleare del blocco e spostarla verso est. «La direzione di questi sforzi contro il nostro Paese non è nascosta», ha affermato il Ministero in una nota.

Il Ministero degli Esteri russo ha anche aggiunto che «la decisione di sospendere lo START potrebbe essere reversibile. Per fare ciò, Washington deve mostrare volontà politica, compiere sforzi coscienziosi per ridurre la tensione e creare le condizioni per la ripresa del pieno funzionamento del Trattato e, di conseguenza, garantire in modo completo la sua fattibilità. Esortiamo la parte americana a fare proprio questo. Fino ad allora, qualsiasi nostro passo verso Washington nel contesto dello START è assolutamente fuori discussione».

Questa interpretazione del Ministero degli Esteri invia un segnale inequivocabile agli Stati Uniti che è quello secondo cui l’amministrazione di Washington dovrebbe essere la prima a iniziare a elaborare passi verso la normalizzazione. Ovviamente, questo andrà oltre il New START e includerà altre questioni, in primo luogo il fattore ucraino. Oltre agli Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno qualcosa a cui pensare, poiché ora la Russia terrà conto non solo della parità con gli Stati Uniti, ma anche con la NATO nel suo insieme, in particolare i paesi nucleari dell’alleanza. Pertanto, l’Occidente dovrà pensare a una nuova architettura di sicurezza europea, sebbene Mosca abbia proposto di risolvere questo problema nel 2021.

Il discorso di Vladimir Putin può essere definito positivo e costruttivo. inoltre, è stato rivolto un appello ai funzionari affinché evitino una routine prolungata nell’interazione interdipartimentale, per rispondere più rapidamente ai bisogni delle persone, in particolare dei militari e dei volontari che sono in prima linea.

Resta da lanciare un meccanismo per monitorare l’attuazione in modo che il potere statale passi finalmente ai binari sociali e non sia alienato dalla realtà. Poiché nella situazione attuale è necessario prendere decisioni rapide e adeguate.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: AP

26 febbraio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube