Secondo mondo, semiperiferia e civiltà statale in una teoria del mondo multipolare [3]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Stati-Civilizzazione

Veniamo a un terzo concetto, cruciale per comprendere la transizione da un mondo unipolare a uno multipolare e il posto dei Paesi BRICS in questo processo. Stiamo parlando del concetto di Stato di civiltà. Questa idea è stata formulata da studiosi cinesi (in particolare dal professor Zhang Weiwei [1]) e il più delle volte il concetto di Stato-Civilizzazione viene applicato alla Cina moderna e poi per analogia alla Russia, all’India, ecc. Nel contesto russo, una teoria simile è stata avanzata dagli eurasiatici, che hanno proposto il concetto di Stato-Pace [2]. In realtà, in quella tendenza, la Russia era intesa come una civiltà, non solo come uno dei Paesi, da cui il principale concetto eurasiatico – Russia-Eurasia.

In realtà, Samuel Huntington aveva già suggerito il passaggio alla civiltà come nuovo tema delle relazioni internazionali nel suo perspicace, se non preveggente, articolo “Lo scontro delle civiltà” [3]. L’esperto anglo-italiano di Relazioni Internazionali Fabio Petito [4] ha precisato che le relazioni tra civiltà non producono necessariamente conflitti, così come nella teoria del realismo delle Relazioni Internazionali una guerra è sempre possibile tra qualsiasi Stato-nazione (ciò deriva dalla definizione di sovranità) ma tutt’altro che sempre avviene nella pratica. Ciò che conta è lo spostamento del tema della sovranità, dallo Stato-nazione alla civiltà. Questo è esattamente ciò che prevede Huntington.

Lo Stato-civiltà si definisce attraverso due negazioni:

  • non è la stessa cosa dello Stato-nazione (nella teoria realista del ME), e
  • non è la stessa cosa di un governo mondiale che unisca l’umanità (nella teoria del liberalismo in IR).

È una via di mezzo: lo Stato-Civiltà può comprendere diversi popoli (nazioni), confessioni e persino sotto-Stati. Ma non rivendica mai l’unicità e la portata planetaria. È fondamentalmente su larga scala e durevole, indipendentemente dal cambiamento di ideologie, facciate, culture e confini formali. Lo Stato-civiltà può esistere come impero centralizzato, o come suoi echi, resti, frammenti, capaci in determinate circostanze storiche di ricomporsi in un unico insieme.

Lo Stato nazionale è emerso in Europa in epoca moderna. Lo Stato-Civiltà esiste da tempo immemorabile. Huntington ha notato un nuovo emergere di civiltà in una situazione particolare. Nella seconda metà del XX secolo gli Stati nazionali si sono inizialmente riuniti in due blocchi ideologici, capitalista e socialista, e successivamente, dopo il crollo dell’URSS, l’ordine liberale ha prevalso nel mondo (Fine della storia di Fukuyama [5]). Huntington riteneva che l’unipolarismo e la vittoria globale dell’Occidente liberale capitalista fossero un’illusione a breve termine. La diffusione globale del liberalismo può completare la decadenza degli Stati nazionali e abolire l’ideologia comunista, ma non può sostituire identità di civiltà più profonde e apparentemente scomparse da tempo e così è successo. Gradualmente, sono state le civiltà a pretendere di essere i principali attori della politica internazionale – i suoi soggetti, ma ciò implica il conferimento dello status di “politicizzazione”, da cui il concetto di Stato-Civilizzazione.

 Ci sono forze e modelli all’opera nello Stato-Civilizzazione che la moderna scienza politica occidentale non riesce a cogliere. Non sono riducibili alle strutture dello Stato nazionale e non possono essere comprese dall’analisi macro e microeconomica. I termini “dittatura”, “democrazia”, “autoritarismo”, “totalitarismo”, “progresso sociale”, “diritti umani”, ecc. non hanno qui alcun significato o richiedono una traduzione fondamentale. L’identità civica, il significato statuale e sociale della cultura, il peso dei valori tradizionali: tutti questi aspetti sono deliberatamente scartati dalla scienza politica moderna e vengono alla luce solo nello studio delle società arcaiche. Tuttavia, tali società sono notoriamente deboli dal punto di vista politico e fungono da oggetto di ricerca o di modernizzazione. Le civiltà-Stato hanno il loro potere sovrano, il loro potenziale intellettuale, la loro forma di autocoscienza. Sono soggetti, non oggetti, di studio o di “aiuto allo sviluppo” (cioè di colonialismo mascherato), son si limitano a rifiutare l’Occidente come modello universale, ma tagliano fortemente l’influenza del soft power occidentale all’interno dei propri confini. Estendono la loro influenza oltre i confini nazionali, non solo difendendo ma anche contrattaccando, proponendo le loro teorie di integrazione e progetti ambiziosi. Come il BRI o la Comunità economica eurasiatica, la SCO o i BRICS.

La Cina viene presa come esempio di Stato di civiltà per un motivo. La sua identità e il suo potere sono i più esemplificativi. La Russia contemporanea si è avvicinata a questo status e l’operazione militare speciale in Ucraina, accompagnata dal ritiro dalle reti globali, è una delle prove di questa volontà profonda e potente. Ma mentre la Russia e in gran parte la Cina stanno costruendo con successo i loro Stati-civiltà sul confronto diretto con l’Occidente, l’India (soprattutto sotto il governo nazionalista di Modi) sta cercando di ottenere lo stesso risultato affidandosi all’Occidente, e molti Paesi islamici che mirano allo stesso obiettivo (soprattutto Iran, Turchia, Pakistan, ecc.) stanno combinando entrambe le strategie – confronto (Iran) e alleanza (Turchia). Ma ovunque si va verso una cosa: l’istituzione di uno Stato-civiltà.

 

Il Secondo Mondo come nuovo paradigma universale del ME

Ora mettiamo insieme questi concetti. Abbiamo una serie concettuale:

secondo mondo — semiperiferia — Stato-Civiltà

“Secondo mondo” è una definizione che sottolinea il carattere intermedio dei Paesi che oggi optano per il multipolarismo e rifiutano l’unipolarismo e il globalismo, cioè l’egemonia del “primo mondo”. In termini di livello di sviluppo economico e di grado di modernizzazione, il “secondo mondo” corrisponde alla semiperiferia della teoria del sistema mondiale. Tuttavia, a differenza di Wallerstein, questa semiperiferia non riconosce l’inevitabilità della scissione in un’élite integrata nel globalismo mondiale e in una massa ferina e arcaica, ma afferma l’identità e l’unità della società che condivide un’unica identità, sia in alto che in basso.

I poli del “secondo mondo” (la semiperiferia) sono gli Stati di civiltà – sia reali (Cina, Russia) che potenziali (mondo islamico, America Latina, Africa).

Armati di questo apparato, possiamo ora comprendere meglio i BRICS. Finora si tratta di un’alleanza piuttosto convenzionale, o meglio di un club di Stati-civiltà (espliciti e impliciti), che rappresentano il “secondo mondo” e soddisfano i criteri di base della semiperiferia. Tuttavia, questo club si trova in una situazione eccezionale nel contesto attuale: il XX secolo ha visto una significativa erosione della sovranità degli Stati nazionali, che hanno perso gran parte del loro contenuto a causa dell’eccessiva formalizzazione del loro status nell’ambito delle Nazioni Unite e della loro divisione in campi ideologici. In un sistema bipolare, le sovranità erano quasi scontate a favore dei due principali centri decisionali – Washington e Mosca. Erano questi poli ad essere assolutamente sovrani, e tutti gli altri Stati nazionali solo parzialmente e relativamente. La fine dell’URSS e lo scioglimento del Patto di Varsavia non hanno portato a un nuovo consolidamento degli Stati nazionali, ma hanno temporaneamente cementato il mondo unipolare, che nel corso della globalizzazione ha cercato di insistere sul fatto che solo Washington e il sistema liberale occidentale di valori e regole avessero d’ora in poi la sovranità su scala universale.

Il passo logico successivo sarebbe stato la dichiarazione di un governo mondiale, come richiesto da Fukuyama, Soros e Schwab, il fondatore del Forum di Davos. Ma questo processo è deragliato, sia per le contraddizioni interne sia – e soprattutto! – la ribellione diretta di Russia e Cina contro l’unipolarismo consolidato. Sono stati quindi il “secondo mondo”, la semiperiferia e gli Stati-civiltà a sfidare il globalismo e a prepararne il crollo e quello che sembrava un fenomeno temporaneo e transitorio – la semiperiferia, i BRICS – si è rivelato qualcosa di molto più grande. Ciò ha posto le basi per un mondo multipolare in cui il “secondo mondo”, la semi-periferia e le civiltà-Stato sono diventati i principali trend-setter della politica mondiale, andando ben oltre lo status che le teorie occidentali-centriche delle relazioni internazionali, compresa la versione trotskista del marxismo (Wallerstein) prescrivevano per loro.

La tesi dello Stato-Civiltà, se sostenuta dai membri del club multipolare, cioè il “secondo mondo” (in primo luogo i Paesi BRICS), significherebbe una completa ristrutturazione dell’intero quadro mondiale.

L’Occidente, il “primo mondo”, il nucleo centrale, si trasformerà da centro globale a centro regionale. D’ora in poi non sarà più la misura delle cose, ma uno degli Stati-Civiltà, o addirittura due: il Nord America e l’Europa. Ma oltre a loro, ci saranno Stati-Civiltà equivalenti – Cina, Russia, India, mondo islamico, America Latina, Africa, eccetera – abbastanza competitivi e di pari valore in tutti i sensi. Nulla in esse sarà futuro o passato, ma tutte diventeranno zone di presente e di libera scelta.

Questo è il futuro, ma già ora è chiaro che, sommando i potenziali dei due Stati-Civiltà, il loro potenziale combinato è in grado di bilanciare l’Occidente sui parametri principali, il che lo rende già relativo e riduce le sue pretese globali a confini regionali abbastanza definiti. È la definizione di questi nuovi confini dell’Occidente, che sta smettendo di essere un fenomeno globale e si sta trasformando in una potenza regionale (da Governo e nucleo mondiale a Stato-Civiltà occidentale), a determinare l’operazione militare della Russia in Ucraina e la probabile instaurazione del controllo diretto cinese su Taiwan.

Spesso (ma non sempre) il cambiamento dell’ordine mondiale avviene attraverso le guerre, comprese quelle mondiali. La costruzione di un mondo multipolare avverrà, ahimè, attraverso le guerre. Se le guerre in quanto tali non possono essere evitate, è possibile limitarne deliberatamente la portata, determinarne le regole e stabilirne le leggi. Per farlo, però, è necessario riconoscere la logica su cui si fonda il multipolarismo e, di conseguenza, esaminare i fondamenti concettuali e teorici di un mondo multipolare.

Note

[1] Zhang Weiwei. The China Wave: Rise of a Civilizational State. Singapore: World Scientific Publishing, 2012.

[2] Основы евразийства. М.: Партия «Евразия», 2002.

[3] Huntington S. The Clash of Civilizations and the Remaking of World Order.

[4] Petito F., Michael M.S. (ed.), Civilizational Dialogue and World Order: The Other Politics of Cultures, Religions, and Civilizations in International Relations (Culture and Religion in International Relations). London:  Palgrave Macmillan,  2009.

[5]Fukuyama F.  The End of History and the Last Man. NY: Free Press, 1992.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

29 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube